Passa ai contenuti principali

Tempo che passa

Transiti di Rachel Cusk è un breve romanzo che sembra più la raccolta di tanti racconti. La voce del narratore quasi sparisce di fronte alle storie dei personaggi che incontra, che diventano man mano i protagonisti. Ci sono pagine di narrazione molto belle e piacevoli, riflessioni che possono scaturire da qualsiasi fatto apparentemente insignificante, come l'acquisto di un cane. Sembra dire che ogni azione, come ogni uomo o donna dell'orbe terracqueo, possono avere alle spalle una storia che, se sei capace di raccontarla, ha la potenzialità di diventare un racconto interessante.
Rachel Cusk ha senza dubbio questa capacità.

 

Quando abbiamo smesso di capire il mondo è una serie di racconti-aneddoti che prendono spunto da personaggi e fatti veri per poi discostarsene completamente e diventare piccoli nuclei di racconti inventati, collegati fra loro in modo che, se fossero veri, darebbero quasi un filo conduttore capace di collegare alcuni fra i principali eventi storici e scientifici del passato recente. Questi fili però, va ricordato, sono finzione, però è bello lo stesso immergersi in questa serie di "sarebbe anche potuto essere davvero così" e vedere le follie di scienziati geniali intenti non solo a trovare leggi e un linguaggio per descrivere il mondo, ma anche a distruggere quelle stesse leggi per creare un mondo nuovo. La capacità di immaginare è allora indispensabile per poter trovare le equazioni che spiegano l'Universo, e la fisica diventa poesia.
Pare che Benjamín Labatut, autore del libro, sia un personaggio abbastanza bizzarro, come si capisce dall'intervista che si trova qui.


Io, invece, ho ricominciato a lavorare da lunedì, dopo due settimane di ferie, di cui una passata in vacanza fra l'Umbria, la costiera amalfitana e la val d'Orcia. Finalmente un viaggio itinerante, anche se vicino, finalmente una vacanza che ci somiglia di più.
Siamo rientrati poveri ma devo dire felici, e la settimana a casa ci ha permesso di rilassarci abbastanza da non avere troppi rimpianti per il poco tempo dedicato allo svago. È stato un anno molto particolare, soprattutto per mio marito, e riprendere a lavorare era per entrambi davvero necessario, ma per fortuna anche piacevole, in qualche modo. Spero che avremo occasione di prenderci più pause, fra un pochino almeno.
Fra l'altro è stata pure un'estate molto corta anche perché luglio ci ha visti con un po' di acciacchi, fra virus intestinali e rogne post-vaccino, ma tanto io sogno sempre l'autunno e va bene, l'autunno si sta davvero già facendo sentire. Tanto che, dopo la pausa estiva causa caldo, ho anche già ripreso a correre proprio questa settimana. 

Dafne ovviamente cresce e diventa sempre più indipendente e impertinente, ci litigo più o meno tutto il tempo. Non ho capito se sono io o se è lei, ma non avendo un carattere litigioso, ho come idea che sia lei... :p Poi il tutto è controbilanciato da grandi slanci di affetto e abbracci strettissimi, per fortuna. Ma è strano, perché non sono abituata, ho sempre amato i rapporti lisci e poco burrascosi, ma lei è mia figlia e se è così, è così (con mio marito i litigi si possono contare sulle dita di una mano, credo, in questi quanti? 12 anni). 

E in generale, come sto? Altalenante, direi. La parola che mi viene oggi, però, è in pace. In questo momento sì, mi sento abbastanza in pace, forse è l'effetto relax che si protrae, o forse è la consapevolezza che, con gli anni, pian piano arriva e si stende dentro di noi tanto quanto fuori si manifestano rughe, capelli bianchi e cedimenti vari. Il tempo passa e non può fare altro, no?



Commenti

Post popolari in questo blog

Confessioni

Devo dirlo, ultimamente ho pensato abbastanza seriamente di abbandonare il blog. Non ho ancora deciso cosa farò, magari morirà da solo così, senza annunci eclatanti, ché tanto. Questo ultimo periodo è stato molto intenso, molto lavoro, organizzazione con la piccola, pensieri vari... Ieri ho fatto anch'io la prima dose di vaccino, chissà, si tornerà alla quasi normalità? Almeno sto bene e, a parte un po' di dolore al braccio, non ho avuto altro.  Mio marito lavora di nuovo per la multinazionale, anche se in modo diverso, mi sembra felice. Ma c'è di meno a casa, quindi sono un po' più affaticata anch'io. Mi manca un po'. Dafne cresce, cresce tantissimo e a vista d'occhio, mi manca moltissimo quando era piccolina, ma d'altro canto apprezzo molto le cose che potenzialmente posso fare ora. Ho letto pochissimo, quasi nulla, perché è un periodo che va così. Non me ne cruccio perché leggo per lavoro comunque, e perché non vale la pena crucciarsi. Tornerà il mome

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grad

Distrazioni

In questo periodo di grandi incertezze, ci sono pochi momenti che mi rimettono in pace con il mondo come quando leggo, quando sto con la mia famiglia, quando passeggio in montagna o comunque in mezzo alla natura. Sto con la mia famiglia sempre, più o meno, ma ci sto veramente quando dimentico di avere uno smartphone. Quindi ciò che accomuna le tre attività, oltre al piacere in sé di farle, è stare lontana dalle distrazioni digitali. A questo proposito, ho letto un saggio molto interessante che si intitola 8 secondi , di Lisa Iotti (ilSaggiatore). Il titolo rimanda alla convinzione diffusa che l'attenzione di un pesce rosso su una cosa duri non più di 8 secondi: a quanto pare ci stiamo avvicinando pericolosamente a quel record negativo. L'autrice ha fatto delle ricerche, recandosi in diversi istituti dove scienziati stanno cercando di capire quali possano essere gli effetti a lungo termine dell'uso sempre più massiccio di smartphone e social network. Lo consiglio davvero a t