Passa ai contenuti principali

Confessioni

Devo dirlo, ultimamente ho pensato abbastanza seriamente di abbandonare il blog.
Non ho ancora deciso cosa farò, magari morirà da solo così, senza annunci eclatanti, ché tanto.
Questo ultimo periodo è stato molto intenso, molto lavoro, organizzazione con la piccola, pensieri vari... Ieri ho fatto anch'io la prima dose di vaccino, chissà, si tornerà alla quasi normalità? Almeno sto bene e, a parte un po' di dolore al braccio, non ho avuto altro. 

Mio marito lavora di nuovo per la multinazionale, anche se in modo diverso, mi sembra felice. Ma c'è di meno a casa, quindi sono un po' più affaticata anch'io. Mi manca un po'.
Dafne cresce, cresce tantissimo e a vista d'occhio, mi manca moltissimo quando era piccolina, ma d'altro canto apprezzo molto le cose che potenzialmente posso fare ora.

Ho letto pochissimo, quasi nulla, perché è un periodo che va così. Non me ne cruccio perché leggo per lavoro comunque, e perché non vale la pena crucciarsi. Tornerà il momento.
Non riesco ad andare a correre perché è arrivato il caldo, deciderò se allungare le passeggiate, se riprovarci lo stesso, o se inforcare la bici. O se non fare niente.

Vorrei dire che va tutto bene ma la verità è che non è proprio così. Ultimamente mi sento un po' giù quindi ho bisogno di esercitarmi a stare bene e a sentirmi serena. Forse per questo ho mollato molto internet, compreso questo blog. Credo, fondamentalmente, di sentirmi un po' sola. Devo trovare il modo per far quadrare bene questa cosa, perché a me in realtà la solitudine piace, ma evidentemente c'è qualcosa che mi manca. Non so bene. È stato un anno difficile che ha accentuato difetti della vita che prima ci pesavano meno, forse.
Ogni volta c'è da ritrovare un po' di equilibrio; se come sempre i momenti di arresto sono il preludio di momenti migliori, allora va bene, me lo vivo e cerco di tirarne fuori il meglio.

Di recente ho corretto un libro di cui mi è rimasta impressa la frase: «Ogni volta che ti trovi a dover scegliere se deludere gli altri o deludere te stessa, scegli sempre di deludere gli altri».
La trovo una frase importante, probabilmente perché è una frase che mi serve, anche se non ho capito bene come. O dove.




Commenti

magma ha detto…
Ciao Miky,
passo di qui ogni tanto, anche io ho tanto da fare ed ho mollato la scrittura sul mio blog, ma la lettura sul tuo quando posso l'ho mantenuta.

Oggi ho trovato molto calzante, anche per me, la frase del libro che hai citato, quella sul deludere gli altri o sé stessi.

Quindi spero che non chiuderai il blog, magari è un periodo, al limite lo puoi lasciare aperto senza scriverci. Qualcosa arriva agli altri, come per me stavolta, anche se non sempre si hanno il tempo o le parole per lasciare un commento. :)

Daniele
Miky ha detto…
Ciao Dani,
grazie per aver lasciato un commento. Proprio ieri stavo per scrivere un post, poi non ho più avuto tempo. Non credo riuscirei mai ad abbandonarlo del tutto, o comunque non a cancellarlo, ci sono parecchi ricordi qui dentro, e magari se di tanto in tanto mi passa per la testa di scriverci ancora lo farò.
Grazie per il tuo punto di vista :)

A presto!
bob ha detto…
Ciao Miky, chiaramente il blog e' tuo e ci fai quello che vuoi, ma volevo farti sapere che anch'io passo di qui periodicamente e leggo i tuoi post. Mi piace come scrivi e spesso mi ci ritrovo nelle tue parole. Spero che continuerai a scrivere. Se ti puo' consolare, io ho fatto entrambe le dosi a marzo e qui siamo praticamente tornati alla normalita', non portiamo neanche piu' le mascherine. Vedrai che tornerete presto a scorrazzare in giro anche voi.
Miky ha detto…
Ciao Bob,
da questo punto di vista devo dire che anche qui va molto meglio, ormai ci si muove liberamente (entro i confini almeno), e domenica ho la seconda dose di vaccino pure io.
Grazie per aver lasciato il commento, mi piace avere questo "diario" a cui tornare di tanto in tanto, quindi suppongo continuerò a farlo.
Un abbraccio

Post popolari in questo blog

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grad

Un saluto

Ecco qui, nell'anno più assurdo di sempre anche il nonno non c'è più. Ogni volta che un nonno se ne va (ed è la seconda volta che mi capita) ho sempre lo stesso pensiero: anche se te l'aspetti, anche se sai che probabilmente saranno i primi a lasciarci, non mi capacito di come sia possibile. Perché è come se loro ci fossero da sempre, e il vuoto che si crea è davvero ingombrante. Erano già adulti quando i nostri genitori erano piccoli, erano adulti e ancora in gran forma quando noi eravamo piccoli, e da quando siamo adulti abbiamo iniziato a notarne il lento invecchiamento, ma c'erano. C'erano sempre. Come un albero che dopo anni ha messo radici profonde, se viene eradicato lascia un buco enorme. E ora, di colpo, succede che il nonno non c'è più. Ieri pomeriggio c'è stato il funerale, che di questi tempi è un evento strano: dà fastidio stare in mezzo alla gente, non tutti rispettano le distanze ma capisco anche il gesto spontaneo di venire ad abbracciare o s

Salvarsi da soli

Forse non sarà molto edificante, ma tant'è. Sono anni che voglio scrivere queste cose, forse è il momento, forse ho trovato il modo per metterla giù. Sono passati dieci anni. Da quando ho aperto il blog, per esempio. Il 2008 è stato per me l'anno più strano di tutti, penso. È iniziato con mia madre che mi dice che l'ho delusa, è finito con una sbronza colossale di vodka, con me che sproloquio e rischio di farmi pure del male e non me ne ricordo nemmeno. Oh, sì, ora ne sorrido anche – la vodka è pericolosissima e mi provoca profondi vuoti di memoria – ma sul momento... che vergogna, ragazzi. Nel mezzo ci sono state tante, forse troppe cose. C'è stata sofferenza e paura di restare sola, la ricerca di persone vicine, vicine fisicamente ma lontanissime per tutto il resto. E qui mi sono fregata. Prima sono stata insieme a una persona totalmente anaffettiva, che mi faceva del male – emotivo ma anche fisico, seppure non da denuncia – per fortuna mi sono riavuta