Passa ai contenuti principali

Cose da donne (post ad alto contenuto di NOIA per i maschi, temo)

Ogni tanto mi capita di pormi questa domanda: Ma io non mi trucco mai perché non sono capace o non sono capace perché non mi trucco mai?
Un bel circolo vizioso al quale non so dare risposta.
Altro quesito: Perché le donne hanno bisogno di truccarsi e i maschi no?
Oscillo fra queste due opinioni: la prima, quella femminista, è che ci trucchiamo per una sorta di imposizione dovuta a un'idea culturale sbagliata, un'errata idea dell'immagine della donna che ci è stata propinata per anni eccetera eccetera.
L'altra è che abbiamo ormoni differenti, e quelli femminili che sono così soggetti a tanti scompensi ci fanno venire una pelle schifa, di tanto in tanto (mestruazioni in arrivo? Tac, un bel brufolo sul mento, o sul naso, che è peggio), o un aspetto che parliamone.
Altra idea ancora, è che noi ci guardiamo allo specchio alla ricerca di tutto quello che non vorremmo vedere mentre non lo facciamo con gli uomini, né lo fanno loro con se stessi. E poi si possono coprire un po' con la barba, che non guasta.
Io comunque il problema l'ho risolto a monte: non so truccarmi, sono troppo pigra per imparare a farlo, ma soprattutto non me ne frega una cippa.
Poi sì, al matrimonio mi sono fatta truccare, ma d'altra parte indossavo anche un vestito che non avrei mai più messo, se mi devo mascherare io lo faccio fino in fondo! Detto così sembra brutto, ma sul serio, a nessuno il matrimonio fa pensare a una specie di festa in maschera? Per fortuna che comunque sapevo chi ero e cosa volevo, su questo non si mente. Per una volta ho fatto a meno di stare a pensare che non ne avevo voglia, ho evitato di sorbirmi critiche di chi è abituato alle cose in un certo modo e mi sono sottoposta a questa cosa, e devo dire che mi ci sono pure divertita. Però, mai più.
Che io sia stata influenzata da una madre che non ha nemmeno i buchi per gli orecchini (non vedere una persona in casa tutti i giorni che si trucca deve avermi, per osmosi, trasmesso l'idea che non sia necessario) o che sia stata anche un po' colpa di Shakespeare (Amleto: «Dio vi ha dato una faccia, voi ve ne fate un'altra»), fatto sta che ormai mi sono abituata a vedermi la faccia così com'è. Per fortuna.
Conosco persone che non ho mai visto senza trucco e credo non se lo tolgano nemmeno mai. A volte vorrei sapermi mettere anch'io qualcosa in faccia, quando sono stanca oppure ho passato la notte in bianco o vorrei farmi una foto e risultare decente e invece sono un po' emaciata. 
Sì, non è che mi piaccia sempre, sono una donna, per carità. Ho imparato però a guardarmi allo specchio abbastanza a lungo da far sparire i difetti. Davvero. Invece di concentrarmi sulle occhiaie, cerco la visione d'insieme. Tanto dicono tutti che noi donne allo specchio ci vediamo più grasse di quanto non siamo e con più difetti di quanti non abbiamo, quindi tanto vale allenare il cervello a vedere quello che vuole. Poi gli altri vedranno quel che vedranno e pace. C'è chi trova il difetto ovunque e chi guarda solo il bello delle cose, probabilmente preferisco avere l'ottimismo di incontrare persone ottimiste.
E così al posto di truccarmi e ingannare gli altri, cerco di truccare il mio cervello e ingannare me. Poi tanto non mi guardo più o meno per il resto della giornata! In fondo non è così che si fa? Quando sei triste cerca di ridere lo stesso e starai meglio: quanti problemi si risolvono con l'autoconvinzione? 

Commenti

Mareva ha detto…
Io penso sempre a come vedo gli altri: i difetti (un brufolo, le occhiaie ecc.) li noto di rado o quando me li fanno notare, ad esempio e quindi mi dico: vuoi che lo stesso non accada anche all'inverso? Quel brufolo che a me sembra enorme gli altri lo noteranno a male pena.

Hai ragione, bisogna ingannare il cervello!
Io mi trucco poco o nulla. Metto solo un po' di rimmel e ogni tanto un po' di cipria. Fine. Praticamente sono uguale a prima!
Miky ha detto…
pure io, se mi metto qualcosa nemmeno si vede, dietro gli occhiali poi ancora meno, immagino :)
bob ha detto…
ai maschietti tanto non piacciono i chili di trucco in faccia, e' una fissazione tutta femminile.
Miky ha detto…
as usual.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…