Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2013

Varietà

Premetto che è un giudizio a pelle e privo di approfondimenti.

Non ho mai visto Masterchef e non ci tengo, non amo molto le trasmissioni di quel genere, confesso che per quanto facesse ridere a volte Gordon Ramsay, pure con lui riuscivo a resistere meno di cinque minuti. E comunque c'era qualcosa di diverso nelle sfuriate di Ramsay, sembrava incazzarsi con vera passione, non perché credeva di essere dio, ma perché era il capo.
'Sti tre, invece, Cracco, Bastianich e Stamminchia (non mi ricordo come si chiama e non ho voglia di cercare su internet) mi sembrano soltanto tre pigne in culo che recitano il ruolo dei supremi. Sarebbe divertente metterli dall'altra parte, che so, a fare gli avvocati per esempio (guardando la Bignardi ho visto che è un avvocato ad aver vinto) e mandarli in pasto agli squali.
Ma quand'è che sono diventate di moda queste trasmissioni dove a quanto pare il pubblico gode a veder svilire e umiliare delle persone da parte di qualche cazzone insignif…

Senza troppe illusioni

Ho scritto "impeganto" invece che "impegnato" nel post precedente e nessuno me lo dice!
Scherzi a parte, qui siamo pronti ad andare a votare. Nel senso che abbiamo recuperato le nostre nuove tessere elettorali (causa cambio di residenza, naturalmente), non nel senso che siamo entusiasti di andare a votare, come al solito, il meno peggio. Proprio ieri sera ho visto questa vignetta:






Non si può che essere d'accordo, purtroppo. E non fa ridere, per niente.
Anche se tutto sommato un clima di aspettativa lo si percepisce, quindi speriamo che dopo queste elezioni si metta in moto qualcosa di buono. (Si sente la disillusione nel tono?)

Dal punto di vista personale, ci sono delle cose per le quali non posso che essere felice, anche se ancora la "quadratura del cerchio" no, non l'ho trovata. Sto riflettendo molto su come avvicinarmici, o almeno trovare il modo di mettermi in pace con il mio animo.
Sono i primi due giorni di pausa da parecchio tempo a questa…

Sono trent'anni...

...che non vedo Sanremo, non comincerò certo quest'anno.
Forse per qualcosa meriterà, ne varrà anche la pena, ma non ce la faccio a perdere la serata a rompermi i coglioni che non ho per qualche minuto divertente. Tanto poi qualunque cosa ti arriva alle orecchie lo stesso, anche se non vuoi. C'è chi ti fa la telecronaca minuto per minuto su facebook, per dire. Quindi posso dire che la canzone di Elio è ovviamente una spanna avanti a tutti, ma si sapeva già (sarò di parte, ma anche no). Di tutto il resto, non ho alcun interesse.
Oltretutto provo una naturale repulsione nei confronti di Fabio Fazio, e diciamocelo, la Littizzetto fa ridere ma dopo un po' smarona pure lei.
Ieri sera dopo i due bicchieri di vino rosso in centro a PN e la pizza a casa, ci siamo svaccati sul divano a cazzeggiare e poi abbiamo guardato Bones. Mi pare ottimo e senza pretese come San Valentino, come qualunque giovedì sera, d'altra parte, al quale arriviamo sempre troppo stanchi.
E poi festeggere…

Tipico FS

Sono reduce da giorni di un'intensità lavorativa non da poco. Ma ne sono uscita, viva.
E sono uscita viva anche da Trenitalia, nonostante oggi abbia messo a durissima prova la mia pazienza. Ma non mi sono arrabbiata. Ho pazientato senza incavolarmi. Così si sta meglio. Anche se era sabato. Anche se era sabato e diluviava e c'era vento e freddo. Anche se era sabato e dovevo andare a Udine per un lavoro urgente (urgente come al solito). Anche se stamattina a cinque minuti dal suo arrivo il mio treno è stato soppresso. E per quello dopo dovevo aspettare mezz'ora. Mezz'ora più gli ulteriori dieci minuti di ritardo. E anche se al ritorno, preso il treno alle cinque e mezza con mia somma gioia perché avevo finito un'ora prima di quel che credevo, suddetto treno si è fermato un'ora e mezza perché tra Casarsa e Pordenone era caduto un albero. E quindi a casa ci sono arrivata solo alle otto. Ed era sabato. Ed è sabato. Comunque stasera avevamo il tato (con febbre, oltre…