Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

Più leggeri

A volte ho la sensazione di aver abbandonato il blog, eppure se guardo la data in cui ho scritto l'ultimo post mi accorgo che sì, è passata una settimana, ma una settimana non è mica tanto. Eppure nel mezzo continuano a esserci sempre così tante cose, tante cose di cui vorrei avere il tempo di scrivere e che vorrei riuscire a elaborare meglio, e alla fine invece devo sempre fare solo post riassuntivi. Presto arriverà un post-diario, sarà l'unico – almeno credo – nel suo genere, raccoglierà più cose di più giornate ma lo pubblicherò in un giorno solo tutto insieme. Il motivo è che c'è un po' di percorso da fare ancora e quindi non voglio affrettare le cose.
Oggi fuori è grigio: abbiamo passato giornate bellissime di un autunno sfolgorante, con le foglie rosse e gialle sugli alberi su cui cadevano i riflessi dei raggi del sole illuminando tutto. Oggi invece è più quell'autunno del sto-a-casa-con-la-mia-tazza-di-tè-e-guai-a-chi-mi-chiede-di-uscire. Pare che domani pio…

Besciamella

Be', abbiamo fatto la besciamella e riproposto la moussaka vegetariana che abbiamo mangiato in Grecia quest'estate.
Questo significa che ormai, besciamella venuta bene, ragù del marito sempre buonissimo = siamo pronti per prepararci le lasagne. Diventeremo un giorno anche noi dei nonni dai quali andare a mangiare il pasticcio. :) Parentesi culinarie a parte, non è che abbia poco da dire, anzi, ho moltissimo da dire, però ho anche moltissimo da fare e non riesco a prendermi un po' di tempo per scrivere con calma. Ma non mi dispiace: ci sono periodi di grande lavoro – e di parecchie entrate, per fortuna – e grandi letture, e poi ci sono i periodi in cui ho più voglia di scrivere. In questo momento la voglia non manca ma è meno pressante, e forse perché ho la testa pienissimissima di altre cose che devo riuscire a organizzare ben bene. Una volta fatto, forse sarò pronta a raccontarmi ancora.
Insomma, ci sono un sacco di input e di output, per dirla con il grande Lebowski.

Foglie

Oggi ho sentito il primo vero profumo d'autunno. Non che non fosse già arrivato, ma ancora non del tutto. Ieri la giornata era splendida e calda, l'altro ieri diluviava che pareva di stare ai tropici, oggi c'è solo grigio, un po' di pioggia senza forza (stamattina) e il buio che inizia a incombere. Mentre camminavo verso l'edicola, sono stata colta all'improvviso da un profumo che somigliava al profumo dei mandarini. Non so da dove provenisse, ma di colpo ho sentito l'autunno, prima di vederlo. Perché le foglie sono ancora verdi e abbastanza ben attaccate agli alberi. Ma quel profumo mi ha detto che la mia stagione preferita è davvero alle porte: l'autunno inoltrato sta per inoltrarsi. Perciò rientrare al caldo di casa e mettermi a scrivere mi è sembrato un buon modo per inaugurarlo.  Ciao autunno, io ti ho aspettato come sempre con gioia, quest'anno ancora di più.  Ho le mie parole da scrivere, il mio libro da leggere e i miei lavori da finire, e …