Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2009

Che google!

Mi diverto troppo a guardare come fa la gente a capitare nel mio blog, quando ci arriva per caso cercando tutt'altro su google. E a volte fa davvero piegare in due dalle risate scoprire le chiavi di ricerca degli utenti... ecco come si giunge al tuttalpiùscrivo.blogspot.com!

Alcune chiavi di ricerca non hanno nulla di strano, per esempio:
barney's version
blogspot damien rice
damien rice volcano
e lasciamole cadere queste stelle citazioni

bene, queste quattro sono normali, ma quello che mi preoccupa è chi cerca:
la migliore cipria al mondo (mio dio c'è bisogno di una ricerca in internet, e c'è bisogno di una cipria che sia la migliore al mondo????)
posso realizzare bagno ovunque? (sì certo, anche in giardino se vuoi, o perché no in mezzo all'autostrada... e poi perché con questa frase si arriva al mio blog? ai posteri l'ardua sentenza...)
provini per film di moccia tranne amore 14 (be', no comment)
rob brezsny bilancia 2009 (ehi, chi è la bilancina che come me si ser…

Carta e penna

ascolto: "Stella che non ricorda niente"
di: Gatto Ciliegia contro il grande freddo (da myspace, perché ancora non ce l'ho)

Uhm. Sono partita con l'idea di scrivere qualcosa, ma non so bene cosa verrà fuori.
Un ottimo inizio, direi!!!! Ma questo testimonia semplicemente di come il bisogno di scrivere sia qualcosa che in fondo mi è sempre appartenuto, anche se è un istinto che non ho assecondato sempre e nel modo che forse meriterebbe. Ho capito sto per parlare dello "scrivere". Può andare, va bene. Oppure a metà, come al solito cambio argomento. Vedremo. Pronti?

Scrivere a volte diventa una necessità. La cosa bella è che non scrivo quando sto male. No, non so se è una cosa bella. Diciamo che quando capitano le giornate no, scrivere mi fa stare meglio ma solo nella misura in cui mi sfogo e in genere ne esce qualcosa di disequilibrato, poco armonico, teso e spigoloso. Sì, direi che spigoloso è l'aggettivo adatto.
In ogni caso tutte le cose che si fanno per sta…

Ridens

Ora: io lo so che ho la deformazione professionale.
Mi rendo conto che alla maggioranza della gente non frega niente.
Mi rendo anche conto che la maggioranza della gente non se ne accorge.
Ma...
Se Nanni Moretti su Palombella Rossa diceva LE PAROLE SONO IMPORTANTI! anche se in contesto diverso, ma non importa, voglio dire che cacchio, certe cose non si possono vedere!
Passi quello che su facebook scrive: La madre degli ignoranti è sempre in cinta (appunto, ignorante! Sembrano le lettere al Cioè: «io e il mio ragazzo ci siamo baciati, sarò in cinta?»). Ok, incintatuttattaccatomiseriacciazozza! Però mi sono fatta sane risate, mi sono venuti in mente Filini e Fantozzi:

Filini (parlando della pistola): La metta in cinta!
Fantozzi: Chi?

Che poi era lo stesso tipo che mi diceva che dovrei valorizzare la mia bellezza. Valorizza il tuo minchia di italiano prima di venire a dire a me come mi dovrei vestire!!!
Bene. Ma non importa, è solo una persona.

Ma non tollero di vedere in libreria, non in un post…

... so fuck you

what i want from you
is empty your head
they say be true,
don't stain your bed
we do what we need to be free
and it leans on me
like a rootless tree
what i want from us
is empty our minds
we fake a fuss
and fracture the times
we go blind
when we've needed to see
and this leans on me
like a rootless...
so fuck you
and all we've been through
i said leave it
it's nothing to you
and if you hate me
then hate me so good that you can let me out
let me out of this hell when you're around

what i want from this
is learn to let go
no not of you
of all that's been told
killers reinvent and believe
and this leans on me
like a rootless...
so fuck you
and all we've been through
i said leave it
it's nothing to you
and if you hate me
then hate me so good that you can let me out
let me out of this hell when you're around
let me out...
and fuck you, fuck you, i love you
and all we've been through
i said leave it
it's nothing to you
and if you hate me
then hate me so good that you can let me out
let me …