Passa ai contenuti principali

Il ponte

Penso spesso di venire a scrivere qualcosa qui, ma poi sono presa da delle giornate frenetiche, frenetiche in modo diverso dal solito. Sì, perché se la maggior parte della gente è a casa a non sapere bene come passare il tempo e come far passare il tempo ai figli, io sono qui a cercare di incastrare lavoro e figlia, dando il cambio a mio marito che non sta lavorando ma, lo capisco bene, fatica a intrattenere tutto il tempo una quasi quattrenne.
Mi piacerebbe non dover lavorare e stare in panciolle? Sì e no, qualche giornata così la potrei fare ma d'altro canto mi verrebbe l'ansia perché chissà per quanto potrò ancora lavorare, e se a un certo punto non potrò farlo perché il lavoro non ci sarà, di che viviamo?
Non che sia tutto sulle mie spalle, sia chiaro, ma pure mio marito ora è libero professionista e nonostante i nostri personali salvagenti gli impegni sono tanti: mutui, mantenimenti e finanziamenti vari sono tutti soldi che escono. E alla fine è inevitabile pensare chissà se ci sarà una ridistribuzione dei pesi, quando tutto sarà tornato normale ma diverso da prima.
All'immediato pensiero sul pane e l'acqua che ci servono per mangiare naturalmente si aggiunge la preoccupazione per la salute, anche se dopo un paio di settimane di isolamento e le uscite solo per la spesa sembra che la probabilità di stare male ora come ora sia davvero bassa. Lo stesso vale per i nostri familiari più anziani. Ma è un'ansia meno immediata che aleggia sempre.
Ci troviamo in un ponte traballante e se ci guardiamo indietro sappiamo cosa c'era ma se guardiamo avanti vediamo solo nebbia: non possiamo tornare indietro e non sappiamo quanto lungo è il ponte e, peggio di tutto, non sappiamo cosa c'è dopo. Di sicuro, non le stesse identiche cose del prima.
In tutto ciò, naturalmente ci sono dei figli da rassicurare e a cui far passare le giornate cercando di placare o prevenire possibili ansie.
La piccola non ha percezione del tempo e del futuro, ma le mancano i compagni, la routine della scuola e la routine delle visite ai nonni, la routine del weekend a passeggiare, nei parchi della città o in montagna o altrove poco importa (l'altro giorno mi ha detto "Ma mamma, io voglio andare in giro!").
La fortuna di avere un giardino e poter passare qualche ora a ossigenarsi e scaldarsi al sole è tanta, tantissima, ma anche il giardino stanca. Non sono davvero preoccupata per me, vorrei solo poterle rendere leggero questo tempo, il più possibile e spero di riuscire a farlo, che riusciamo a farlo, insieme.
Abbiamo nuove routine e cerchiamo di farcele piacere: fuori in giardino nelle ore più calde, lo yoga davanti la tivù, cucinare insieme, videochiamare parenti e amici. Giochiamo tanto, leggiamo tanto. Stampiamo lavoretti, coloriamo le foglie con gli acquerelli. Ieri Dafne ha disegnato un'altalena, così, da sola senza che nessuno le insegnasse come si fa. Forse potrei regalargliene una per il compleanno. Ho cercato di riempirci la casa di cose all'inizio dell'isolamento, giochi da fare fuori che avevamo già e giochi da fare al chiuso, ma tanto tutto non è mai abbastanza quando quello che ti manca è comunque altrove.
La cosa certa è che non vorrei avere nessun altro con cui passare questo tempo se non mio marito (parlando di adulti), e questa è una cosa di per sé bella, una consapevolezza in più di quel che già sapevo.
L'altra cosa certa è che avremo tutti occhi molto diversi da prima quando tutto questo finirà. Il problema è quel ponte lì, che continuiamo a non sapere quant'è lungo.

Commenti

bob ha detto…
Non riesco ad immaginare quanto possa essere difficile con una bambina cosi' piccola che per natura e per eta' ha bisogno di input continui e di socializzazione. Comunque, con un po' di fortuna, Dafne non si ricordera' proprio di tutta questa storia quando sara' finita, cosa che noi non dobbiamo assolutamente fare. Siamo fortunati noi, abbiamo mantenuto il lavoro e stiamo lavorando ancora di piu' (almeno io) in questo periodo, per permettere ad altra gente di lavorare da casa, cerchiamo di apprezzarlo. Molti miei amici hanno perso il lavoro e non possono nemmeno cercarsene un altro, il governo ci sta mettendo troppo tempo a prendere le misure della pandemia ed implementare ammortizzatori sociali per evitare la catastrofe, grazie a dio governatori e sindaci sono stati molto piu' veloci e si stanno dando da fare a livello locale. Mamma mia che tempi assurdi. Ti abbraccio Miky, vedrai ch ne usciremo piu' forti e piu' saggi (spero) di prima.
Miky ha detto…
In realtà bob per la maggior parte del tempo è tranquilla e sembra aver semplicemente compreso la novità per quella che è: impossibilità di andare da altre parti. Ovviamente a volte se ne lamenta, ma non poi così tanto. Finché ci sono mamma e papà, e Samu quando è qui, si sente senz'altro al sicuro e qualcosa da fare la si trova.
Per quanto riguarda il lavoro, per ora sì sono fortunata, ma rimane grande l'incertezza, perché non so quanto durerà. Ma non ci penso, tanto pensarci non cambia le cose, ora come ora, e mi concentro a fare bene quello che per ora ho da fare.
Sono tempi assurdi davvero, nessuno si immaginava uno scossone del genere nonostante il mondo fosse già molto molto malato prima, spero almeno che davvero ci renda più saggi. Un abbraccio a te! :)

Post popolari in questo blog

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…