Passa ai contenuti principali

La meraviglia a un passo

La settimana scorsa ero nervosa. Non capivo perché, ma non riuscivo a scrollarmi di dosso questa sensazione. Non ero particolarmente stanca, anzi ho avuto meno lavoro del solito, la piccola ha dormito abbastanza regolarmente, i ritmi durante la giornata non erano male, abbiamo avuto più serate di seguito tutte per noi... eppure avevo lo stomaco che si contraeva e non riuscivo a rilassarmi. Il che mi ha portato pure ad avere mal di schiena in più punti evitandomi la possibilità di riposare e muovermi bene.
Non capivo cos'era, ma piano piano si sono definiti i contorni della mia mancanza. Avevo bisogno di andare via, di muovere le gambe verso luoghi inesplorati seppure vicini.
Il fine settimana il tempo è stato bello, molto bello, anzi direi perfetto: non faceva più troppo caldo, si stava benissimo, le massime in montagna raggiungevano i 25 gradi ma le giornate erano serene, il cielo terso, azzurro da specchiarcisi, e il sole caldo ma piacevole. Pensavo che forse sarei voluta andare al mare, poi ho capito che non avrei potuto proprio infilarmi in un carnaio (ma forse non ci sarebbe stato casino, non lo so), al caldo in mezzo a tanta gente, a fare cosa?, se poi magari causa vento un po' più fresco non potevo nemmeno portare la bimba in acqua?
Ma poi mi è stato chiarissimo di che cosa avevo bisogno: di meravigliarmi.
Sabato abbiamo iniziato un percorso breve in montagna che purtroppo non abbiamo concluso perché era troppo bagnato (e con la piccola nel marsupio non volevo correre rischi, visto che c'erano parecchi sassi). Ma poi abbiamo ripiegato per raggiungere il castello solito, e Dafne camminava e rideva felice e si è fatta quasi tutta la salita camminando per mano del papà... e io mi sono sentita di nuovo felice.
Ieri invece eravamo qui:

Riserva naturale del Lago di Cornino.

C'è un percorso intorno a questo lago e ce lo siamo fatto con calma (non è lungo, ma ci si ferma ogni due per tre a fare foto, perché questo specchio d'acqua è uno spettacolo). Io e mio marito abbiamo constatato per l'ennesima volta che la nostra regione è davvero splendida e devo dire che preferisco di gran lunga fare cose come questa.

Noi siamo al buio, ma i colori dietro sono fantastici. Sembra il lago delle fate...

Commenti

Riccardo Giannini ha detto…
Mi fa piacere vedere la piccola Dafne:)

Un bel weekend, davvero tempo meraviglioso: anzi domenica era anche abbastanza fresco per essere metà luglio XD
Miky ha detto…
@Riccardo farei firma per avere il fresco dei giorni scorsi ogni estate! :)
franco battaglia ha detto…
Gli "anelli" danno sempre soddisfazione, grandi o piccoli che siano.. rimane quell'impressione di aver circumnavigato un qualcosa, di aver "abbracciato" idealmente un'entità divenuta tua.. ;)
Miky ha detto…
difatti @franco il giorno prima non aver raggiunto il luogo stabilito mi aveva lasciato un po' l'amaro in bocca, così invece c'era qualcosa di concluso! :) buona giornata!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…