Passa ai contenuti principali

Giro di boa


Quando ero alle elementari, almeno per i primi 3 anni non ci facevano usare il diario per scrivere i compiti. Be', all'inizio per forza, non sapevamo nemmeno scrivere (alcuni di noi sì, mia mamma me l'aveva insegnato, ma insomma, ci siamo capiti). E io ogni anno mi compro un'agenda, perché mi piacciono gli articoli di cartoleria, perché ci sono agende molto belle, perché mi piace l'idea di annotarmi le cose che devo fare e a volte mi ci metto d'impegno e le annoto sul serio: scadenze, appuntamenti eccetera. Un modo per mettere ordine.

La verità è che lo faccio solo per usarla, l'agenda che a dicembre ho tanto desiderato, ma poi non vado mai a vedere quello che ho scritto perché mi ricordo tutto a memoria. Non c'entra se le cose siano tante o poche, se gli orari siano flessibili o fissi, io guardo l'agenda di rado e giusto per una conferma di quel che già so. Insomma, mi ritrovo alla fine che a casa ho tutta una serie di agende mezze vuote. Non sono enormi, ma vi assicuro che di spazio bianco ce n'è proprio tanto... e non perché poi siano stati anni vuoti di cose, anzi, forse erano talmente tanto pieni da non lasciarmi il tempo di annotare nulla.
D'altra parte, un'agenda non è mica un diario personale dove vai a scrivere un resoconto della giornata, serve più che altro per annotare cose da fare. Ma anche no, ogni tanto mi ci scappa lo stesso un sentimento (per es. uno smilzissimo smile per dire che quella cosa che devo fare o che deve succedere la attendo con gioia).

Sono partita dall'agenda per dire che ora mi sembra di avere fatto un giro di boa. Anche se non è gennaio e non inizia un nuovo anno, anche se non è settembre e non si ricomincia dopo la pausa estiva... anzi, l'estate è alle porte e la voglia di vacanze pure. Ma magari luce e caldo quest'anno contribuiscono al buonumore.
Non so come, né perché, non è successo nulla di speciale e forse le ultime settimane ero angosciata perché il lavoro e la primavera mi facevano svegliare stanca e affaticata prima di iniziare la giornata. Resta il fatto che mi sento di nuovo in carreggiata, e anche incoraggiata, se vogliamo fare un gioco di parole. E sono molto molto contenta di questa sensazione, nonostante solo pochi giorni fa mi lamentassi del fatto che non riuscivo a lavorare bene come volevo per una serie di contingenze avverse sulle quali per altro non avevo alcun potere. Forse è il fatto che chiusa una pratica (cioè un lavoro che mi aveva messo un po' d'ansia) adesso posso ripartire con la calma, fare bene, fare meglio (forse è anche che pretendo sempre tanto da me e quando non riesco a fare come desidero mi incazzo. D'altra parte non è certo accontentandosi che ci si sente soddisfatti. Dico soddisfatti sul serio, in genere per me «chi si accontenta gode» vale poco e pure Ligabue – che per inciso non mi piace, ma se vogliamo prenderlo come misura di diffusione di una verità assodata, allora può anche andare bene – pure lui, insomma, diceva «così così»).

E niente, volevo dire che eccomi qui, all'improvviso sono riuscita a riaccendere un interruttore e riesco a rivedermi come volevo vedermi e mi sento talmente piena di gioia per questo che ho quasi paura a dirlo. Alla fine, bastava premere il pulsante, come sempre.


Commenti

Riccardo Giannini ha detto…
Ciao Miky,
mi fa piacere che tu abbia trovato il pulsante e sia ripartita. Anche io a mio modo sono ripartito; uno sfogo che qualcuno di voi ha letto mi ha fatto bene, è stato come quando si ha la febbre :D.

Poi c'è da dire che l'estate è double face per me, nel senso che non sopporto i caldoni eccessivi che ormai sono una consuetudine degli anni 2000, ma ovviamente non posso lamentarmi..delle FERIE :D.

Ma il tuo post mi piaceva anche perché hai parlato di..agende.

Io sono sempre stato agenda-addicted.

Da piccolino le usavo per scrivere le formazioni delle squadra di calcio e per fare i disegni. Se ripenso a quante agende consumavo :D, per fortuna una volta non c'era la miseria\spilorceria delle ditte, le agende piovevano praticamente.

La passione per l'agenda è rimasta. Ne uso una all'anno, sempre per il calcio (eh sì, il mio archivio di formazioni, appunti, che mi serve per il lavoro).

Poi la mia amata agendina, quelle in cui la settimana è spalmata in due giorni.

E' fondamentale per annotare i compleanni e le ricorrenze. Ci segno anche appuntamenti, corsi. E metto anche io faccine o piccoli segni grafici.

W le agende!

franco battaglia ha detto…
Io tengo tutti gli anni un'agenda.. ma più che le cose da fare, ci annoto le cose fatte: biglietti di cinema e teatri, cene, ristoranti, gite, visite, risultati della mia squadra, vacanze, compleanni, feste, escursioni... poi ogni tanto ne apro una tipo di 7/8 anni fa, e si spalancano scrigni incredibili... ;)
Riccardo Giannini ha detto…
Franco = accumulatore compulsivo :D
franco battaglia ha detto…
ahah... ormai non posso nascondere più nulla... ahah
Mareva ha detto…
Succedono anche a me questi momenti. Esplosioni di energia dove tutto ti sembra possibile. Ti fanno capire che non tutto è perduto.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…