Passa ai contenuti principali

Carte scoperte – Obbligo di commento

Stamattina mentre allattavo (va be', per dire che non è che cazzeggi tutto il giorno, mi rilasso solo in quel momento lì) ho letto un post che mi ha fatto ripensare a quando ho aperto questo blog.
E così mi sono chiesta non tanto chi ero?, com'ero?, cos'ero? quando l'ho aperto, bensì, chi eravate?, come eravate?, cos'eravate? E adesso, chi siete, come siete, cosa siete? (E cosa volete? Un fiorino! ...va be').
Insomma, che fine hanno fatto le persone che mi ruotavano attorno all'epoca? Parlo di quelli che leggevano qui, quelli che leggevano qui ma che conoscevo anche di persona, quelli che non leggevano allora e leggono oggi ma non commentano (quasi) mai... Avanti, su, chi siete, ci siete ancora?, o siete tutti scappati altrove a fare altro?
Un giorno forse questo blog finirà, non lo so, a volte ci ho pensato, intanto ne ho aperto un altro che parla di tutt'altro (e intanto dovrei lavorare su dei libri, e non scrivere qui ma mi è partito l'impulso proprio or ora). Insomma, un giorno forse questo blog avrà una parola fine, sarebbe bello organizzare una reunion tutta solo nei commenti...
Che fate? Ci siete? Commentate? Dài, su, sarebbe carino (amici, ma anche nemici, fatevi sotto!), non mi arrabbio se mi avete stalkerata silenziosamente fino a oggi, in fondo lo sapevo che era pubblico il blog, potete anche solo dire "non ho niente da dire", va bene lo stesso.
Ovviamente l'obbligo di commento non posso farlo rispettare, ma sarebbe davvero bello se chiunque capitasse di qui più o meno per caso lasciasse un segno (se anonimo almeno datemi una piccola descrizione, giusto per far volare la fantasia), oggi, solo oggi, cioè, solo per questo post, perché dài, su, si vive una volta sola, cosa vi può capitare di terribile? Così nella mia mente mi disegno un pubblico per il mio prossimo post...

Commenti

franco battaglia ha detto…
Al quasi traguardo dei quattro anni di blog e dei cinquecento post.. posso dirti che ho commentato su altri blog assai di più di quanto abbia scritto per me, e spesse volte con più argomenti e coinvolgimento, così come amo che mi si commenti, per trovare spunti, critiche e anche conferme, ovvio, mica so' de plastica.. di fondo, il blog è una parte importante della mia vita. Stimola spirito e creatività. Amico e complice. Epperfortuna non devo allatta' nessuno... ;)
MikiMoz ha detto…
Eccomi :)
Spero che la parola fine non arrivi mai, però ;)

Moz-
Riccardo Giannini ha detto…
Io sono l'ultimo arrivato. Ad ogni modo preferisco pochi, ma buoni commentatori. Posso dire quindi di essere felice :). E' una concezione particolare del web, ma io nel web metto comunque me stesso, alla ricerca di persone con cui condividere qualcosa. Come vedete io metto nome e cognome, la foto, non ho nulla da nascondere, né cerco di costruire qualcosa che non ho e che non sono. Apprezzo chi dedica parte del suo tempo per leggere e commentare; e provo a fare lo stesso.

ps Miky, qual è il tuo nuovo blog?
Mareva ha detto…
Io ti leggo sempre. Commento poco, ma, a dire il vero, scrivo poco anche sul mio blog. Non che non abbia nulla da dire ma ho sempre la testa così piena di input, info, pensieri e paure che fatico davvero tanto ad avere la calma mentale che vorrei per scrivere e commentare.
Ma ci sono. Da quando, ancora, non eri una splendida mamma.
Miky ha detto…
@franco vale lo stesso per me, anzi, in realtà ne leggo abbastanza, ma riesco a scrivere nel mio e commentare negli altri ben poco...

@MikiMoz in realtà lo spero anche io :)

@Riky non pensare che fossi a caccia di tanti commenti, ma ero curiosa di sapere che fine avessero fatto alcuni che magari passano ancora nonostante non ci si dica più niente. (Io leggo ancora blog con cui un tempo interagivo ma che adesso restano più una curiosità che un vero rapporto). Ammetto che oggi però ho scritto questo post anche perché avevo bisogno di un po' di compagnia...
L'altro blog lo pubblicizzerò quando me la sentirò, tranquillo :)

@Mareva io lo so che tu mi leggi, e anch'io leggo te anche se non sempre commento. A volte faccio proprio fatica a ritagliarmi il tempo, a volte faccio fatica a tirare fuori le parole (sia per scrivere qui sia per commentare gli altri). Ci sono stati momenti in cui nel blog mi sentivo come se fossi a una festa divertente al punto giusto (piccola, di gente conosciuta, un salottino ecco) mentre ultimamente mi sembra di sentirmi un po' più sola. Ma non perché mi mancano i commenti, forse è solo che mi manca il tempo e la tranquillità... la calma mentale, come dici tu!
Riccardo Giannini ha detto…
Beh Miky, quando hai bisogno di un po' di compagnia "bloggerante",

non devi far altro che chiamare i blogger Rangers :D

Il Moz è il nostro capitano, Franco è stato inserito ad honorem nel gruppo anche perché un elemento saggio ci vuole.
Pietro Sabatelli ha detto…
E' da poco che ti seguo, dobbiamo ancora fare conoscenza, perciò non ho niente da dire al momento, ma il post è stato utile, sperando che servi a non chiudere il blog ;)
Miky ha detto…
Caro @Pietro piacere e grazie per il commento! A presto
bob ha detto…
Beh, io sono ancora qui, i nostri avatar si conoscono a vicenda ma non ci siamo mai incontrati di persona. Ho cominciato a seguire il tuo blog quando avevi una manciata di post e da allora lo leggo regolarmente, non ricordo neanche come ci sono finito qui. Mi piace come scrivi, come pensi e come affronti la vita. Se ci conoscessimo nella vita reale andremmo d'accordissimo. Ultimamente non ho avuto molto da commentare, da quando ti sei messa a parlare di marmocchi e affini, argomento con il quale non ho dimestichezza. Io comunque sto bene, la mia avventura americana prosegue e davvero non ho nulla di cui lamentarmi. Ti saluto caramente, ci sentiamo presto.
bob
Daniele Dorelli ha detto…
Ciao Miky,
io ogni tanto ripasso di qua e ti leggo. :-)

A dirla tutta non riesco più a stare dietro ai blog come facevo una volta, ma sei sempre tra i miei "feed": quindi anche se ti leggo e non commento spesso come in passato ancora ci sono.

Aggiorno anche il mio di blog, ogni tanto, non più con la frequenza degli inizi, ma vi affezionato. E' un mio spazio e non ho intenzione di chiuderlo.

Vorrei che non mettessi la parola "fine" al tuo blog: trovo sia bello che noi blogger di una volta resistessimo con le nostre "bacheche" forse poco social ma sicuramente più personali ed originali.
Miky ha detto…
evviva @bob sono contenta che tu stia bene e scusa se parlo di marmocchi, l'ultimo anno è stato un po' a senso unico (purtroppo e per fortuna, difficile dire). Grazie, la cosa che hai detto sul fatto che andremmo d'accordissimo mi è piaciuta molto :) A presto!
Miky ha detto…
Ciao @Daniele! Anch'io passo dal tuo anche se non commento (ammetto una cosa: leggo molti blog al cellulare, ma scrivere commenti col telefono lo trovo ancora poco pratico, perciò preferisco scrivere quando sono al computer: purtroppo in genere quando sono al computer devo lavorare e sono costretta a limitare le distrazioni, altrimenti non è più finita!). Nemmeno io riesco più a stare dietro ai blog altrui e al mio come vorrei, sarà che siamo diventati "grandi"? O siamo solo molto più impegnati? O le due cose vanno di pari passo? Diciamo che quanto meno, meglio poco ma bene. A presto!
Daniele Dorelli ha detto…
Sono d'accordissimo!
La mia filosofia di "scrittura" ora è: meglio pochi ma buoni (si spera:)).

Siamo più impegnati sicuramente ed anch'io quando sono al computer solitamente lavoro e non riesco a scrivere molti commenti sui blog. :)

A presto!!!
D.
franco battaglia ha detto…
Elemento saggio?! ahahah.. questo Riky è uno sballo davvero... ;)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎