Passa ai contenuti principali

Evitando le buche più dure

E non prendendole in pieno come ho fatto io ieri pomeriggio al parco. Abbiamo portato a sgambare i cani, mio e della suocera, e ho ben pensato di infilare il piede in un buco che non avevo visto, slogandomi la caviglia. Dolore! E ora più che dolore, gonfiore e paura di appoggiare il piede. Spero che passi tutto da solo, ma mi sa che una capatina dal medico domani dovrò farla (se qualcuno mi accompagna, visto che di guidare non se ne parla).
Insomma, sono giorni che sono felice per altri motivi, e devo dire che questa semi-battuta d'arresto non mi ha scalfita più di tanto, nonostante avessimo programmato un bel weekendino. Dovevamo andare ieri sera alla festa medievale di un paese qui vicino e oggi a camminare in montagna con relativo picnic. Ieri sera mio marito si è fatto prendere dalla pietà e ha deciso che alla festa medievale ci sarebbero andati oggi pomeriggio, così non mi hanno lasciata sola (io a dire il vero spingevo perché andassero, lui e il bimbo, ché già ero inferma, almeno volevo evitare i sensi di colpa). Ma lui (cariiiino!) voleva un week-end tutti insieme e ci è rimasto male.
Poi gli ho detto di smetterla di esserci rimasto male che quella con la caviglia menomata sono io :D
Comunque fatto sta che ieri sera ci siamo guardati Billy Elliot, e va detto che un film bello risolleva sempre le sorti di una serata sgrunt, e che ora loro due sono andati alla festa, io ho un po' di pace in casa e siccome non ne posso più di leggere il libro che stavo leggendo né di fare altro sul divano, ho spostato di qua il pouf per tenere la gamba alta e mi sono messa al lavoro.
Almeno non spreco il mio tempo a indolenzirmi la schiena mentre non faccio altro che poltrire. 
La vera domanda è: finché ho la caviglia fuori uso, chi passeggerà il mio cane? Voglio dire, oggi ci ha pensato mio marito, ma dubito che si alzi prima per riuscire a farlo prima del lavoro. Dovrò fargli fare le corse in giardino – al cane, non al marito –  e, stando al meteo, sotto la pioggia.
Ma è pur vero che dobbiamo imparare a non sentirci indispensabili, giusto? Siamo sempre sostituibili. Poi ne riparliamo quando nessuno avrà passato l'aspirapolvere, o pulito il bagno, o fatto i letti eh... 
In ogni caso, non siamo indispensabili e dobbiamo imparare a lasciarci aiutare, quando serve. Ammetto che in questo momento non mi dispiace, ma, sapete una cosa? Ultimamente poche cose mi irritano o mi dispiacciono, mi lascio molto trasportare da quel che capita, se non posso evitarlo. Mentre, d'altro canto, lavoro sodo per man
tenere quello che voglio tenermi stretto. A questo proposito, ho passato una settimana di fuoco fra nuove e vecchie mansioni, e ogni volta mi sono ritrovata alla sera stanca e soddisfatta. Caviglia mia, mi permetti di concentrarmi sul lavoro perché per quello mi bastano le mani, e lasciar perdere tutto il resto... quindi, non posso nemmeno arrabbiarmi troppo con te. (Ieri, però, quando per una frazione di secondo ho temuto di essermi rotta qualcosa non la pensavo in termini così positivi.)
Però, preoccupazioni a parte, avete presente quando alla fine del film Billy spiega come si sente quando balla? Ecco in questi giorni mi sento così, solo che ogni tanto volare porta anche a qualche conseguenza un po' così, e diciamo che mi sono un attimo resa conto che è meglio se resto con i piedi per terra. Più o meno.

Commenti

bob ha detto…
guarisci presto e penso sia meglio se lo vedi un dottore. ciao.
Miky ha detto…
grazie, infatti ci sono andata e per fortuna non è nulla di che. ciao!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…