Passa ai contenuti principali

Il sapore agrodolce della vita


Accadono cose strane e io mi sento leggermente confusa. 
Mia madre che non si sente benissimo e siccome accade in questo momento in cui entrambi i figli sono fuori casa ho come idea che sia qualcosa che ha a che fare con l'ansia: diciamo la verità, voglio autoconvincermi che sia così e che sia tutto risolvibile con un po' di pazienza, tempo, ambientamento alle novità, invece che con altro. In ogni caso, non è successo nulla di grave e spero che qualunque cosa sia si risolva tutto presto.

Ci sono persone che fanno o dicono cose ambigue, come se tentassero di minare una stabilità e una tranquillità che a quanto pare loro non hanno, o a loro non interessa avere, o solo per il gusto di complicare, oppure non lo so. È anche divertente disilludere con un solo sguardo, una parola, un comportamento, ma la velata (seppur per ora presunta e basta) "cattiveria" mette tristezza.

E tant'è che sono entrata molte volte nel blog e altrettante ne sono uscita senza scrivere una parola di quello che avrei voluto, rendendomi conto che davvero avevo poco tempo per farlo e forse che, una volta per cambiare, avevo poco da dire e poco da scrivere: e poi è trascorsa una settimana di lavoro intenso e quindi mi sono dovuta assentare un po'.

Poi ci sono stati i momenti belli: venerdì sera a cena a casa di un amico di mio marito, uno di quelli storici, quelli che non ti deludono, che non sono ambigui, quelli di cui ci si può fidare sempre. È stata una cena bella, un po' internazionale, un po' nostrana (polenta, cervo, capriolo, vino rosso, grappa per quanto riguarda il nostrano, gli ospiti spagnoli per quanto riguarda l'internazionale :)) e siamo stati proprio bene (e ne avevamo anche bisogno).

Domenica scorsa abbiamo festeggiato il nostro anniversario con un pranzo in Slovenia, un magnum di champagne (la sera a casa), mentre giovedì abbiamo festeggiato il compleanno di mio marito vincendo un Talisker praticamente a un anno di distanza dalla nostra bellissima visita all'isola di Skye... come un cerchio che si chiude (e si riapre).

Ieri invece qualche ora di mare: raramente il mare dalle nostre parti ha le caratteristiche che aveva ieri e che lo rendono quasi perfetto. Sabato sera c'è stato un temporale forte, quindi ieri il cielo ero limpido senza traccia di nuvola e senza traccia d'umidità, l'acqua fredda e perfino trasparente, al sole il caldo era stemperato dalla brezza. Mi sono gettata in acqua e ho nuotato un po' guardando verso il largo e al di là dei bagnanti sentivo la calma e il silenzio del mare, e nuotavo tranquilla sentendomi bene, rinfrescata e rinfrancata come non mi capitava da tempo. Perché del mare, alla fine, la cosa che ho sempre amato non è la spiaggia e prendere il sole, ma l'acqua, l'acqua nei suoi momenti migliori. E nonostante le poche ore (ci saremo rimasti 5-6 orette, al mare) ho fatto 3 bagni e li ho adorati e sono ritornata anche un po' bambina, a quando con i miei e mio fratello era tutto un entrare e uscire dall'acqua... 

Commenti

MikiMoz ha detto…
Spero anche io si risolva tutto presto per tua madre, e son contento per la piacevole chiusura del cerchio tra compleanni e vacanza :)

Moz-
Mareva ha detto…
Andrà bene, vedrai. Andrà bene. Ci sono i distacchi anche per i genitori. Ma starete bene.
Miky ha detto…
grazie a entrambi, ragazzi :)
Daniele Dorelli ha detto…
Bel post... sugli invidiosi e i cattivi... purtroppo ce ne sono... anche se spesso ce ne dimentichiamo... lasciali cuocere con l'acqua loro e non farti contagiare dalle negatività. Un abbraccio. ;)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…