Passa ai contenuti principali

SoloCoseBelle 1

In attesa di darvi anche quel che promisi (non l'ho dimenticato, è solo che ho bisogno di tempo) ecco un po' di parole ben spese su quello che la rete ci può regalare. In internet si scoprono ogni giorno nuovi mondi, anzi direi proprio nuovi pianeti, tanto che gli astronomi impallidiscono per la concorrenza.
Gravitare attorno ad alcuni blog o siti interessanti mi riempie di ispirazioni e di gioia per le cose che si possono fare nella vita, e la passione che le persone ci mettono nel loro operato mi fa pensare che sì, vale la pena sforzarsi, faticare, soffrire per le proprie passioni, per quello che ci rende noi stessi, quello che più ci piace fare, quello per cui siamo davvero portati. Ecco, quindi che di tanto in tanto vi proporrò qualcosa di questo mondo inafferrabile e concreto al tempo stesso.

Oggi inizio da Pretty in Mad, che vi ho già nominato più volte, lo so, ma ora lo voglio fare bene. Prima di tutto perché ho finalmente avuto l'ebbrezza di toccare con mano una delle sue bellissime creazioni.
Partiamo dall'inizio: a settembre mi sono fatta regalare il Kindle per il compleanno, e qui la rivoluzione del mondo della lettura non ha portato stravolgimenti se non nel conto in banca. Ma con il Kindle è subito nato un nuovo bisogno: un portakindle. Tenerlo in mano così, nudo, leggero com'è non è un problema, ma quando lo infilavo in borsa (e non vi dico quale piacere è per me potermi portare in giro in qualunque occasione i libri che ci sono dentro) temevo sempre per la sua incolumità. Ho tergiversato, sfogliando annoiata le varie offerte di amazon, ma nessuna custodia per Kindle mi convinceva veramente.
Mesi fa ho iniziato a seguire il blog di Pretty in Mad, perché mi piace molto leggere e stare al passo con le attività di persone che fanno cose che io non sarei mai in grado di realizzare! Il suo motto è "Sewing, cast and cameras. What else?". Insomma, un blog che mette a nudo le sue passioni e finisce per creare a partire da quello uno small business, che secondo me ha tutte le carte in regola per diventare altro che small! 
E un giorno accade che anche lei acquista il Kindle. E anche lei deve aver avuto il bisogno di dare al suo e-reader un posto dove stare. E così, a differenza mia che mi sono tenuta il mio bisogno in attesa che da qualche parte spuntasse una soluzione, lei ha iniziato a creare i suoi bellissimi Kindlecases! Perfetti perché li puoi infilare in borsa, utili anche per portarsi dietro il caricabatterie nell'apposito taschino e soprattutto belli, belli perché la scelta delle stoffe di Pretty in Mad è sempre molto accurata.
Così, finalmente un giorno mi sono decisa: era il momento di farmi un bel regalo. Ho contattato la diretta interessata sul suo profilo Facebook chiedendole quali Kindlecases fossero disponibili. Mi ha fatto vedere con quali stoffe avrebbe potuto realizzarne uno per me, stava a me la scelta! E io mi sono innamorata di questo bellissimo tessuto sui toni del grigio-nero e rosso, ed era proprio quello che volevo. Deciso, fatto! In pochi giorni il Kindlecase era pronto, e in altrettanto poco tempo il pacco è arrivato dritto dritto nelle mie mani (be', passando per quelle del postino, ovviamente).

ecco come arriva un pacco Pretty in Mad
rapida ispezione postale
da parte di canetto














Il pacco che ti manda Pretty in Mad è una vera esperienza: più personalizzato di così non si può, e ci sono pure le caramelle!
Ed eccolo qui il mio Kindlecase: sono davvero molto soddisfatta, innanzitutto perché è bello (vorrei darmi delle pacche sulle spalle per la scelta, ma diciamoci la verità, è tutto merito di PIM e basta!), è in ecopelle e stoffa, ha un apposito taschino dove poter infilare il caricabatterie (o quello che più ti pare) è un po' imbottito dentro e morbido, insomma, adesso posso mettere il mio Kindle in borsa senza temere che si graffi o si rovini, e soprattutto quando lo tiro fuori posso sfoggiare questo bellissimo accessorio fatto a mano! 

il Kindlecase unico e originale targato
Pretty in Mad!

Il mio consiglio quindi è questo: visitate il blog di PIM che è bello, pieno di foto e di racconti sulla sua attività (oddio, quasi dimenticavo, e di gatti! – impossibile non innamorarsi di Mister) e se vi piacciono le sue creazioni passate anche dal suo negozio Etsy. In ogni caso nel suo blog trovate tutti i link!

Bene, non mi resta che augurare buona giornata di sole (almeno qui) a tutti!
M

Commenti

Mareva ha detto…
Quanto è fantastica lei? Ho fatto anche io acquisti ed è l'amore <3
Miky ha detto…
sì, è veramente brava, e il suo stile mi piace molto! e poi risponde sempre a tutti, consiglia... insomma, una bella esperienza a tutto tondo :)
PIM PrettyInMad ha detto…
adesso mi commuovo.... grazie infinite, con il cuore, davvero!
SR ha detto…
Eh si, Erika è bravissima ma non solo. Ci siamo conosciute in un gruppo FB e da li è nata un'amicizia tra creative che ci ha portato a scambiarci idee, consigli e punti di vista. Il suo blog merita decisamente una visita!
Poiss ha detto…
E' meravigliosa lei ❤️
PIM PrettyInMad ha detto…
ragazze adesso basta con tutti questi complimenti che dopo piango.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…