Passa ai contenuti principali

Netiquette&Natale

Ognuno ha un po' le sue regole, e c'è un motivo se le ha messe. Non so, tipo niente foto dei propri o altrui bambini su internet, per evitare che qualcuno se ne appropri indebitamente (perché di gente strana, in giro, ce n'è pure troppa). Certo non mi faccio problemi simili con l'animale, ma mi è capitato che condividessero una foto del mio cane, una foto scattata dentro casa mia, e l'ha fatto una persona che non era nemmeno tra i miei amici fb, e naturalmente che ha una certa età e non sa nemmeno cosa sia la netiquette. Al che ci si pensa un po' meglio che non è il caso di mettere a cazzo la propria vita sul web, in pasto a chiunque.
Tanto più che io ci metto solo quella parte che mi va bene venga vista, anche se a volte non ci si rende conto fino a quanto possa arrivare l'ignoranza, o la curiosità e il "nonmifaccioicazzimiei" altrui. Però devo dire che 'sta cosa del cane m'ha infastidito parecchio.

Oh, ragazzi, questo Natale sarà impegnatissimo. Cioè, già lo è stato! Ma abbiamo anche in programma un paio di cene con amici, qui da noi, perciò mi sa che ne usciremo più stanchi che riposati :)
Ma finora tutto bene, nuovi giochi, nuovi libri, nuovi abiti... e, sentite qua, niente Thun! In più sto lavorando e spedisco moroso e figlio al cinema per avere un po' di pace, per ritrovarmi poi invece a sentire la mia solita amata e odiata solitudine come un peso sul groppone. Si sa, durante le feste... Credo di avere imparato ad amarla, o d'averla sempre amata, per imparare ad apprezzare ancora di più la compagnia quando c'è; adesso sto bene con la gente (be', con le dovute eccezioni, ma sono più serena) e credo che lo stare bene da sola in questo mi abbia aiutato.
Resta il fatto che poi avere la casa piena come in questo momento (siamo in tre, ma in tre è già piena) mi piace molto.


Commenti

bob ha detto…
Facebook e' uno dei fenomeni piu' rivoluzionari dei nostri tempi e sara' sicuramente oggetto di studio da parte dei posteri. siamo in contatto con persone che nella vita reale eviteremmo anche di salutare ma, nostro malgrado, ci hanno aggiunto agli amici e ora dobbiamo sorbirceli. oltre al fatto che ci sono vari modi di guardare profili altrui senza per forza essere in contatto, ma sto divagando. l'altro giorno ho avuto una discussione animata, su facebook, con un gruppo di amanti delle armi, che difendevano a spada tratta il loro diritto ad avere pistole in casa per difendersi dai "nemici" e dagli "invasori". ovviamente sono stato aggredito, insultato, e quella persona che era il tramite fra me e questo gruppo di invasati mi ha rimosso dagli amici. non so esattamente cosa voglio dire con cio', ma secondo me bisogna farne un uso accortissimo di facebook. pace.
Miky ha detto…
sì, bisogna stare attenti, poi c'è da dire che le opzioni di privacy cambiano e non sai mai bene chi vede cosa. per es. a me questa cosa della foto ha dato fastidio non per la foto in sé ma per il principio di base. poi quando parli (cioè scrivi) di qualcosa il tono può essere travisato, e soprattutto non sai mai bene chi hai di fronte. a volte scherzi e gli altri non lo capiscono, e poi le situazioni degenerano. una delle cose tristi è la diffusione di assurdità (ti è mai capitato di notare la condivisione di una foto di Mussolini con sotto scritte cose tipo: quando c'era lui...) come al solito l'ignoranza si diffonde molto più velocemente.
bob ha detto…
ho visto quella foto e il mio commento genero' un'altra discussione animata. un'altra foto che ho visto ultimamente e' da parte di chi ancora difende l'uso delle armi (lo so, questa storia mi ha sconvolto) e ha scritto sotto, fra le varie cazzate, "i nazisti hanno ucciso gli ebrei con il gas, non con le armi". facebook ci espone a cose che nella vita reale difficilmente vedremmo o sentiremmo, proprio perche' per vedersi "fisicamente" e' necessario che ci sia la volonta' da parte di entrambi, mentre nel mondo virtuale basta un click.
Miky ha detto…
sì, esatto, non so cosa sia meglio, prima pensavi che ci fosse un numero ristretto di persone a difendere l'uso delle armi, o fascistoidi dell'ultima ora, invece ci si accorge che non sono poi così pochi. comunque quella storia ha sconvolto pure me, credo dovrebbe sconvolgere tutti. per qualche motivo non lo fa.
magma ha detto…
Ciao Miky!
Io mi sono cancellato da facebook da circa sei mesi e sto benissimo...
Proprio per i motivi che hai descritto, ed altri.
La privacy innanzitutto...
E poi non mi piace vivere le amicizie nel modo "di facebook", ovvero facendomi i cavoli degli altri, da guardone.
Preferisco avere contatti diretti con le persone, seppure siano più rarefatti nel tempo.
E' il solito discorso quantità (di amici, di informazioni) versus qualità...
Molto meglio leggere e commentare un blog, ad esempio. ;)

Buone feste e buon 2013!!!
Daniele
Miky ha detto…
grazie, buone feste e buon anno anche a te!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…