Passa ai contenuti principali

Ahia

Eh be', stiamo a posto. Non ho sentito nemmeno il terremoto di venerdì sera, e l'epicentro era in Friuli. Quando si dice dormire come un sasso.
In caso di catastrofi tranquilli tutti, sarò l'ultima a uscire.
Al di là di questo, svegliarsi con il torcicollo è sempre un'emozione davvero entusiasmante, che consiglio vivamente a chiunque abbia bisogno di un diversivo. Per fortuna la mia soglia del dolore è alta. Perché non esiste che anche questo lunedì salti la mia lezione in palestra, è l'unico sfogo fisico che mi concedo (andare a correre non mi dà la stessa soddisfazione, soprattutto se lo faccio da sola, e poi anni di tabagismo devono aver ridotto la capienza dei miei polmoni e di conseguenza i buoni propositi si tramutano in una passeggiata, e quella la faccio comunque tutti i giorni visto che posseggo un cane). A proposito di tabagismo, fra un po' sono due anni che ho smesso di fumare, è bellissimo sentirsi liberi da quella dipendenza. Sono riuscita a togliermi anche quella dalla Coca Cola, che però non era una dipendenza e che è cominciata solo da quando convivo perché prima a casa mia la Coca non c'era comunque mai.
Anche questo fine settimana ho avuto la conferma che una bella serata non la fa l'evento ma le persone: gli amici di Ale, quelli veri non quelli di compagnia e basta, sono persone con le quali è molto piacevole parlare e passare il tempo. Il resto lo fanno un paio di birre e poco altro. Probabilmente non siamo più i festaioli di una volta (io non sono mai stata la festaiola di una volta, comunque, non per molto tempo almeno).
Sto leggendo un libro di un autore che credo arriverò ad amare molto e infatti ho deciso di comprare tutto ciò che ha scritto, pian piano, nel tempo (quando posso, se qualcuno me li regala va bene uguale) che è Don DeLillo. Avevo letto solo Underworld, e devo dire che lo ritengo, se non il mio libro preferito ,di sicuro fra i primi tre. Ora sto leggendo Rumore Bianco. Sì lo so, Cosmopolis, il film tratto dall'omonimo romanzo di DeLillo esce ora nelle sale, ma lo comprerò solo quando lo troverò con una copertina che non riporti un fotogramma del film, perché non voglio che sembri che ho scoperto DeLillo solo adesso. Che NON è così. In realtà è un libro corto e volevo comprarne uno un po' più lungo, è stato solo questo il mio parametro di precedenza d'acquisto.
E poi ho preso Il signore delle mosche, perché conosco la storia ma credo di non averlo mai letto sul serio, e se sì tanto tanto tempo fa (tipo quando ero alle medie, e io e mia mamma andavamo a prenderci in biblioteca 3 libri al mese; quelli erano i tempi in cui scoprivo Stephen King, oltretutto. Bei tempi), e Ale me l'ha indicato chiedendomi se ce l'avevo, perché lo vuole leggere anche lui, quindi diciamo che era proprio lì che ci chiamava. Ogni tanto abbiamo dei flash quasi telepatici.
A volte mi ritrovo a pensare al mio papo, in questi giorni, chissà come mai. Penso che mi dispiace che non abbiamo avuto la nostra occasione di conoscerci meglio. Che forse io non gliene ho data la possibilità, forse lui non ci ha provato abbastanza. A volte penso che adorerebbe Zuma (direi che della famiglia l'amante dei cani era lui, credo anche che ne avesse uno giù in Sicilia dove lavorava, ma non ne sono certa), che sarebbe diventato un nonno bonaccione e simpatico, che sarebbe potuto essere tutto differente. E che ora non avere più l'ansia di dimostrargli qualcosa deve avermi un po' rammollita.

Ci abbiamo messo più di 10 mesi a deciderci a scrivere i nomi sul campanello, ma secondo voi è un brutto segnale? Secondo me no, è solo una rottura se arriva la posta sbagliata, e poi a volte ti salva da uno scampanellio indesiderato. Lavorando a casa, potete ben immaginare quanto io possa temere, e non necessariamente in quest'ordine:
1- i Testimoni di Geova
2- i Cattolici (temo di più i testimoni, ma devo dire che di qua non sono mai passati, mentre gente della parrocchia continua a suonare per lasciarci cartoline informative su programmi di non so che cosa facciano in chiesa. Sono davvero irritanti).
3- gli Agenti Folletto: tra tutti sono i più irritanti, una volta mia mamma ne ha cacciato uno dicendogli che era peggio dei Testimoni di Geova.
4- i Vicini di casa. Questa categoria è di gran lunga la più fastidiosa, perché comprende al suo interno persone che ti salutano sorridendo e in realtà non aspettano altro che sgarri (cane che abbaia, macchina malparcheggiata per ben 2 minuti, rubi l'ossigeno e altre nefandezze che non si possono nemmeno nominare).
Sogno una vita senza vicini, davvero. In particolare senza i due della casa accanto.
5- non dimentichiamo l'Omino della Bofrost. Acerrimo nemico dei tempi più antichi, quando un giorno mentre tornavo dall'università, cioè dalla stazione, mi ha fermato per la strada chiedendomi se ero interessata ai loro prodotti. No, i miei nonni hanno polli, orto, anatre, conigli. E la pizza? La prendo in pizzeria. E le patate fritte? Le prendo al supermercato, già che sono lì non mi costa molto prendere una cosa in più (che costa pure meno). E il gelato? Preferisco quello della gelateria, così ho la scusa per farmi un giro. E i Cordon Bleu? Ti devo rispondere?
Devo mettere un cartello sulla cassetta della posta: NIENTE pubblicità, testimoni di qualunque dio e credo, folletti di ogni specie e genere, venditori di surgelati.
Oppure: SE sei un parente o un amico (che abbia anticipatamente avvertito al telefono del suo arrivo) o un elargitore di soldi (vanno bene anche le due cose insieme), SUONA. Altrimenti, sciò, via, e tutti i cartelli che c'erano davanti al Deposito di Paperone.

Commenti

Daniele Dorelli ha detto…
Ti sono vicino col dolore alla cervicale, purtroppo, che mi tormenta da una decina di giorni e mi ha dato altri problemi che qui ti risparmio.

Il signore delle mosche l'ho letto anch'io tre o quattro anni fa (comunque sta nella mia libreria di aNobii), mi è piaciuto... diciamo un po' un precursore di LOST e Stephen King...

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…