Passa ai contenuti principali

Vi mancava Virginio Scotti? A me no.

Tutti denigrano la programmazione televisiva estiva, ma alla fin fine è l'unica cosa decente della televisione. No perché se l'umanità ha sempre dimostrato di avere una tendenza ad autosabotarsi e a scegliere sempre il peggio del peggio, se possibile, con la televisione questo andamento è decisamente evidente.
D'estate non faranno mai nulla di nuovo, per quanto riguarda i film, su questo non ho dubbi, ma pensiamoci un attimo: abbiamo i lettori dvd, abbiamo emule (sì, sarebbe illegale, ma tanto non è mica un mistero che la gente scarica i film), abbiamo i cinema all'aperto (nel caso ti fossi perso qualche film invernale), tutte cose che ti permettono di evitare la cosa che viene definita l'anima del commercio, ossia la pubblicità. Ora, avete mai provato a guardare un film su Rete4? Ecco. Non si può resistere. Se comincia presto finisce a mezzanotte minimo, se comincia tardi (e di solito in seconda serata, che è diventata appunto la mezzanotte, danno i film più belli) in mezzo oltre alla pubblicità ti fanno pure la rassegna stampa, il meteo, NavigareInformati (perché è notorio che chi ha intenzione di andarsene in barca aspetta che Rete4 gli dia indicazioni precise sullo stato delle maree) e il film finisce alle 3 se ti va di lusso. Che d'estate può anche andare di lusso, se sei in vacanza, non hai nulla da fare, fa caldo e non riesci a dormire, ma d'inverno...
D'estate fanno i film di Totò (scusate, ma a me sembrano meglio di quelli nuovi, quasi tutti...), spezzoni di trasmissioni comiche di un secolo fa (e mi dispiace, ma tranne qualcuno, i comici di oggi hanno solo da invidiare...), repliche di telefilm che magari durante l'inverno ti sei perso, oppure che rivedi volentieri. Perché il telefilm va bene in tv, ti lascia la suspence è vero, quando sono telefilm con episodi tutti collegati, ma è ancora meglio quando sono sit com, che se te ne perdi qualcuno non perdi nulla di che. E le repliche di Nico Giraldi? Parliamone. E poi d'estate se la tv non offre niente prendi ed esci. Vai al mare, al lago, al parco, in piscina, in montagna, dove ti pare.

Poi arriva l'autunno. E con l'autunno sai che arrivano i mostri: primo fra tutti Gerry Scotti col suo milionario de stamminchia. Poi Maria De Filippi. Poi il supermostro Reality Show, le cui sottocategorie non sto a elencare per evitare i conati di vomito. Poi la D'Urso e la D'Eusanio magari (non so se sono ancora vive, ma temo). E via dicendo. L'unica che rimane sempre costante in più canali tutti i giorni, domenica e feste comprese, cascasse il mondo o finisse sul serio nel 2012, è Rita Dalla Chiesa con il suo bel Forum, a rincoglionimento dei nostri nonni. Dice: L'unica certezza nella vita è che non vi sono certezze. E che Forum ci sarà sempre.

Ora come ora, ma come l'anno scorso, pare che se non guardi X Factor sei un pirla. A Pordenone poi. Si sa, tutti esperti di musica qui. Io non lo sono, e avranno pure ragione loro, ma a me pare che sia tutta una farsa, come tutto il resto. Non nel senso che sono d'accordo su chi far vincere, o che paghino o che so io. Una farsa in senso più ampio. Alla fine anche da lì chi esce? Cosa fanno poi? Chi li conosce? Le femmine cantano come Giusy Ferreri, nella speranza di avere un po' di successo, i maschi boh non so, perché non seguo. Diciamoci la verità, X Factor non c'entra niente con l'Italia. È questo il punto purtroppo. Sarà sempre solo una pallida imitazione di quello inglese. Perché non fare cose di qualità ma a modo nostro? Giusto per non fare la figura dei farlocchi.
Poi sarà pure un trampolino di lancio per qualcuno e tutto quello che vuoi, ma il trampolino se non ti sai tuffare più che una spinta non te la dà.

Che poi questa cosa della programmazione non è un problema, basta spegnere la tv, non è obbligatorio guardarla. Il problema è che poi non fanno altro che parlarne. La gente dico. Loro.
Sanremo. Chi non sente parlare di Sanremo anche se non vuole? Io non l'ho mai guardato in 27 anni, non dovrei nemmeno conoscerne l'esistenza!

Poi arriveranno Il grande fratello, la talpa, l'isola e tutto il resto, e continuerò a piangere e rimpiangere la replica dei film di Franco e Ciccio.

Commenti

bob ha detto…
ho buttato la tv dal balcone anni or sono e aspetto il giorno in cui il resto dell'umanita' seguira' il mio esempio. che poi, tutti i programmi italiani, nessuno escluso, sono imitazioni di programmi americani. forum e milionario compreso. con la differenza che in america le donne in tv sono vestite e gli intervalli pubblicitari non durano 1000 mila minuti. certo qui hanno molti piu' reality shows e sit-com spazzatura abbondano, ma perlomeno hai una ventina di canali fra cui scegliere (e sto parlando della tv pubblica, perche' se paghi un tantino di piu' i canali diventano un centinaio). questo non vuol dire che io possegga una tv, sia ben chiaro. potrei continuare la mia invettiva parlando di come la tv stia cambiando la cultura degli italiani e ci ritroviamo il presidente che abbiamo per una precisa ragione, ma non ti tediero' ulteriormente. ci si becca.
magma ha detto…
Io non ho mai guardato XFactor e ne vado fiero... ma effettivamente sento gente di tutte le età che ne parla... ma dove siamo finiti?

Reality, giochi demenziali, vuoto di contenuti... quante volte (anche d'estate, ti dirò) la mia televisione è rimasta spenta, e sostituita da un buon libro!

Condivido la tua analisi... a presto!

p.s.: finito un po' di libri che mi avevi consigliato, ora sto leggendo ed ho quasi finito "the Dome" di S. King.
Miky ha detto…
@bob nella mia top ten di programmi televisivi vincono Johnny Bravo e Leone cane fifone ^_^

@magma l'unico quiz che mi piaceva quest'estate era quello di Pino Insegno. L'avrò visto quelle 4-5 volte. Ma era carino, abbastanza "settimana enigmistica".
The Dome mia mamma l'ha letto ma non ricordo se l'ha preso in biblioteca o se ce l'abbiamo. è da taaanto che non leggo il Re, bisogna provvedere.
michele vr ha detto…
Dopo aver visto gli ultimi 2 giorni del Festival del Cinema di Venezia, con ubriacatura dalle 8 del mattino all'una e mezza di notte, posso dire di non aver ancora acceso la TV, e di stare bene. In compenso ho due dvd di Fassbinder e Godard che mi guardano qui sulla scrivania, e aspetto il momento giusto per scartarli e divorarli... La televisione mi serve solo per bilanciare un po' l'informazione di parte che mi faccio su internet. Per dire, mi bastano 2 minuti di TG1 che mi parla della casa del cognato di Fini per capire quali siano i veri problemi del mondo. Su X-Factor e la sua utilità reale, velo pietoso. Una come la Gigidalessia che si erge a critica musicale è di per sè un genocidio culturale più aberrante della pornografia violenta. Spero solo che Elio stia bluffando. Lo spero per lui. Spero sia solo bisogno di soldi, nel qual caso, dato l'amore che provo per lui, lo perdono.
bob ha detto…
@Miky: a me piacevano di piu' mucca & pollo e I'm weasel.
@michele: Elio sa quello che fa, abbi fede.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…