Passa ai contenuti principali

L'estate sta finendo ed era pure ora.

Sono ricominciate le cimici che cavolo. Una ogni sera (che poi forse è ogni sera la stessa a pensarci bene), ma almeno grazie alla zanzariera restano in terrazza. Fra un po' aumenteranno, si infiltreranno dappertutto, e me le ritroverò sotto le lenzuola, un giorno mi girerò ne schiaccerò una, oppure mi si infilerà in bocca, e partirà la temibile e terribile nota puzza che le caratterizza, realizzando in questo modo uno tra i miei incubi peggiori. O forse anche no, visto che per tutto l'autunno controllo la camera da cima a fondo prima di andare a dormire, soprattutto dietro le tende, sul "caselòt" della saracinesca, dietro la scrivania, dietro il letto, fra le pieghe delle lenzuola ecc. ecc. Ho anche affinato l'udito, riesco a captare la presenza di una cimice a 1 km di distanza, centimetro più, centimetro meno.

Peccato per questi bastardissimi animaletti, se non fosse per loro sarebbe la stagione migliore dell'anno. Lo è comunque, ma sarebbe ancora migliore. E va be', non si può avere tutto dalla vita.

Ah le ho tutte. Mal di testa, mal di pancia, battito del cuore accelerato, ma non ho la H1N1-colpita-e-affondata, credo sia tutta una questione psicologica, o psicosomatica. Insomma, devo essere stressata a un punto di quasi non ritorno, almeno secondo la mamma sono stressata (il bello è che lei bene o male i motivi nemmeno li sa, ma la mamma è la mamma e dopo di lei viene l'onnipotente, ammesso che esista, ma la mamma esiste eccome). Credo di avere tutti gli spiritelli affaticati o incazzati, alcuni si devono essere già suicidati anche. Spiritelli, sì, come quelli di Guido Cavalcanti, proprio loro (gli spiriti che ai suoi tempi si pensava fossero a capo delle funzioni vitali del corpo umano, e quando gli spiritelli andavano via erano cazzi amari. Una roba alla "Siamo fatti così" ma un po' più poetica e incorporea ecco, un po' più casperiana, nel senso di Casper il fantasmino. Una volta pensavano fossimo davvero fatti così, d'altra parte una volta pensavano anche che la terra fosse piatta, che il sole ci girasse intorno e, che ne so, che pagando le indulgenze si finisse in paradiso).

Comunque mi riprendo, è solo un po' d'ansia da scrittura-studio, qualche incertezza e molte seghe mentali.

Ma settembre è settembre, mica si scherza!

Commenti

magma ha detto…
Saluti stressatissimi... anch'io sto messo maluccio in questi giorni! Diciamo che non so neanche se ho oltrepassato o meno il punto di non ritorno! :D

Sulle cimici... ma che ti fanno, scusa? :) Gli dai una 'schicchera' e volano via!

Consiglio libresco: sto leggendo l'ultimo di Stephen King, una raccolta di racconti intitolata "al Crepuscolo": notevolissimo!

Accattatev'illo! :)
Miky ha detto…
ma dai, ma fanno schifissimo, ti vengono addosso e se per sbaglio le schiacchi ti impestano!! bleah! comunque sono fobie, che ci vuoi fare, i ragni per esempio non mi danno fastidio.

eh sì so che c'è quel libro, non l'ho ancora comprato solo per motivi pecuniari, ma in realtà potrei dare un'occhiata in biblioteca tra i nuovi arrivi...

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…