Passa ai contenuti principali

La mala educación

I miei genitori non sono i migliori del mondo, ma tutto sommato non se la sono cavata malaccio e qualche cosa di buono l'hanno fatta. Oltre a mettere al mondo me, che ovviamente è stato il momento apice della loro carriera di mamma e papà, sono stati bravini anche nell'insegnarci rispetto e educazione. Noi (io e mio fratello) non siamo i figli migliori del mondo ma almeno siamo di quelli che uno dice «ah, salutano sempre» (effettivamente lo dicono spesso anche i vicini di insospettabili pazzi omicidi, «sembrava una famiglia tranquilla, salutavano sempre...» ma questo è un dettaglio).
Non ho idea di come abbiano fatto a farci diventare così decenti. Non ricordo molti divieti, anzi erano più permissivi di tutti gli altri genitori, potevamo uscire, giocare, niente chiesa, si poteva dormire fino a tardi la domenica mattina e guardare i film la sera anche se il giorno dopo c'era la scuola, si potevano guardare i film dell'orrore anche in età da scuole elementari, potevamo guardare anche quelli che dicevano le parolacce, o leggere libri dove ci fosse qualche parolaccia, però sapevamo che fino a una certa età ripeterle non era il caso, e anche se loro le dicevano e noi non potevamo perché era brutto, non ci facevamo troppe domande, loro erano grandi e avranno avuto le loro ragioni, e noi obbedivamo (abbastanza). La mamma ci ha cresciuti da sola, praticamente, però il papà era (ed è tuttora) grande e grosso, perciò la minaccia «Glielo dico al papà quando torna a casa» anche se il papà non tornava a casa la sera ma dopo qualche mese, magari, perché lavorava all'estero, be' quella minaccia vi assicuro che funzionava tantissimo. Nonostante ciò non ricordo una sberla che sia una data da mio papà, me ne ricordo solo una che mi aveva dato la mamma, per il resto proprio niente, e sono sicura di averne ricevuta da entrambi più di qualcuna, ma evidentemente hanno fatto più bene che male, non sono traumatizzata o depressa né niente. Poi da grande ero brava e buona quindi non c'erano motivi per le sberle... Va be', sberle o no, siamo cresciuti educati (nei limiti, non è che siamo quell'educato fastidioso, ogni tanto quando le palle girano tanto mando anche a fanculo a random ...).
Bene, fanculo anche all'educazione, d'ora in poi me ne sbatto, e sarò educata solo con chi conosco e con il genere femminile a meno che non sia di tipo sospetto.
Camminavo tranquilla dall'università alla stazione, e incrocio un tizio che avrà avuto sui sessanta anni ma abbastanza giovanile, in realtà sì e no che l'avevo visto, stavo pensando ai stracazzi miei, e questo mi saluta, e io, PER EDUCAZIONE (e perché non si sa mai che sia qualcuno che conosco, ogni tanto le facce le dimentico), rispondo salve, e continuo per i stracazzi miei a camminare e lui per la sua strada. Così credevo. Dopo almeno una quarantina di metri, questo mi sbuca da destra mentre attraverso una strada e mi viene incontro. Cioè, già significa che per un pezzo mi ha seguita il che mi fa schifo solo a dirlo, ma poi arriva lì e mi si mette anche a parlare. A me. Miss Schiva-e-diffidente-in-persona.

Dialogo (la parte in corsivo è stata solo pensata)
Schifo (soprannome appena adesso affibbiato al tipo): Ciao, mi hai sorriso prima pensavo volessi fare amicizia...
Io: ?? Ho solo salutato perché sono educata. (Secondo te voglio fare amicizia con un vecchiaccio, sfigato di merda!). Se avessi voluto fare amicizia mi sarei fermata (coglione!).
S: Ma possiamo fare due chiacchiere se vuoi...
Io: No non voglio.
S: Vai di fretta?
Io: Sì devo prendere il treno. (Anche se vorrei che il treno passasse di qui e ti investisse all'istante).
S: Abiti lontano?
Io: ??
S: Ma posso accompagnarti in stazione?
Io: Sono sei anni che faccio questa strada, ce la faccio benissimo da sola. (E se ti avvicini ancora ti faccio saltare la dentiera, altro che kukident, neanche con l'attack la rimetti su).

Poi mi chiedono perché la gente mi dia fastidio.

Commenti

magma ha detto…
Già gia... bisogna essere educati con chi SE LO MERITA.
Anch'io ho il tuo stesso background di educazione (proprio uguale a come l'hai descritto ^_^), ma quando ho visto che qualche volta iniziavo a rimetterci ho iniziato ad essere un po' più selettivo.

La storia del vecchietto ovviamente non c'entra niente con l'educazione, è solo un tizio (spero non altro...!!!) che ti è capitato di incontrare e che voleva attaccare bottone. Hai fatto bene a rispondergli così. ;-)
Miky ha detto…
No era un viscido che ci provava.
Il problema è che se saluti pensano di potersi permettere qualsiasi cosa, se non saluti ti fanno una filippica perché non saluti (perché mi è capitata anche questa). La diffidenza non è mai troppa...

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…