Passa ai contenuti principali

Due cose al volo

La primavera e il caldo sono tanto carini simpatici e belli, ma se non fosse che viene voglia di stare fuori, che sono tutti (quasi) più indulgenti perché «fa caldo e allora non serve correre», io quest'anno avrei anche fatto a meno di alcune cose tipo:

il sole che quando ti picchia sulla testa fa male;
le allergie che portano, e non necessariamente in quest'ordine: raffreddori a caso che durano due ore e poi passano... sì ma in quelle due ore le pene dell'inferno! Starnutisci, soffia, prendi fazzoletti, finiscono i fazzoletti, passa alla carta da cucina, che è ruvida e fa male, allora passa alla carta igienica, che è troppo fine... aaaaargh! Rassegnati, prendi un rubinetto e chiudi il naso per sempre. Ti scoppierà presto il cervello, ma d'altra parte non sarai tu poi a dover pulire.
Le maledette portano anche la tosse (forse «smettere» di fumare, invece che «diminuire» sarebbe un'idea geniale, anche togliere le virgolette sarebbe geniale), quindi starnutisci e tossisci e non ti ricordi più da dove entra e da dove esce l'aria. E muori.
Quest'anno anche la congiuntivite, simpatica alleata del mio occhio sinistro che evidentemente vuole andarsene in ferie anticipate.
Il caldo umido tipico di questa pianura friulana calda e umida. Vado in Austria, no vado a Dandolo mi han detto che si sta meglio.

Smentisco:
chi pensa che la letteratura austriaca non sia bella; non sarà Shakespeare ma ha il suo perché. E poi è scritta in tedesco (austriaco) che non sarà l'inglese (o l'italiano) ma ha il suo perché. A chi piace, come a me, mi capisce. Poi non capisco un cazzo perché ogni tanto è difficile e si inventano le parole, d'altra parte lo faccio anche io perciò non posso lamentarmi... ma son sfide anche quelle (dicesi auto incoraggiamento).
Chi pensa che siccome sono magra non mangio. Mangio. Più di tutti voi messi insieme (questa è un'iperbole, e la matematica non c'entra), e presto ne vedremo gli effetti.
Chi pensa che gli elicotteri siano tanto belli e affascinanti. Provate ad abitare vicino a un eliporto, ma provatelo nel giorno in cui passa per Casarsa il giro d'Italia, così oltre ai soliti che partono e tornano ad «altezza-controllo-avvistamenti-marijuana-nei-campi» c'è anche quello della RAI che ti gironzola sopra la testa con tanto di telecamera gigantotica (l'ho detto che le invento anche io...) mentre magari tu sei in terrazza con in mano il folletto (l'aspirapolvere, non l'esserino verdino e irlandese dei Simpson) e cerchi di togliere ragnatele e beccare anche il ragno (non è che sia successo così, è frutto di immaginazione, negli archivi delle immagini della RAI sul giro non mi vedrete con il folletto in terrazza a bestemmiare in aracnidese. Per la cronaca, non mi vedrete nemmeno girare con un rubinetto al posto del naso, era fantasia anche quella. So che siete intelligenti, ma qualcuno che passa qui per caso magari crede a tutto... e poi viene a Casarsa in cerca di una persona che va in giro con un rubinetto al posto del naso, il folletto in mano, la faccia incazzata e che dà la caccia ai ragni. E che cerca di parlare la loro lingua per farli desistere dal tessere ragnatele dove essi non dovrebbero. Effettivamente conosco qualcuno che potrebbe rispondere a questa descrizione. Ma non sono io).

Non è che volevo stare qui a lamentarmi, ma è tutta la mattina che starnutisco come una dannata, avevo bisogno di sfogarmi! :D

Continuo a essere una bimba felice. Tanto tanto felice.

Commenti

:Ninja: ha detto…
Sei un mito... mi sto rotolando dal ridere...sul serio... grande!!!
Miky ha detto…
ahah.. grazie sono contenta, l'intento è sempre quello di mettere tutti di buonumore ^_^

etciù! per la cronaca... ^__^

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…