Passa ai contenuti principali

Barney's Version

Finalmente, finito di fare le frittelle, mi viene voglia di scrivere di questo libro, La versione di Barney, di Mordecai Richler, che è stato il mio preferito del 2008 e penso che lo sarà comunque per sempre, almeno un po' ma per sempre.

In particolare i primi sei mesi del 2008 sono stati i più assurdi che abbia mai vissuto, ma almeno hanno portato questo di buono. E rileggerlo ogni tanto (sì sono di quelle che rileggono i romanzi, anche se sono lunghi) mi ha sempre fatto un che di bene.

La storia strampalata, avventurosa, cinica e nonostante ciò così innamorata di Barney Panofski mi resterà sempre nel cuore. L'ho sempre considerato un Holden Caulfield versione con dentiera e alzheimer, uno di quei personaggi che raccontano la loro storia raccontandone assieme mille altre. Panofski il mago della divagazione, che lascia a metà un aneddoto solo perché gli viene in mente che non si ricorda il titolo di un libro, o come si chiama quell'attrezzo da cucina che si usa per tirare su la minestra dalla pentola, o i nomi dei sette nani.
Anche un uomo insopportabile, a dire il vero, ma anche insopportabilmente umano.

Il libro è diviso in tre parti, ognuna porta come titolo il nome (o un riferimento) ad ognuna delle sue tre mogli, anche se in ogni capitolo si parla di tutto: passato e presente si intersecano con continui richiami, e comunque ogni cosa ricorda sempre lei: Miriam. È lei il centro di tutto, che Barney però non descrive in un blocco unico, ma a pezzi, a ricordi occasionali, ad aneddoti e basta un profumo, a volte un oggetto, una parola a fargli ricordare quando quella casa era riempita dalle risate di Miriam. Che non è morta come potreste pensare, ma se n'è andata. (Se vi dico il perché rovino la storia però).

Il cinico, e smemorato vecchio Barney, produttore di spazzatura televisiva per la Totally Unnecessary Production (e già il nome dice tutto), non fa che risultarci simpatico, con la sua irrispettosa maniera di dire sempre le cose come stanno, tutto quello che gli passa per la testa. Magari non siamo d'accordo, ma apprezziamo la sincerità. Certo vivere con uno così non deve essere semplice, mentre è però chiaro che anche il più grande stronzo della terra (anche se a dire il vero sembra esserci di peggio tra i personaggi che incontra o descrive lungo il romanzo) è capace di amare davvero e di essere amato, tanto che ogni difetto (be' quasi) diventa sopportabile. Solo quando parla di Miriam diventa un altro. Se lo potessimo vedere mentre ne parla, gli si illuminerebbero gli occhi. Ogni volta che la nomina l'impressione è quella. Ma è solo una grande nostalgia, che aumenta l'amarezza verso tutto il resto. Cosa che continua a rendercelo simpatico, oltre al fatto che, almeno questo è successo a me, qualche sua cattiveria viene voglia di condividerla in pieno. Ed è così spassoso!

Un ipotetico omicidio e Miriam sono le due cose attorno le quali il romanzo ruota, fino alla fine.
Miriam, amata Miriam. Sognare di diventare come Filemone e Bauci. Questo ha proprio l'aria di essere amore vero.

Commenti

Miky ha detto…
Mi commento da sola, chissà mai se i posteri leggeranno :D
Che strano rileggere questo blog adesso. Comunque bellissimo libro, lo ribadisco e lo ripeto anche un miliardo di volte.
Il 7 febbraio ancora non sapevo che sarebbe finita, anche se lo intuivo. Io intuisco sempre tutto porca vacca. D'altra parte ora non posso che dire "meglio così". A dire il vero non avrei mai pensato di guadagnare molto più di ciò che stavo perdendo. Perché dipende tutto dalle persone e da come tu riesci a essere con loro. È lì il segreto, è lì che si capisce tutto.
Se sono Bauci spero di aver trovato il mio Filemone.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…