Passa ai contenuti principali

Barney's Version

Finalmente, finito di fare le frittelle, mi viene voglia di scrivere di questo libro, La versione di Barney, di Mordecai Richler, che è stato il mio preferito del 2008 e penso che lo sarà comunque per sempre, almeno un po' ma per sempre.

In particolare i primi sei mesi del 2008 sono stati i più assurdi che abbia mai vissuto, ma almeno hanno portato questo di buono. E rileggerlo ogni tanto (sì sono di quelle che rileggono i romanzi, anche se sono lunghi) mi ha sempre fatto un che di bene.

La storia strampalata, avventurosa, cinica e nonostante ciò così innamorata di Barney Panofski mi resterà sempre nel cuore. L'ho sempre considerato un Holden Caulfield versione con dentiera e alzheimer, uno di quei personaggi che raccontano la loro storia raccontandone assieme mille altre. Panofski il mago della divagazione, che lascia a metà un aneddoto solo perché gli viene in mente che non si ricorda il titolo di un libro, o come si chiama quell'attrezzo da cucina che si usa per tirare su la minestra dalla pentola, o i nomi dei sette nani.
Anche un uomo insopportabile, a dire il vero, ma anche insopportabilmente umano.

Il libro è diviso in tre parti, ognuna porta come titolo il nome (o un riferimento) ad ognuna delle sue tre mogli, anche se in ogni capitolo si parla di tutto: passato e presente si intersecano con continui richiami, e comunque ogni cosa ricorda sempre lei: Miriam. È lei il centro di tutto, che Barney però non descrive in un blocco unico, ma a pezzi, a ricordi occasionali, ad aneddoti e basta un profumo, a volte un oggetto, una parola a fargli ricordare quando quella casa era riempita dalle risate di Miriam. Che non è morta come potreste pensare, ma se n'è andata. (Se vi dico il perché rovino la storia però).

Il cinico, e smemorato vecchio Barney, produttore di spazzatura televisiva per la Totally Unnecessary Production (e già il nome dice tutto), non fa che risultarci simpatico, con la sua irrispettosa maniera di dire sempre le cose come stanno, tutto quello che gli passa per la testa. Magari non siamo d'accordo, ma apprezziamo la sincerità. Certo vivere con uno così non deve essere semplice, mentre è però chiaro che anche il più grande stronzo della terra (anche se a dire il vero sembra esserci di peggio tra i personaggi che incontra o descrive lungo il romanzo) è capace di amare davvero e di essere amato, tanto che ogni difetto (be' quasi) diventa sopportabile. Solo quando parla di Miriam diventa un altro. Se lo potessimo vedere mentre ne parla, gli si illuminerebbero gli occhi. Ogni volta che la nomina l'impressione è quella. Ma è solo una grande nostalgia, che aumenta l'amarezza verso tutto il resto. Cosa che continua a rendercelo simpatico, oltre al fatto che, almeno questo è successo a me, qualche sua cattiveria viene voglia di condividerla in pieno. Ed è così spassoso!

Un ipotetico omicidio e Miriam sono le due cose attorno le quali il romanzo ruota, fino alla fine.
Miriam, amata Miriam. Sognare di diventare come Filemone e Bauci. Questo ha proprio l'aria di essere amore vero.

Commenti

Miky ha detto…
Mi commento da sola, chissà mai se i posteri leggeranno :D
Che strano rileggere questo blog adesso. Comunque bellissimo libro, lo ribadisco e lo ripeto anche un miliardo di volte.
Il 7 febbraio ancora non sapevo che sarebbe finita, anche se lo intuivo. Io intuisco sempre tutto porca vacca. D'altra parte ora non posso che dire "meglio così". A dire il vero non avrei mai pensato di guadagnare molto più di ciò che stavo perdendo. Perché dipende tutto dalle persone e da come tu riesci a essere con loro. È lì il segreto, è lì che si capisce tutto.
Se sono Bauci spero di aver trovato il mio Filemone.

Post popolari in questo blog

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…