Passa ai contenuti principali

Cose che piacciono a tutti e che io non sopporto

Naturalmente il "piacciono a tutti" è un'iperbole, perché sicuramente poi a molti non piacciono, ma è ovvio che qui si parla della percezione generale. Ecco qualcosa che mi è venuto in mente di recente:

1) Vita con Lloyd: ne avrete sicuramente sentito parlare, soprattutto se bazzicate su FB, perché le sue "perle di saggezza" vengono condivise di tanto in tanto un po' da tutti. In poche parole, si tratta di brevi dialoghi fra Sir e Lloyd, in cui uno esprime un disagio o qualcosa del genere e l'altro dà una risposta, spesso ironica o caustica, che dovrebbe far riflettere. Ecco, per me sono di una banalità disarmante, e non le trovo neppure vagamente divertenti. Non sto dicendo che sia colpa sua, eh, è sicuramente colpa mia.

2) Dirty Dancing è uno di quei film che la maggior parte della gente (credo soprattutto il pubblico femminile, ma non sono sicura) ha visto e rivisto mille volte e continua a vederlo ogni volta che lo passano in tv. Io credo di averlo visto solo a spizzichi e mozzichi quando è capitato di fare zapping e non perché mi ci fermavo io. Ho sempre preferito di gran lunga Footloose.

3) L'abbronzatura: chi mi conosce lo sa, io non amo cuocermi al sole. Perché il caldo lo sopporto poco, perché mi annoio tantissimo (al mare fosse per me passerei tutto il tempo in acqua a giocare o a fare passeggiate) e perché quando mi abbronzo un po' più del solito mi fa abbastanza schifo il segno e mi pare sporco. Ma pure sugli altri non mi piace granché, soprattutto l'abbronzatura esagerata. Ciò non toglie che il mare mi piaccia moltissimo, ma non la "giornata in spiaggia" (alla quale mi adeguo perché si sa che  i bambini piccoli si divertono un sacco al mare e sono una brava mamma – ci provo almeno).

4) I massaggi: non è il concetto di massaggio in sé a infastidirmi, ma non sopporto l'idea di mani altrui su di me, soprattutto di sconosciuti. Diciamo che il distanziamento interpersonale è una delle cose che mi sto godendo alla grande in questo periodo! :D

 

5) Andare per negozi (di vestiti): per me è una tortura. Fermi, non è che non mi piaccia avere cose nuove (se posso permettermele) e vestirmi bene, ma dover andare in negozio, avere a che fare con le commesse che stanno lì a vedere quando ti provi una cosa e ti danno consigli... Cerco sempre di andare in negozi abbastanza grandi dove posso passare inosservata e provarmi le cose come e quando voglio (altrimenti, santo Internet).

6) Le piscine al chiuso: umidità e rimbombo. Non ce la posso fare.

7) Telefonare: io se posso evito anche di chiamare per ordinare la pizza e faccio chiamare a qualcun altro. Non so perché questa avversione per le telefonate, ma se posso comunicare con la gente scrivendo (email, WhatsApp eccetera) sono molto più felice. Si vede che non mi piace improvvisare.

Sicuramente l'elenco si può aggiornare continuamente, ma adesso devo rimettermi a lavorare altrimenti so' cazzi.

Baci!


Commenti

Franco Battaglia ha detto…
Potrei essere d'accordo su un sacco di cose, tranne abbronzatura e massaggi, che sono due cose che straadoro alla follia... prendere il sole mentre mi massaggiano credo il top della goduria..ma non dalle cinesi che vagano per le spiagge offrendo il paladiso a dieci eulo.. lì non mi fido molto... d questi tempi ancora di meno.. ahah
Miky ha detto…
Be' certo, ognuno è fatto a modo proprio, niente verità assolute. Voleva solo essere un post scherzoso in cui elenco alcune delle mie fisime 😂
Pietro Sabatelli ha detto…
Sono d'accordo soprattutto su una cosa, che Footlose è meglio di Dirty Dancing..
bob ha detto…
Anch'io trovo Vita con LLoyd incredibilmente banale. Mi viene da dire "Lloyd, ma perche' non impari a vivere una buona volta?"

Post popolari in questo blog

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…