Passa ai contenuti principali

Sgombrare nuvole



Ieri ho avuto una giornata un po' storta, per nessun motivo particolare o fattore scatenante che riuscissi a riconoscere bene. La passeggiata con il cane mi ha aiutata a schiarirmi le idee e forse avevo solo bisogno di staccare.
Ho pensato a diverse cose che non mi andavano bene: be', mi sono resa conto che parte del malessere è anche dovuto alla situazione che stiamo vivendo, alla mancanza di libertà di spostarsi come, quando, dove si vuole, come se ogni movimento, ogni passo che compiamo fosse diventato improvvisamente pesantissimo: ho preso la mascherina? Ho preso l'autodichiarazione? Sono davvero giustificata a uscire? Se incontro una persona che conosco, riesco a mantenere la distanza giusta? E se sono con mia figlia e incrocio altri bambini e lei vuole giocare, cosa faccio? E se mi scontro con una persona che ha un cane, quanto li faccio socializzare i bestioli, stando a distanza?
Insomma, il contrario della famosa leggerezza di Calvino, di quella leggerezza che ci serve – che MI serve – per muovermi nel mio mondo.
Avevo bisogno di un modo per levare l'ancora.
Ho cercato di escludere le cose su cui non ho alcun potere, per evitare perdite di tempo.
Ho cercato di togliere le cose che mi distraggono troppo e senza alcun piacere.
Ho cercato di sorridere lo stesso anche se non me lo sentivo dentro, di essere più gentile anche quando non ne avevo voglia e anche quando non mi vedeva nessuno. Ho cercato di essere presente, raddrizzare le spalle e rilassarle.
Dall'inizio del lockdown ho letto poco. Fatico a concentrarmi se la trama è lunga, piena di luoghi e personaggi. Così ho deciso che riprenderò in mano quel libro in un altro momento e ho iniziato a leggere I baffi di Carrère. Sono a metà, è un libro corto, anzi direi un racconto lungo, e mi ha completamente presa. È un po' angosciante, è vero, ma ci ho trovato Kafka dentro, ci ho trovato Pirandello, e quando un libro fa una cosa così, ti stacca completamente da terra, allora tutto rientra nei parametri giusti, all'improvviso. Perché è un'esperienza che riesce a sgombrare le nuvole, almeno per un po'. Non è che il libro mi stia dando illuminanti risposte sul nostro tempo, non c'entra questo.
C'entra che ho capito, che mi ha ricordato com'è fare una cosa piacevole, fare una cosa che mi piace sul serio. Invece di divagare, invece di andare a remare nelle paludi per quella morbosa curiosità di navigare un po' in mezzo alla merda.
Oggi è venerdì, ho dormito poco perché il cane mi ha svegliata perché la pioggia forte l'ha spaventato e poi come al solito non riuscivo più a prendere sonno. Comunque sia, oggi la stanchezza non mi ha appesantita, non mi ha distratta troppo. Ho finito i lavori che dovevo consegnare, mi godo qualche incontro del Salone del Libro di Torino online, mi dedico a quello che mi piace davvero: conoscere, curiosare, leggere (tanto) per sapere di più, per esplorare emozioni nuove, per allargare orizzonti.
Così mi sono resa conto che ne avevo abbastanza: delle opinioni becere su Silvia Romano, del complottismo, della comunicazione ostile, dell'autocompiacimento, della falsità, delle facciate, dei sorrisi finti, del nervosismo dilagante.
Ho voglia di umiltà, di curiosità, di meraviglia, e sì, di leggerezza. Di uno sguardo positivo che possa andare oltre, di migliorare me per stare meglio e far stare meglio.


O forse era solo sindrome premestruale.




Commenti

Post popolari in questo blog

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…