Passa ai contenuti principali

Quando succede

Quando mi prende un po' l'ansia, ho imparato che devo mettermi a fare delle cose, dei lavori manuali, per distrarre la testa, per concentrare le energie su qualcos'altro. Mi permette di non pensarci e di solito non solo riesco a farmi passare l'ansia, ma riesco anche a precederla e fare in modo che non arrivi. L'ho imparato quest'estate, quando mi capitava di soffrire di questi momenti di panico improvviso o qualcosa del genere. 
Ho imparato a riconoscere i segnali (un leggero intorpidimento al quarto dito del piede – giuro non so perché –, a volte dei leggerissimi crampi ai muscoli delle gambe, una specie di giramento di testa ma molto vago, e naturalmente il batticuore). Non ho alcun problema a parlarne perché penso che questo mi aiuti a sentirmi meno sola e più capita. Non ho più paura di sentirmi "debole".
A volte però capita quando sono a letto, un momento prima di dormire, quando mi sembra che il buio mi stia inghiottendo. E ho imparato questa cosa, in particolare: che non devo cercare di tenere queste sensazioni sotto controllo. Perché non si può mai tenere tutto sotto controllo. Ed è una vera liberazione. Dovrebbero impararlo anche altre persone che non si può controllare tutto, che bisogna lasciarsi un po' andare e dimenticare le assurde regole e gabbie mentali con cui stanno imprigionando la loro vita e le vite di chi gli sta attorno, che in fondo ci sono persone intorno che anche se non sono complici e amiche possono comunque contribuire a dare una mano, che alla fine l'obiettivo finale comune di tutti noi è raggiungere una certa armonia. Che è importante comunicare bene dentro casa, e dentro sé stessi. Che dobbiamo cercare di fare bene per fare bene, per fare quel che è giusto, non per essere giudicati bravi dagli altri. Che poi i risultati vengono fuori alla resa dei conti, davanti all'effettiva risposta di chi ci è accanto e trova in noi l'apertura mentale, e l'ascolto, perché l'altro è ALTRO. Ma questo è un discorso che a volte mi fa venire voglia di gridare solo che non posso farlo, né qui né altrove. Lasciamo perdere e torniamo ai miei attacchi di panico (molto lievi per fortuna).
Niente, semplicemente ho imparato che devo cavalcarli, non bloccarli. Che non serve a niente cercare di respirare profondamente per tenerli sotto controllo, ma devo lasciarli andare. Quindi faccio questa cosa: prendo atto che mi sto facendo prendere un po' dall'ansia, lascio che accada ricordando a me stessa che sono solo emozioni, che non sto male fisicamente, non sto per svenire, non mi sta venendo un infarto, non ho un edema cerebrale o qualunque altra cosa mi possa passare per la testa in quei momenti. Perché se osservo il mio corpo in realtà sto bene, nessun dolore, solo ansia. E se sono a letto e non posso mettermi a sgrassare il forno per liberare la mente, allora mi racconto una storia come se dovessi scriverla qui, o altrove. Metto con attenzione una parola dopo l'altra, solo nella mia testa, raccontandomi quello che sta succedendo (oppure altro) come se fossi davanti alla tastiera del computer. È così che è nato questo post, ieri sera, anche se lo sto scrivendo solo oggi con parole diverse da quelle che mi sono pronunciata in testa.
Se penso alle tempistiche tutto è iniziato a luglio, quando ero stracarica di lavoro e avevo smesso di andare in palestra. Credo che, nonostante mi sentissi più libera, perché con un impegno in meno, alla fine lo sfogo fisico mi sia mancato più di quanto pensassi. Stare tutto il giorno a una scrivani a correggere libri, o davanti un computer a correggere libri, non può certo fare bene. Ho pensato anche che forse uno dei problemi è che capita che i romanzi facciano affiorare altre emozioni, e a differenza di quello che leggo di mia iniziativa, questi non li posso mollare, anche quando non mi fanno star bene. Oppure non lo so, ero solo molto molto affaticata. Poi ci si era messa la settimana in cui mia figlia è stata male, una settimana sfinente. È stato un luglio difficile. Ora ho ripreso la palestra e mi sento fisicamente meglio. Mentalmente un po'  sì e un po' no. Sto imparando che non posso sempre fare tutto come lo vogliono gli altri e nei tempi che vogliono gli altri perché le giornate hanno solo 24 ore, e nel mezzo ci sono un sacco di altre cose. Ho imparato a lasciarmi andare alla lentezza. A volte faccio tutto di corsa, certo, come tutti, a volte me ne frego e dico no, faccio come riesco nei tempi che riesco, che tanto la vita è una e non sarà certo quella scadenza, quell'orario cannato a far finire il mondo.


Commenti

Sara ha detto…
Io mi metto a riordinare dentro armadi e cassetti.

Post popolari in questo blog

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

Concentrazione

Mia figlia era così felice della spolverata di neve di stamattina che in macchina non ha voluto ascoltare niente.
Cosa sentiamo? Pipìm papàm? (Mellow Mood, Sound of a war) O quello che gli prude il culo? (Brunori Sas, Lamezia Milano) O un cd nuovo? Niente. Niente? Sì, c'è neve.

E allora abbiamo viaggiato in silenzio mentre lei guardava fuori tutto un po' imbiancato (solo i tetti e i giardini), anche se man mano che ci avvicinavamo a Casarsa ce n'era sempre meno, e io avrei voluto non dover lavorare e tenermela a casa perché qui di neve ce n'è pur poca ma di più, e avrebbe potuto giocarci e ne sarebbe stata entusiasta.  Ma la riporteremo in montagna, in fondo a mezz'ora di strada siamo a Piancavallo. Ci serve solo un fine settimana senza troppi impegni, ed è quello il difficile. Allora stiamocene in silenzio, qui fiocca ancora, spero anche dalla nonna, così Dafne è felice e può ascoltare il suono della neve. Ché ha ragione lei, per godersi le cose belle ci vuole con…