Passa ai contenuti principali

Ricordi al futuro

L'estate è arrivata di soppiatto, fra un megatemporale e qualche giornata nuvolosa carica di umidità, si è infilata come un gatto sinuoso e ozioso con i suoi cieli quasi tersi e le ore del pomeriggio caldissime. Ma le mattine sono ancora fresche, mi lasciano passeggiare in pace e mi godo con gioia le corse in bicicletta con il vento appena tiepido e piacevole a scorrermi sulla pelle.
Scendo  e risalgo le strade della città, che ormai sento la «mia» città – oh, finalmente abbiamo lasciato quel paesino orribile dove abitavamo prima! – fingendo di essere in vacanza anche se non è così. Scopro stradine e scorciatoie, esploro parchi e piste ciclabili, mi fermo a salutare i conoscenti, come se qui fossi a casa mia da sempre. Vi assicuro che non solo è una sensazione piacevole, ma proprio appagante. 
Prima, dove abitavo quando abitavo con i miei, era una sensazione scontata. Giravo per le strade che erano state le strade della mia infanzia e, soprattutto, dell'adolescenza. Salivo e scendevo marciapiedi, inforcavo scorciatoie, mi infilavo in strade campestri... Era tutto a memoria, praticamente stampato nel mio DNA.
Ritroverei, lì, le stesse cose, ora? Forse no, l'amica che abitava laggiù adesso vive in California, l'altra che era nella strada dopo vive in un'altra regione, quella della strada accanto forgia giovani menti a New York. E poi, tutti gli altri, tutte le altre cose che sono cambiate piano piano ma in modo inesorabile, modificando il volto della mappa dei miei luoghi.
Qui invece per me è tutto abbastanza nuovo, quegli stessi (quei simili) cambiamenti li ho vissuti solo da lontano, chi è di qui dice «non è più come una volta» ma per me la mia «volta» è adesso. E non è tutto superfantastico, è solo Pordenone, ma è qui che ora costruisco ricordi nuovi, ricordi futuri.
Il passato è in una vetrina, è bello, lo rispolveri e lo riguardi di tanto in tanto, ma serve solo a dire chi eri, chi sei e chi sarai lo costruisci di giorno in giorno (almeno, per me è così: nel passato non si vive, è già stato, diventa pure un po' noioso).
Una sera, è domenica, la casa ti si riempie di amici, fra una bruschetta e una pastasciutta hai un'altra foto di una nuova identità. Ce ne sono state altre, ce ne saranno ancora: tutte fotografie scattate solo con la mente, al buio sotto il portico di casa, seduti a terra a mangiare gelato un po' bio e un po' no. 

Commenti

Riccardo Giannini ha detto…
Mi fa piacere sentirti più serena :)

Mi piace la tua idea del passato: una bella vetrina ricca di cose da spolverare e da ammirare, il resto da vivere giorno per giorno.

Comunque che orrore quest'estate anticipata (anche se io considero il 1 giugno inizio d'estate, considerando il concetto di estate meteorologica :D)
Miky ha detto…
Mi sono un po' riappacificata con l'estate ma preferisco divgran lunga temperature miti... O fredde!
Mareva ha detto…
È una sensazione che ho vissuto anche io quando ho cambiato casa, dalla Lombardia alla Romagna e nonostante sia passato un anno, ancora, a volte mi sento così. Ed è bellissimo.
franco battaglia ha detto…
Avrei voglia di cambiare città, e più ne vedo di nuove più si acuisce la sensazione di essere cresciuto nel posto sbagliato. Non sarei stato così, mi dico allora, ma non mi convinco poi troppo..
Riccardo Giannini ha detto…
@Mareva: di che parte sei della Romagna, se non sono indiscreto?

@Miky: mi sa che viste le premesse, quest'estate avrai da ri-litigare con lei XD
Miky ha detto…
@Mareva che sia il segnale che è il posto giusto?

@franco be' non so il tuo vissuto o i tuoi impegni, per cambiare in genere si è sempre in tempo... comunque saremmo tutti diversi se avessimo vissuto altrove, ma non vale la pena crucciarsene, perché non lo sapremo comunque mai. Però, se non ci piace una situazione fare il possibile per cambiarla, almeno parzialmente, quello è nelle nostre facoltà.

@Riccardo che dire, sono due settimane che bramo il ritorno di settembre, ma devo dire che bramo anche le settimane di ferie di mio marito ad agosto, e non posso nemmeno dimenticare il fatto che estate = gelato la sera, dopo cena, le passeggiate anche tardi che tanto sembra presto... ci sono i pro e i contro!
bob ha detto…
Conosci i Tre Allegri Ragazzi Morti? Sono di Pordenone. Ci hanno anche scritto su una canzone.
Miky ha detto…
@bob sì, difficile non conoscerli qui, uno di loro era a cena da noi domenica, è un vecchio amico di mio marito 😊
bob ha detto…
E me lo dici cosi' senza neanche un po' di tatto? Che invidia.
Miky ha detto…
Se avessi saputo che eri un grande fan, sarei stata più delicata! C'è il lato positivo: conosci una che conosce, potrebbe tornarti utile in qualche modo :)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…