Passa ai contenuti principali

Di nuovo me, un'altra me

I giorni trascorrono tutti simili e tutti diversi, il fatto che sia luglio, caldo e soleggiato probabilmente contribuisce a far sembrare tutto più strano, privo della solita routine, più lento e spaesante. L'orologio mi serve più a vedere quanto poco rispetto gli orari e mi sembra quasi di essere di nuovo a scuola, quando le vacanze estive erano lunghe e non sapevi mai bene che cosa farne. Tranne che quella volta dormivo tantissimo e non avevo una figlia.
Però pian piano sono ritornata in me, anche se non è la me di prima. Ho ritrovato un centro, un equilibrio, e anche se a volte mi manca ancora qualcosa, è giusto, anche prima l'equilibrio non era sempre uguale. Insomma, ora sto bene. 
La cosa che mi manca di più è lavorare, e mi chiedo davvero come e quando riuscirò a organizzarmi per riprendere in mano le redini. Perché allattare non è una cosa che posso delegare, e ho provato qualche giorno di latte artificiale perché credevo di non averne e alla fine mi sono sentita in colpa, perché sapevo che mi sarebbe bastato perseverare per avere di nuovo latte. E così è stato. Non so come e perché funziona così, ma perseverare sembra essere la soluzione a tutto, poi la natura sa cosa fare. Più attacchi il bebè al seno più latte produrrai, più lo prendi in braccio quando piange più imparerà a consolarsi da solo, più gli dai il latte non appena te lo chiede prima rinuncerà alla poppata notturna. 
Ma da libera professionista e non godendo di nessuna maternità dovrò tornare a lavorare abbastanza presto, anche se a un ritmo meno sostenuto rispetto a prima, perciò probabilmente dovrò scendere a compromessi, quando e se servirà, e imparerò a non sentirmi in colpa e tutto il resto. Forse. Sono sicura che ci sia ancor un gran numero di ormoni a girare nel mio corpo e a pensare al posto mio, anche se di certo non come all'inizio.
Mi mancherà quest'anno una vacanza di quelle che ci piaceva organizzare di solito, anche se comunque anche quest'anno qualcosa faremo. E non vedo l'ora che Dafne sia un po' più grande per iniziarla a qualche viaggetto, perché voglio abituarla presto. Al momento ha appena iniziato ad apprezzare le passeggiate... e nemmeno sempre, ma credo sia colpa del caldo.
Mi è difficile pensare a come sarà la mia vita nei prossimi mesi, perché non so davvero come sarà. Ora che Dafne non ha nemmeno due mesi ci sta che il mio sguardo sia continuamente concentrato su di lei e sui suoi bisogni, su di noi come famiglia, su di noi come coppia che non è più sola, ma non sarà sempre così e a un certo punto rientreranno tutti quegli aspetti che ho messo in pausa. Non so come ma dovranno rientrare. È bello sapere di avere tutta una vita nuova, anche se simile a quella di prima, da costruire passo a passo. E niente, mi rende felice e sono passata qui per dirvelo.

Commenti

Mareva ha detto…
Ti abbraccio forte. Mi sembra, comunque, tutto molto bello.
Miky ha detto…
Ricambio l'abbraccio ☺ e sì, direi che è tutto molto bello

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…