Passa ai contenuti principali

Coltivare la pazienza

È arrivato maggio, veloce come il vento. Il tempo è volato e quasi non me ne sono accorta. Ho lavorato molto in questo inizio di anno, ho consegnato l'ultimo lavoro stamattina e poi ho tirato un sospiro di sollievo. 
Sono pronta. Sono pronta a cercare di riposarmi, seppure ci sia ancora un progetto in piedi, che però ha consegna fra qualche mese ed è quindi gestibile in modo differente. 
Sono pronta anche se pronti non lo si è mai, suppongo.
Intanto cerco di imparare ancora a rallentare, a riposare di giorno se di notte ci riesco poco, a mettere davanti me invece degli altri... Per fortuna è da un pezzo che ho imparato a non vivere secondo gli orari, perché a quel che mi dicono fra un po' tanto varrà buttare gli orologi e seguire solo due cose: le necessità della bimba e un po' di istinto. Almeno all'inizio, finché non si ristabilirà un certo ordine (ma si ristabilisce davvero? Me lo chiedo proprio...).
Comunque sta arrivando la bella stagione. Finalmente. Quest'anno credo di avere bisogno del sole per ricaricare pile all'infinito (oltre che per asciugare quelle che immagino saranno maree di lavatrici).
Ho avuto qualche giorno un po' difficile, ero molto stanca e il tempo piovoso, freddino e grigiastro non aiutava. Canetto piangeva perché lo portavo fuori poco, ma sono un po' agli sgoccioli con i miei bonus passeggiata. Oggi invece, dopo una nottata non proprio entusiasmante, mi sento più energica, ho passeggiato mezz'ora con il bubi (che a quanto pare piange anche per altro: le cagne devono essere in calore) e ho iniziato a pensare: levo e lavo tende, pulisco vetri, butto copridivani in lavatrice? Be', vediamo, ci penso su un po', qualcosina farò ma non troppo, altrimenti l'ipotesi di riposo se ne va dritta a quel paese...
Mamma. Che parola enorme, sul serio. Me la rigiro in bocca ma ancora non la sento appartenermi, per quanto per certi versi mi sembra che mi cadrà addosso come una veste leggera e allo stesso tempo ricca di sfumature. Anche quando sarò ancora imbranata a cambiare un pannolino o a fare un bagnetto. Forse perché so che non verrà mai sempre tutto bene, ma verrà, in qualche modo. Lo spero. 
Poi c'è lui, che è la mia parte migliore, che è riuscito a farmi tirare fuori il meglio sempre, credendo sempre in me, in tutto e per tutto. Che ha già esperienza e un carattere rassicurante e razionale quando io tendo a farmi prendere dal panico. E poi insieme, credo, abbiamo una cosa che ci tornerà molto utile: abbiamo pazienza. Almeno, mi sembra che ne abbiamo parecchia, senza sfociare nell'eccessiva condiscendenza. Ma anche quando saremo tutti spazientiti, stanchi ed esasperati, spero che sapremo contare fino a 10 e ripartire. Con calma. Un passo alla volta, come tutto va fatto.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…