Passa ai contenuti principali

25 domande sul cinema e passa la paura

Sono così stanca e sopraffatta dagli eventi e dalle cose da fare che non riesco davvero a mettermi giù e scrivere. Ultimamente scrivo moltissimo per lavoro e quasi nulla per me stessa, ma devo dire che comunque la soddisfazione è tanta e forse, semplicemente, in questo momento non ne ho davvero il bisogno. In ogni caso, per dimostrarvi che sono ancora viva e perché è da tanto che non partecipo a questo genere di giochetti, oggi ho deciso di rispondere alle 25 domande sul cinema, che a quanto pare in questo periodo stanno comparendo un po' su tutti i blog. Io le ho lette stamattina per la prima volta nel blog di Patalice e ho pensato fossero un buono spunto per rimettermi a scrivere qui. E poi sono io stessa curiosa delle risposte che darò (perché se per alcune domande la risposta mi sorgeva immediata, mi sa che per altre ci devo riflettere un po' sopra). Pronti, partenza, via!

1. Il personaggio cinematografico che vorresti essere
Ah, cominciamo bene, mi viene da dire BOH! Alice di Alice in Wonderland di Tim Burton, non so perché.
2. Genere che ami e genere che odi
Mi è difficile parlare di amore per un solo genere, ma credo di amare moltissimo quei film un po' sospesi fra realtà e sogno... genere assurdo, esiste? Che so, tipo Big Fish, cose così.
Odio invece i musical, tranne Footloose perché Kevin Bacon è Kevin Bacon ed è meno musical di altri.
3. Preferisci i film in lingua originale o doppiati?
Sicuramente se li guardassi in lingua originale li preferirei in originale, ma alla fine li guardo sempre doppiati, per pigrizia, per necessità (se li guardo in compagnia), ma anche perché apprezzo molto il lavoro dei doppiatori (quando sono bravi).
4. L'ultimo film che hai comprato
Little Miss Sunshine, perché volevamo farlo vedere al figlio di mio marito.
5. Sei mai andato al cinema da solo?
Sì, qualche volta, ma al Far East Film Festival, al mattino in pausa fra una lezione universitaria e l'altra. Esperienza ripetibile anche in un cinema normale, ma non mi è capitata l'occasione.
6. Che cosa ne pensi del Blu-Ray?
Non penso nulla perché non ho mai avuto modo di guardare un film in Blu-Ray.
7. Che rapporto hai con il 3D?
Di per sé l'idea mi piace. Da astigmatica (che avrebbe bisogno di un giro dall'oculista) fatico ad apprezzarlo davvero. Poi lo guardo solo quando andiamo a vedere film d'animazione con il figlio di mio marito, altrimenti non sono molto interessata...
8. Cosa rende un film uno dei tuoi preferiti?
La presenza di Ewan McGregor può aiutare... Scherzi a parte, trovo sia una domanda un po' assurda, un film è fatto di talmente tante cose. Diciamo, in modo astratto, quando riesce a parlare in qualche modo di me, o di una parte di me, ma con ironia.
9. Preferisci vedere i film da solo o in compagnia?
Gli horror da sola, tutto il resto in genere in compagnia.
10. Ultimo film visto?
Ieri sera abbiamo visto un film in seconda serata prima di andare a letto (troppo tardi). Non perché fosse bello, solo perché era lì. Si intitola Il club degli incompresi, un film spagnolo con protagonisti degli adolescenti... non era poi così male, alla fin fine.
11. Un film che fa riflettere
Oddio, a parte quelli demenziali, ma a volte pure quelli va, tutti i film fanno riflettere. Come sempre scelta difficile, mi tocca rispondere con il primo che mi viene in mente, ma di sicuro ce ne sono molti altri... direi quindi The Woodsman, con Kevin Bacon, che tratta il tema della pedofilia in modo non scontato.
12. Un film che fa ridere
Cena fra amici (orig. Le prénom) una commedia francese vista per caso in tivù che ci ha fatto davvero morire. Ma ho scoperto di adorare tutte le commedie francesi, dovrei cercare di vederne di più.
13. Un film che fa piangere
La prima risposta che mi è venuta è stata 50 e 50 con Joseph Gordon-Levitt. Ma sicuramente altri fanno piangere di più. Ah, per esempio Il piccolo principe, visto al cinema a gennaio, mi ha commosso un sacco in certi momenti.
14. Un film orribile
Oddio, ce n'è così tanti! Direi che per me sono inaffrontabili tutti i Fast and Furious.
15. Un film che non hai visto perché ti sei addormentato
Ce n'era uno, con Russell Crowe, ma mi sono addormentata perché ero a inizio gravidanza non perché il film fosse brutto. Purtroppo non ricordo il titolo, ma mi pareva lui facesse il giornalista...
16. Un film che non hai visto perché stavi facendo le "cosacce"
Ok, qui siamo scaduti in: test del Cioè. Non credo mi sia mai capitato.
17. Il film più lungo che hai visto
Mah, forse Magnolia?
18. Il film che ti ha deluso
A proposito di Davis, dei fratelli Coen. Davvero insipido.
19. Un film che sai a memoria
Suppongo Snatch ma anche Fight Club. Ah, anche Un'ottima annata che rivedo ogni volta capita in tivù perché mi fa sognare la bellissima vacanza in Provenza fatta qualche anno fa...
20. Un film che hai visto al cinema perché ti hanno trascinato
Ah, questa era una schifezza post-apocalittica inguardabile, ma non mi ricordo il titolo.
21. Il film più bello tratto da un libro
Forse Stand By Me perché sia libro che film li ricordo con grande affetto pensando alla mia adolescenza. E Dolores Claiborne, stesso motivo. Ero Stephen King-dipendente, sì.
22. Il film più datato che hai visto
Immagino La casa stregata con Buster Keaton
23. Miglior colonna sonora
Al momento risponderei Elizabethtown, Boyhood e Juno
24. Miglior saga
Va be', Star Wars, ça va sans dire
25. Miglior remake
Mah, probabilmente Scarface

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…