Passa ai contenuti principali

Della mela, la buccia

Anche a voi capita, quando svuotate un armadio e buttate il vecchio, sistemate il garage e passate in discarica (magari facendo anche più viaggi) di sentirvi poi inspiegabilmente più leggeri? Come se aveste messo ordine nella vostra anima, nella vostra vita, oltre che nella vostra casa?
Io avrei bisogno di più tempo per cose del genere, soprattutto adesso che lo spazio mi serve davvero e che non so poi quando avrò di nuovo tempo per questo. Sono un'accumulatrice di cose, per fortuna solo a breve termine, ma prima di decidermi a buttare e riordinare mi devo rendere conto che c'è davvero un gran caos. Un po' è colpa della casa piccola che non permette di avere un posto per tutto – soprattutto per quelle cose che dovrò buttare prima o poi ma che aspettiamo ancora un po' perché non si sa mai – ma anche perché lavoro a casa e non ho uno studio, quindi lo spazio si riduce ancora, accumulo carta che prima di buttare devo essere sicura non mi servirà più e poi, trasferisco di là, e poi forse, finalmente, quando ce la faccio, butto via tutto.
Insomma, fare spazio e buttare l'inutile è terapeutico e si sa, ma ci vorrebbe il tempo, la voglia, la costanza di farlo una volta al mese e non una volta ogni sei come invece capita a me! 
Ora come ora, poi, suppongo di essere preda della sindrome da preparazione del nido, quindi sì, fare spazio ha un altro senso ancora, mi mette in contatto in modo più "spirituale" con il pancione e soprattutto con chi ci sta dentro, e infine, con il futuro. Pur sapendo che qui non resterò per sempre e ogni soluzione non può che essere temporanea.

Un'altra cosa di questo periodo è che vorrei avere più voglia di scrivere e al tempo stesso no: questo mi manda in bestia, perché scrivere mi ha sempre messa in contatto con me in un modo che ho sempre trovato utile. E adesso, invece, ho voglia di fare invece di stare davanti a una tastiera. E poi ho un'altra paura: quella di tediarvi. Lo so, non dovrei, dovrei sentirmi libera di esprimere quello che mi va visto che il blog è mio, ma in questo momento ho una specie di blocco da questo punto di vista. Non me ne cruccio molto, vi dirò, perché la verità è che provo talmente tante cose diverse che non so nemmeno io bene da che parte muovermi, e, soprattutto, se nel momento in cui scrivo razionalizzo molto – ed è proprio per questo che scrivere mi aiuta parecchio – in questo momento non ho voglia di razionalizzare, ho proprio voglia dell'accozzaglia indistinta di emozioni che si scatenano in modo non ben definito! È la mia nuvoletta disordinata di emozioni e, per qualche motivo, voglio che rimanga un po' così... e finisco per arrivare alla fine di un post sempre insoddisfatta, sempre un po' titubante se pubblicare o no.

Pubblico comunque, ma ve lo dico, in questo momento mi sento moltissimo fuori da me. (Non "di me", che è diverso!) Ma è tutto parte di tutto, quindi perché non lasciare testimonianza anche di questo passaggio? Intanto almeno mi faccio viva, e vi faccio sapere che tutto va bene e, quando sarò pronta, vi donerò molto molto di più.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…