Passa ai contenuti principali

Più leggeri

A volte ho la sensazione di aver abbandonato il blog, eppure se guardo la data in cui ho scritto l'ultimo post mi accorgo che sì, è passata una settimana, ma una settimana non è mica tanto.
Eppure nel mezzo continuano a esserci sempre così tante cose, tante cose di cui vorrei avere il tempo di scrivere e che vorrei riuscire a elaborare meglio, e alla fine invece devo sempre fare solo post riassuntivi.
Presto arriverà un post-diario, sarà l'unico – almeno credo – nel suo genere, raccoglierà più cose di più giornate ma lo pubblicherò in un giorno solo tutto insieme. Il motivo è che c'è un po' di percorso da fare ancora e quindi non voglio affrettare le cose.

Oggi fuori è grigio: abbiamo passato giornate bellissime di un autunno sfolgorante, con le foglie rosse e gialle sugli alberi su cui cadevano i riflessi dei raggi del sole illuminando tutto. Oggi invece è più quell'autunno del sto-a-casa-con-la-mia-tazza-di-tè-e-guai-a-chi-mi-chiede-di-uscire.
Pare che domani pioverà, a coronare lo stato d'animo più autunnale. Evviva!

Una delle cose belle dell'autunno e del bimestre ottobre-novembre è che iniziano ad arrivare da correggere i libri che usciranno a Natale: e così, si piomba subito in atmosfera dicembrina. Una cosa abbastanza bella, devo dire, per chi come me ama gli ultimi tre-quattro mesi dell'anno più di tutti gli altri. 
E poi anche quest'anno ci stiamo preparando a Halloween, e abbiamo fatto gli sboroni comprando decorazioni (che mi auguro verranno riutilizzate negli anni a venire) e maschere, ci siamo organizzati per uscire a fare dolcetto o scherzetto, perché dopo l'esperienza dell'anno scorso il Bimbo ci tiene, e insomma, siamo pronti a esagerare con gli zuccheri. 

Per il resto, sapevo che quest'anno sarebbe stata dura: organizzare tutti gli impegni lavorativi non è sempre semplice, anche perché quando si scrive per un giornale che va in stampa e che a volte ha le sue esigenze di marketing, all'improvviso i piani ti cambiano all'ultimo momento. E poi è un periodo un po' così, di stanchezza facile e voli mentali che distraggono. Però ci sto riuscendo abbastanza bene, e perfino quando mi sento sopraffatta dalle cose c'è sempre una parte di me che riesce a mantenere una calma inaudita. E non ho idea da dove questa calma arrivi. Penso alle onde di un mare appena sferzato da una leggerissima brezza ed è così che mi sento. Ma magari sempre!

Il segreto è questo, forse: pensare a tutte le cose di cui mi sono liberata e che non fanno parte più della mia vita, quelle che quando c'erano mi pesavano tanto. Ora di pesi così ne sono rimasti pochi – forse nessuno. Funziona, sul serio! A volte mi aggrappo ancora al: be', almeno non lavoro più dal notaio (ci ho lavorato per 5 mesi ormai 4 anni fa), che probabilmente rappresenta il top delle esperienze NO. Ma anche "non vado più a ripetizioni" ché davvero mi pesavano, per il tempo che mi prendevano e per altri motivi, ma sono gentile e non li esplicito. 
Insomma, il bene che fa TOGLIERE cose per sentirsi più leggeri: il segreto, sì, dev'essere questo.

Commenti

bob ha detto…
Qui ci sono stati 29 gradi fino a settimana scorsa, poi dicono che i cambiamenti climatici sono una cazzata.
L'importante e' avere la sensazione di star cambiando la propria situazione in meglio, che tutto sommato stiamo meglio di come stavamo 5 anni fa e ci sono buone possibilita' di essere in un posto ancora migliore fra 5 anni, perche' si ha un piano e si hanno degli obiettivi. Io ho bisogno di avere qualcosa da raggiungere, ho bisogno di sapere che la mia vita cambiera' nei prossimi anni, altrimenti impazzisco. Davvero non capisco e un po' invidio chi si accontenta, e' completamente felice e soddisfatto/a della propria vita e non vorrebbe cambiasse mai (ce n'e' di gente cosi').
Miky ha detto…
io sono molto felice di dove sono, ma è ovvio che mi annoierei senza cambiamenti :) quindi a un certo punto devo cercare anch'io un nuovo obiettivo (meglio così, altrimenti non c'è gusto)
Patalice ha detto…
...abbiamo scritto un post che verte sulla stessa sfumatura di esistenza...
il cambiamento e le sue mille intenzioni... positive e negative che siano...
serve!
assolutamente serve

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…