Passa ai contenuti principali

La gogna

No, non ci sto alla gogna mediatica, soprattutto se perpetrata da persone dalle idee alquanto discutibili.
Sì, sto parlando di lei, di miss Italia. Sì, certo che ha detto una stronzata, ovvio che un po' di bonaria presa in giro se la merita tutta, ma da qui alla cattiveria offensiva, l'indignazione pura, be', no non ci sto. No, io a diciott'anni non avrei detto una cosa del genere, ma se avessero registrato le cazzate dette da non so quanti di noi quando avevamo quell'età, forse ci meriteremmo tutti la nostra serie di video ironici e meme esagerati. 
Ah, aspetta non serve nemmeno una registrazione, basta andare a vedere qualche status di Facebook di qualcuno dei grandi intelligentoni, che diciott'anni non li ha più da un pezzo, diventati improvvisamente esperti di storia contemporanea per leggere cose come: Quando c'era Mussolini...
Le scie chimiche...

Va be', devo continuare?
No, ovvio che fa incazzare che una persona che non è in grado di parlare in modo "normale" (non dico con senso critico o analisi profonde, giusto il minimo indispensabile) di fatti storici che dovrebbe aver appena studiato vinca una borsa di studio da 10000 euro per studiare (recitazione, a quanto ho letto, ma poco importa). Ma lei che colpa ne ha, le si è parata davanti un'opportunità e l'ha colta, e come darle torto? 
Il fatto che esista l'opportunità – vincere una borsa di studio per un concorso di bellezza – be', questo sì che fa incazzare, o meglio, non farebbe tanto incazzare se al contempo si potessero vincere altrettante borse di studio per meriti che siano meriti davvero. Ma questo, lo sappiamo bene, è pura utopia. 

Ah, fra l'altro, gli intelligentoni dicono anche: Almeno fosse bella. 
Ecco, qua c'è un'altra contraddizione assurda. Dovresti sapere bene che il bello è un concetto molto soggettivo, e ciò che io trovo bello a un altro fa cagare. Per esempio, io non capirò mai quelle che muoiono per Manuel Agnelli, ma non penso certo che il mio sia un giudizio assoluto. Quindi quando dici «almeno fosse bella», mi fai incazzare perché dunque a una bella è concessa la stupidità – o un po' di ignoranza e ingenuità, preferirei dire – a una brutta, una «bella ma niente di che» no? Intanto cominciamo a sbarazzarci del «va be', almeno è figa» perché lasciatemelo dire, come ragionamento mi fa proprio schifo. Magari è bella, magari non piace a tutti, magari ha una bellezza particolare un po' diversa, chi se ne importa. Magari non è una cima in storia, anzi, storia proprio non l'ha mai studiata e non ci capisce granché, ma magari è una brava persona, forse è una persona generosa, gentile, educata, a differenza di molti utenti Facebook. Forse è solo una persona normale, con pregi e difetti, certo finora non così grossi da meritare tanta indignazione.

Ecco quindi che dai social media si sfagiolano tutta una serie di contraddizioni in termini che fa riflettere. Ora, non è colpa della signorina miss Italia 2015 se la meritocrazia nel nostro Paese non esiste. Però a questo punto temo che diventi il bersaglio prediletto. Ecco, mi auguro che come tutto il resto in questo Paese, la moda passi e ci si dimentichi di lei. Perché da quando c'è questo attacco continuo, non riesco a non pensare alle storie di bullismo, per quanto diversa sia la situazione, anzi quasi capovolta. Eppure il mezzo usato è sempre quello. Per quanto una abbia scelto di esporsi volontariamente, perché ovviamente è questo che succede se partecipi a miss Italia, spero che tutti si ricordino che sì, alla fine, ha solo detto una cazzata. 
The Jackal ha fatto un video simpatico, per nulla offensivo, al quale pure la miss probabilmente avrà riso. Sono i commentatori della domenica, che spesso in un italiano discutibile si scagliano come fosse una novella strega dei tempi nostri a preoccuparmi.
Voglio dire che ci sono personaggi di gran lunga peggiori contro i quali scagliarsi, personaggi che influenzano idee e opinioni, che rimbambiscono la gente, che rincoglioniscono i ragazzini e che meriterebbero ben maggiore indignazione. Lasciamola pure in pace, questa ragazza, ridiamo con affetto e lasciamole la possibilità di crescere almeno un po' prima di seppellirla con l'arroganza dietro la sicurezza dei nostri monitor. 

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…