Passa ai contenuti principali

Sproloqui

Ci sono, ci sono quasi, forse fra oggi e domani riesco a finire le cose più urgenti, la nuova collaborazione ormai sembra cosa fatta, se da qui a settembre nessuno cambia idea, e io sono FELICE.
Sono gli ultimissimi sforzi, mi sembra come quando fai la gara di velocità e sei lì, alla fine, e non ti devi guardare indietro per vedere a che punto sono gli altri altrimenti rallenti, senza accorgertene, e perdi. 

Luglio rischiava di essere un mese impossibile, invece mi sono rimboccata le fantomatiche maniche (fantomatiche perché sono in canottiera da mesi) e di giorno in giorno ho pianificato: ho scritto nero su bianco in agenda cosa avevo da fare, poi per non deprimermi ho evidenziato il tutto con colori diversi e via, ho cercato non dico di seguire il programma pedissequamente, perché non ne sono capace e non è da me, ma per lo meno ho cercato di far slittare gli impegni il meno possibile, o di riorganizzarli quando un imprevisto mi si parava davanti.
E pare aver funzionato, perché sono davvero agli sgoccioli e sto già cominciando a riposare meglio (questo significa che non ho più l'ansia da devo-ancora-fare-tutto-tutto-tutto, oltre al fatto che qui non fa più caldo e si dorme da dIO!)

Okay, ho ancora qualche telefonata da fare e mail da scrivere per l'organizzazione delle vacanze, una prenotazione da sistemare e magari un appuntamento dal parrucchiere non mi dispiacerebbe riuscire a infilarcelo, ma sono già riuscita a fare molto più di quel che credevo.
Volo verso agosto con più gioia di quanto non abbia volato l'anno scorso verso la Scozia (bugia bella e buona, ma il passato è passato!).
Ho tantissime cose per la testa ma adesso non posso dirvele, e poi ho una tale paura delle battute d'arresto che non ci voglio nemmeno pensare: le pause aiutano, ma a volte temo di finire nel buco nero della distrazione, che è davvero magnetico e attira e risucchia dentro tutto... tempo, idee, buona volontà. Non voglio fare quella fine, per una volta che riesco a non essere agli sgoccioli di me stessa.

Ho già detto che sono, in generale, FELICE? Mi fa sempre paura dirlo, perché non voglio che finisca tutto di colpo... ma voglio anche godermela un po', questa felicità, visto che poi non si sa mai. Giusto? Faccio bene? Devo smettere di sbandierarla? O è solo che le imminenti ferie di mio marito mi regalano un po' di pace, della serie, possiamo essere in due a pensare a un po' di cose qui a casa!

Sproloqui vari a parte, nella mia asocialità patologica sto iniziando a metterci dentro pure i social: che mi hanno rotto le scatole. E quindi, forse, parte della mia fervente iperattività è dovuta anche all'aver smesso di perdermi dietro agli status altrui, soprattutto quelli che mi fanno incazzare.
Chi ha detto che l'uomo non è un'isola? A volte, sì, sono quella cazzo di Ibiza. (Mi piace molto dirlo, non abbiatemene se cito un film con quell'antipatico di Hugh Grant.)

Bye bye!

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…