Passa ai contenuti principali

Sogni veri

Domenica sera mentre stendevo l'ultima lavatrice della giornata in tv c'era un film con Ben Affleck Amore estremo, film che non ho visto (ho poi scoperto che è stato considerato uno fra i peggiori film mai realizzati!). Ma che mi ha dato un'imbeccata. Nel film c'era un attore che interpretava – male – un ragazzo disabile. Al che ho detto: ho visto solo due attori interpretare bene un ruolo così difficile: Dustin Hoffman su Rain Man e Leonardo Di Caprio su Buon compleanno Mr Grape.
E così ho scoperto che mio marito non aveva mai visto Buon compleanno Mr Grape. E io gli ho detto ce l'ho, quando vuoi lo guardiamo.
Ieri sera l'abbiamo fatto: posso dire che trovo sempre entusiasmante rivedere film vecchi più di 20 anni. Be', poi dipende dal tipo di film, ma questo è davvero quel genere un po' lento, ma non troppo e per niente noioso, ambientato in un'America in mezzo al nulla dove i cittadini sono sospesi fra il vecchio e il nuovo che avanza, chi per scelta chi perché altra scelta non ce l'ha. I ragazzi della famiglia Grape sono intrappolati, "soffocati" da una madre obesa che non esce di casa da 7 anni, ma che naturalmente li ama moltissimo, e il loro destino sembra quello di non poter andare da nessuna parte, e dove potrebbero andare? L'unico momento di vera gioia ce l'hanno quando vedono arrivare, una volta all'anno, i caravan di passaggio per la loro cittadina, come se solo a guardarli potessero anche loro fuggire via.
Il buon Leo aveva anche avuto una nomination all'oscar per quel film, e quanti anni aveva? 19?
Mentre Johnny Depp interpretava quella parte da bravo ragazzo che sbam!, gli riusciva così bene.
Poi all'improvviso mi sono proprio sentita vecchia. Leo, Johnny, Juliette Lewis... erano i miei miti degli anni Novanta, ed erano così belli, bravissimi seppur giovanissimi... 
Ho ripensato a quando ho visto per la prima volta questo film: eravamo al pigiama party organizzato da un'amica per il suo trasferimento nella nuova casa. Eravamo alle medie. Se ripenso a loro, una ora vive in California, l'altra in Spagna, una è madre di due figli, l'altra di tre... caspita se ne è passato di tempo da quando sognavo di diventare una persona figa come quella di quei film. Sto bene dove sto, ma una parte di quei sogni mi mancherà sempre, e credo faccia parte anche questo del diventare grandi.

Commenti

MikiMoz ha detto…
Eh, anche a me succede.
Pensieri di prima gioventù e la realtà di oggi^^

Moz-
Mareva ha detto…
Ma sai che anche io ci penso ogni tanto e mi sembra ieri? Poi guardo la data e mi accorgo che sono passati quindici o sedici anni. Una mazzata!
Miky ha detto…
eh, sì, era quando ci sembrava ancora tutto possibile... adesso non tutto lo sembra. tra l'altro, alcune cose erano anche soltanto stupide :)
bob ha detto…
Mi hai fatto venire i brividi: anch'io ho amato questo film, quando lo vidi pensai che Di Caprio avrebbe vinto tanti di quegli oscar durante la sua carriera, poi me ne sono completamente dimenticato finche' non ho letto questo post. Mi sa che e' ora di vedere la versione originale.
Miky ha detto…
bob, è sempre bello far venire i brividi a qualcuno :)
mi prendevano in giro quando dicevo che Di Caprio era bravo, perché era l'epoca delle ragazzine che si strappavano i capelli, e anche se non ha vinto l'oscar alla fine anche i detrattori di un tempo ora lo ammettono.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…