Passa ai contenuti principali

«Quando siete felici, fateci caso» ovvero di Kurt Vonnegut e delle piccole meraviglie

La nebbia arriva
con le sue zampette di gatto.
Si siede a guardare
il porto e la città
accucciata in silenzio
e poi se ne rivà.

È buffo che io inizi citando una poesia (di Carl Sandburg) che si trova in una nota del libro di Kurt Vonnegut Quando siete felici, fateci caso. Perché è una nota, perché potrebbe passare inosservata, e invece forse racchiude il succo di tutto. È la sua immediatezza.
Il libro è una raccolta di alcuni dei tanti discorsi che Vonnegut ha tenuto alle cerimonie di diploma di varie università degli Stati Uniti.
Naturalmente trattandosi di discorsi pensati per cerimonie simili, il succo che se ne trae è abbastanza semplice e di tanto in tanto risulta lievemente ridondante. Ma è la natura del libro a essere così. Però è l'anima di Vonnegut a emergere, nella sua semplicità immensa. Eppure, di questa semplicità abbiamo bisogno di "sentirci dire", dobbiamo sentircela ribadire perché nel nostro mondo, così complesso e complicato e corrotto è impressionante come solo dire che ci manca la semplicità è diventato un cliché.

come si fa a non essere felici mentre si mangia un gelato?
Sono pochi i capisaldi della vita, per Vonnegut, anzi, li potremmo con tutta probabilità ridurre a un unico precetto: essere misericordiosi con gli altri. «Di regola io ne conosco una sola: bisogna essere buoni, cazzo». 
Ma se vogliamo andare nello specifico, se vogliamo raggiungere due obiettivi abbastanza tipici nella vita, fare soldi e trovare l'amore, ecco qua la soluzione
1) lavorare sodo
2) vestirsi bene e sorridere sempre.

L'altra soluzione ai problemi della società, secondo Vonnegut, è il bisogno di una famiglia allargata. A questo aspetto tiene molto, e infatti credo lo ribadisca in ogni singolo discorso: «Ci sentiamo così soli perché non abbiamo abbastanza amici e parenti. Gli esseri umani dovrebbero vivere in famiglie allargate stabili, di mentalità affine, composte almeno di cinquanta persone ciascuna».
È la comunità quella di cui parla Kurt, secondo lui dovremmo coltivare di più le relazioni (anche quelle con le persone che ci piacciono meno) per sentirci meno soli, allora i matrimoni funzionerebbero meglio.

ecco risolte tutte le incomprensioni fra uomo e donna

Un altro cavallo di battaglia di Vonnegut è l'eterna guerra intergenerazionale. Non sopporta che i vecchi (quelli di oggi come quelli di ieri) non riescano a riconoscere nel giovane un adulto a meno che non sia stato in guerra (per l'uomo) o non abbia messo su famiglia (per la donna). La mancanza, secondo lui, di un rito di passaggio all'età adulta è parte di molti dei problemi esistenti fra i giovani di oggi. 
In più, i vecchi ritengono che i giovani siano apatici, che manchi loro quel "luccichio negli occhi": ma, spiega, il luccichio era solo dovuto all'odio. «Per tutta la vita ho avuto gente da odiare, da Hitler a Nixon [...]. È tragico, forse, che gli esseri umani riescano a trarre così tanta energia dall'odio. [...] L'odio batte di gran lunga la cocaina pura. Hitler ha fatto risorgere un paese sconfitto, in bancarotta e mezzo morto di fame grazie all'odio e nient'altro. Pensate un po'».
Insomma, quello che i giovani di oggi cercano di fare è di fare a meno dell'odio, vivere senza. Anche a me sembra una gran bella impresa.

E alla fine, quello che facciamo ogni giorno non è altro che buttarci giù da un precipizio e mentre cadiamo farci crescere le ali: una bellissima immagine di quello che è la vita, nelle sue difficoltà inaspettate anche quando facciamo tutto bene, tutto come si dovrebbe. E ogni volta, senza verità precostituite ma con quel po' di bagaglio che ci riusciamo a portare dietro – laureati o meno poco importa – con i pochi mezzi a disposizione, con la sola forza di volontà, ci facciamo spuntare delle ali, o ce le costruiamo, (oh, certo probabilmente ci sarà anche chi le ruba a qualcuno, ma questa è un'altra storia, con altre conseguenze), per sopravvivere prima e possibilmente, volare alto poi.

Certo già dal titolo si capiva che i discorsi agli studenti non volevano insegnare a essere felici, a trovare il successo quanto il contrario, a trovare il successo e la felicità in quel che si ha. Sì, un tema trito e ritrito, forse, ma forse non ancora abbastanza. Quanti sono davvero capaci di godersi il momento, la famosa limonata all'ombra in un giorno d'estate dello zio Alex Vonnegut, che non faceva altro che dire: «Cosa c'è di più bello di questo?». 


Però su una cosa dissento: il rifiuto della tecnologia, che trovo non solo anacronistico ma anche un po' una fissazione. Come sempre, il problema non è la tecnologia ma l'uso che se ne fa. Dalla tecnologia e dalle innovazioni possono nascere cose orribili ma anche cose bellissime, quindi prendersela contro di lei non ha alcun senso per me. Per quanto possa capire il suo punto di vista, no, non lo condivido. In ogni caso è un aspetto che in nessun discorso qui è approfondito, ma diciamo che quelle frasi buttate là su quello che la tecnologia non può fare un po' stridevano alle mie orecchie.

Naturalmente mi aspettavo dal libro anche qualche lezione di scrittura. Certo, quelle implicite, disseminate come origano su una pizza, sono diverse, ma quella più esplicita è questa: che non si deve usare il punto e virgola. «Il punto e virgola è un ermafrodito travestito che non rappresenta nulla». Serve soltanto a far vedere che siamo andati all'università. Che è un po' come dire che dall'ostentazione poi, stringi stringi, viene a mancare il contenuto, e allora a che cosa serve scrivere una frase per benino se non ha cuore, non ha anima, non ha nulla da dire? E così torniamo là, alla semplicità e immediatezza da cui sono partita. Alle piccole meraviglie.

So che di lunedì può sembrare controcorrente, ma siate felici :)
M

Commenti

Mareva ha detto…
Ho adocchiato quel libro la scorsa settimana (mi sa) e da allora continuo a trovarmi articoli e post a riguardo. Mi sa che me lo devo prendere!
Miky ha detto…
sarà che i fan di Vonnegut ne sentono la mancanza! :)

Post popolari in questo blog

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…