Passa ai contenuti principali

Libero chi legge!

Scrivere qualcosa su un libro di recensioni, qualcosa di globale, forse può non avere molto senso e non è nemmeno semplice, perciò quello che voglio dire è ciò che mi ha lasciato Libero chi legge! di Fernanda Pivano, che ho letto d'un fiato nonostante avessi sempre poco tempo a disposizione. 
Innanzi tutto è uno di quei libri che non sei costretto a leggere da cima a fondo. Vuoi concentrarti solo sugli autori che già conosci, e vuoi sentire qual è l'opinione di una persona che li ha conosciuti, personalmente o dal punto di vista letterario, meglio di te? Vai all'indice e segni quali sono.
Vuoi avere nuovi spunti e leggere prima qualcosa di tutti quegli autori che non conosci, che conosci solo di nome o che proprio non hai mai sentito nominare? Puoi fare anche questo.

Una foto pubblicata da Michela (@michelagregoris) in data:
Io l'ho letto da cima a fondo, curiosa quando il titolo del capitolo portava il nome di un autore a me sconosciuto, entusiasta di sentire cos'aveva da dire Fernanda su quelli di cui invece già sapevo qualcosa.

Per riassumere quello che più mi è rimasto ecco qui

1) naturalmente la voglia di leggere qualcosa di tutti quelli che non conoscevo
2) la voglia di leggere ciò che ancora non ho letto di chi già conoscevo, e rileggere quel che ho già letto.

Ma soprattutto:
Mi sono innamorata di Dorothy Parker e della sua ironia e autoironia, anche nella disperazione.
Una foto pubblicata da Michela (@michelagregoris) in data:

Mi sono innamorata di James Thurber e del suo personaggio Walter Mitty, e dei suoi disegni che, come diceva Dorothy Parker, sua cara amica, "sembrano dei biscotti non ancora infornati".
Mi sono reinnamorata di David Foster Wallace, quando ho letto una frase che parlava dei centri di alcolisti anonimi: "Queste riunioni... sono affascinanti. Si vedono persone per lo più privilegiate, che per la loro incapacità di restare autonome di fronte al piacere, si sono rovinate e sembrano sopravvissute a Dachau".

Incapacità di restare autonome di fronte al piacere: chi, se non lui, poteva spiegarlo in questo modo?

E poi ho imparato ancora di più che nella letteratura americana ci sono tanti inni alla libertà e alla disperazione insieme di cui non avevo idea, e ho una gran voglia di andare a leggermeli tutti.

Commenti

MikiMoz ha detto…
Sì, vero.
A me la letteratura americana non dispiace affatto, ma la conosco ancora poco.
E devo leggere assolutamente anche l'opera di Nanda, cazzarola!

Moz-
Mareva ha detto…
Sono una grandissima appassionata della letteratura americana e la Pivano è mia fedele compagna (metaforicamente, purtroppo) dagli anni della mia adolescenza. Si scopre sempre ed è meraviglioso.
Miky ha detto…
@Miki è il tempo il nostro nemico! ma è sempre bello conoscere cose nuove.

@Mareva è proprio vero, e io ho amato questa lettura di Fernanda più di quanto credevo avrei fatto quando ho acquistato il libro!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…