Passa ai contenuti principali

follia

Pitlochry, Scotland
I mondi che mi attraversano sono tantissimi. Io passo una vita a vivere mille vite, e non sto scherzando.
Ne vivo una diversa a ogni libro che leggo, e siccome leggo anche per lavoro, a volte è una vera fatica. A meno che non si tratti di saggistica o di libri davvero orrendi, mi immedesimo, entro nei fogli A4 stampati qui da me e mi stupisco di non uscirne ogni volta con una sorta di emicrania. 
Ma non basta: quando passeggio con il cane, è raro che io sia davvero dove sono. La testa è altrove, in continuo movimento, a immaginare dialoghi mai avvenuti e che mai avverranno, a immaginare di incontrare persone che forse nemmeno esistono. Mi chiedo quanto poco ci manchi a me che me ne vado in giro parlando da sola, e mi chiedo quanto io possa essere folle, in realtà. Non che la cosa mi importi.
Immagino dialoghi con le persone che devo incontrare entro poche ore, dialoghi che vorrei avere con loro o che non vorrei avere, che poi si avverano ma anche no.
Immagino e scrivo mentalmente i post che poi scriverò qui, anche questo, in parte, è nato stanotte mentre non riuscivo a dormire. Perché mentre sono a letto, le rare volte in cui non dormo, la testa parte (il che significa anche che poi non dormo più, oppure male).
La cosa buffa di tutto questo è che io sembro la persona con i piedi più piantati a terra del mondo. Razionale e compita, quella che dopo uno sfogo iniziale extrarazionale inizia a pensare alle soluzioni invece che ai problemi. 
Quando ero una ragazzina ero così. Forse anche peggio. Quando ero alle medie passavamo per il giardino della scuola per raggiungere l'edificio dove si faceva Arte, e passavamo accanto a un campetto minuscolo di basket. Lì c'era spesso un tipo che mi piaceva, e io a volte non aspettavo altro che quel momento per passare e guardarlo. E immaginarmi tutte le cose che avrei voluto dirgli e anche quelle che lui mi avrebbe risposto. Penso che per un periodo di tempo ho vissuto solo in attesa di quel frangente durante la settimana, di quel minuto scarso in cui passavo e lui era lì a giocare a basket. Che sciocchezza, no? Eppure se ci ripenso era una cosa così seria. I primi amori sono serissimi, e gli adulti non dovrebbero mai sottovalutarli.
Poi avevo questa folle idea che più passavo il tempo a immaginare una cosa più basse erano le probabilità che questa cosa si avverasse. Ma non per questo passavo il tempo a fantasticare su cose che avrei voluto non accadessero. Mi appoggiavo comoda alle mie fantasie piacevoli, erano i momenti rilassanti e rassicuranti di quando andavo a letto, o della domenica mattina, mentre aspettavo di avere voglia di alzarmi.
A volte sognavo a occhi aperti anche delle situazioni assurde, oppure spiacevoli: per esempio di aver avuto un incidente, di essere bloccata in ospedale, ma poi c'erano tutta una serie di persone che mi venivano a trovare perché mi volevano bene e con le quali facevo lunghe chiacchierate, e poi le chiacchierate mi aiutavano a guarire e a stare meglio, e tutti si meravigliavano di quanto fossi brava a essere felice anche in un momento così, e tutti pensavano che ero una ragazzina davvero meravigliosa. (Probabilmente avevo letto Pollyanna, di recente!)
Tutto questo a volte mi sembra un dono, a volte mi sembra un fardello: ancora non lo so. Una distrazione dalla vita vera, una fatica inutile, oppure forse un volo che di tanto in tanto mi aiuta a sopravvivere quando non ne avrei voglia? 
Ecco qui, questa è un po' la mia follia e, sapete cosa?, è la prima volta, mi pare, che la condivido con qualcuno.

Commenti

Mareva ha detto…
Ne scrivevo anche io, tanto tempo fa. Vivo continuamente tantissime vite che sono tutte mie ma sono anche degli altri. Quelle immaginate, quelle scritte, quelle lette. Ed è incredibile non perdersi mai ma avere sempre e solo voglia di vivere ancora.
Miky ha detto…
sai che per un periodo, da ragazzina, pensavo di non essere normale e cercavo di non farlo più. poi invece ho pensato che abbiamo tutti i nostri modi di vivere le nostre vite, e che se sappiamo tenere i fili di tutto allora non è male! e ho capito che sicuramente non sono l'unica, e mi sono sentita meno strana! :)
bob ha detto…
non e' follia, immagino che tutti ci facciamo i film. per quel che mi riguarda e' una cosa che ho sempre fatto, cioe' inventarmi storie e vicende utilizzando personaggi a me conosciuti o inventati di sana pianta; sono sicuro che per un periodo ero persino convinto che le mie fantasie fossero in qualche modo reali e tutti quei personaggi mi stessero ascoltando. se non fumassi penso mi sarebbe impossibile dormire. come vedi c'e' chi sta messo peggio di te.
Miky ha detto…
be', insomma, peggio o meglio, dipende dai punti di vista.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…