Passa ai contenuti principali

7/52 Paure

Oh, ecco qui un argomento divertente. Eh sì, perché le paure "vanno rise". Nel senso che niente funziona meglio come una risata, altrimenti, cercare di superarle – o quanto meno di conviverci – diventa un vero incubo.

checcarina! no, mi spiace, le odio.
E allora sdrammatizziamo un po': la paura delle cimici. Sì questa è la prima che mi viene in mente. Ovvio che non è una paura vera, insomma, è più una specie di fissazione, o di schifo ecco, però resta il fatto che cerco ancora di evitare di prenderle per cacciarle di casa, operazione che lascio più volentieri a mio marito. Una delle cose positive è che dove abito ce n'è molte meno rispetto a dove abitavo prima con mia mamma, e le schifose per fortuna non si annidano fra le tende della camera come capitava di là. Diciamo che per ora questa paura è un po' messa da parte, perché ormai è limitata alle rare occasioni in cui queste schife si manifestano.
Sarà un orrore ancestrale, sarà quello che volete, ma loro sono stupide e invece di allontanarsi da te, che sei obiettivamente un pericolo molto maggiore per loro che non viceversa, loro sbattono contro muri o lampadari e ti finiscono in testa o – Dio non voglia – in bocca mentre dormi. Il problema è l'odore se le schiacci e quella forma orrenda che si ritrovano.
Spezziamo però una lancia a loro favore: pare che i maschi delle cimici possiedano un pene che è lungo circa 1/6 del loro corpo. Mica male, eh? Sarà verde, tipo quello di Hulk, suppongo. Bene, d'ora in avanti le chiamerò piccole Hulk, o Hulkette. Dài, le Hulkette non possono essere pericolose, giusto? GIUSTO?

La paura che a lui capiti qualcosa: bene, qui ci starebbe un ravanamento testicolare che io, in quanto donna, non posso permettermi, ma è vero che da quando lui viaggia un po' di più per lavoro ho sempre il terrore che gli capiti qualcosa. O meglio, avevo. Intendiamoci, non è che vivo con questa costante paura e sono ben consapevole che tutto può capitare in qualunque momento e inaspettatamente, ma diciamo che mi sale l'ansia se per qualche motivo non riesco a contattarlo, se a orari di solito buoni per sentirci non riesco a raggiungerlo. In genere risolvo fregandomene dell'ora: quando sono sola posso cenare anche alle 10 e andare a dormire all'1, quindi a parte qualche appuntamento obbligato, per il resto evito di guardare l'orologio e attendo fiduciosa che l'ora per la chiamata sia quella in cui la chiamata arriva. In realtà però questa cosa ormai l'ho superata, nel senso che è da un po' che ho imparato a non preoccuparmi troppo di quello che non sono in grado di controllare, quindi devo aver raggiunto una sorta di compromesso zen con me stessa, giusto per sopravvivere.

Una volta avevo anche delle paure che ho superato alla grande, ma non saprei dire come: per esempio avevo paura di guidare. Perché ho preso la patente ma poi non avevo mai una macchina a disposizione. E poi quando l'avevo ormai ero disabituata. Ma da quando ho la mia fedele Polla, che è mia e se mai succedesse qualcosa, tipo urtare qualcosa, sono affari miei e basta, il problema è assolutamente risolto. E poi non ho più paura – non troppa, almeno – di perdermi, grazie al prezioso navigatore del telefono. Sia benedetta la tecnologia.

Altre paure bizzarre? Una volta avevo paura che tutti si dimenticassero del cambio dell'ora, tranne me. Cosa un po' improbabile. Piuttosto, ci è capitato esattamente il contrario: un anno ci siamo totalmente dimenticati che c'era da cambiare l'ora e ce ne siamo accorti solo a pomeriggio inoltrato... be', per fortuna era di domenica e non avevamo appuntamenti di sorta! È stato buffo, tanto che mia madre ora me lo ricorda tutti gli anni, vista l'esperienza...

E voi avete delle paure bizzarre? Avanti, le abbiamo tutti!
M



Commenti

bob ha detto…
A parte la paura che succeda qualcosa alle persone a me care, che ho superato proprio facendo il tuo stesso ragionamento, cioe' che queste sono cose che esulano dal mio controllo, ho paura degli scarafaggi. Gli scarafaggi mi spaventano a morte. Non ho paura di nessun altro insetto, le cimici le trovo carine e non ho problemi a prendere in mano nessuna bestiolina pelosa e rivoltante, persino i ragni, ma gli scarafaggi no. Non e' solo paura, e' terrore, tipo che se ne vedo uno devo scappare via. A Milano ho visto gli scarafaggi piu' enormi di tutta la mia vita, tipo che dovevano girare con la targa, e meno male che avevo il mio coinquilino che me li uccideva quando entravano in casa. brrr. Poi ho recentemente scoperto che c'e' un altro insetto che mi da' i brividi: e' una falena che vive nei paesi tropicali che ha l'ala grande quanto il palmo di una mano e completamente nera. Come tutte le falene perdono il controllo quando c'e' troppa luce quindi non e' raro che ti volino addosso. Sono dei mostri (http://en.wikipedia.org/wiki/Ascalapha_odorata). Ho anche paura che la polizia mi fermi per qualche motivo e mi pesti a morte. Ciao.
Miky ha detto…
le falene fanno un certo schifo anche a me, ma la mia non credo sia una fobia. be' pure gli scarafaggi ma non ai tuoi livelli. credo che oltre le cimici fra gli insetti solo le cavallette mi facciano scappare! (la paura dei poliziotti è fin troppo comprensibile...) ciao
bob ha detto…
Ah gia', le cavallette, quegli strani insetti che non riescono a controllare la traiettoria dei propri salti. Con quelle ho dovuto imparare a conviverci subito perche' verso giugno-luglio la zona ionica viene letteralmente invasa da milioni (non esagero) di cavallette che migrano li' per figliare.
Matera_invasa_dalle_cavallette

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…