Passa ai contenuti principali

52 titoli per 52 post

Innanzi tutto, buon anno!
È stato un Natale all'insegna di raffreddore, molto, vino, parecchio, amici, soprattutto, famiglia, abbastanza. Un Natale quasi perfetto, come sempre, insomma.
Mi sono fatta sentire poco perché il tempo era poco e pieno di cose da fare, ma eccomi qui con tutta l'intenzione di farmi sentire più spesso possibile. Questo blog, ormai l'avrò detto fino alla nausea, è ormai una seconda casa per me, ci sto così bene dentro che non potrei proprio abbandonarlo. L'anno scorso ho deciso di abbellirlo e ho cambiato un po' i suoi colori e le sue forme, quest'anno voglio anche mantenerlo con maggiore costanza, se possibile, e con un po' di aspettativa... mi spiego meglio!

Ci ho pensato a lungo negli ultimi giorni e finalmente ho deciso che cosa farò ogni settimana in questo blog: ho cercato un'idea più coerente e migliore, ma per ora ho pensato che fosse meglio iniziare con qualcosa di semplice. Perciò ho deciso che il mio sarà un 52-week-writing-project. In fondo l'obiettivo è solo quello di scrivere più o meno per forza un post alla settimana, e di farlo con un titolo preciso. Così, visto che il blog è più che altro un'esperienza personale e che un anno è fatto di varie cose da raccontare, ma anche di momenti in cui non si ha nulla da dire e per scrivere ti devi sforzare, ho deciso di scegliere un po' a caso, così come mi venivano in mente, 52 titoli per 52 post che cercherò di scrivere ogni venerdì (eccetto il cinquantaduesimo, che scriverò di giovedì, ammesso che ci arrivi a 52 e non mi stanchi prima). Ho scelto i titoli in una specie di brainstorming, alcuni sono specifici altri abbastanza generici e sarebbe divertente se anche qualcun altro avesse voglia di scrivere partendo dagli stessi titoli. Essere costretti a scrivere di un argomento, soprattutto se sull'argomento sembra di non avere nulla da dire, dovrebbe essere un buon esercizio di scrittura, costante in questo caso.

Naturalmente non è che uno debba scrivere per forza la propria esperienza, ci si può inventare un racconto, un dialogo, una cosa qualsiasi purché sia coerente con il titolo proposto. Se per esempio al titolo "Se oggi dovessi scegliere un libro" invece che al contenuto uno vuole pensare alla forma ("sceglierei un libro bello grosso per tirarlo in testa a tal dei tali perché...") ben venga! Voglio dire, i titoli più banali sarebbe bello svilupparli in post originali. Ci proverò, farò del mio meglio, cercherò di scrivere sul serio ogni settimana anche se non avrò nulla da dire sul titolo scelto! Ci proviamo? Be', io ci provo.
Nei post dedicati oltre a scrivere a che settimana siamo e il titolo, fra le etichette al post ci saranno le due diciture 52titoliper52post e 52WWP (52-week-writing-project).

Ecco allora i miei 52 titoli per 52 post del 2015

1 L’anno nuovo è come...
2 E questo te lo sputo in faccia
3 Momenti di solitudine
4 Tutto l’amore
5 Una fotografia scattata con le parole
6 Un regalo
7 Paure
8 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!
9 Cose inaspettate
10 Davvero?
11 Quello che credo di non avere il tempo di fare
12 Se ci penso troppo...
13 Se oggi dovessi scegliere un libro
14 Leggerezza
15 Lo spazio dentro la testa
16 Cose dentro una stanza
17 Ridere
18 Ero bambina/o
19 Ma non sarebbe stato meglio...?
20 Cose di carta
21 Come quando ti prude un punto del corpo che non riesci a raggiungere da solo
22 Luoghi lontani
23 Film
24 Avreste dovuto esserci!
25 Quando sbatte una porta
26 Precisione
27 Parole senza senso
28 Lacrime
29 Gli incastri
30 A memoria
31 Piccole cose
32 Grandi cose
33 Domani
34 Il gioco del “se fossi”
35 Pistola alla tempia
36 Specchi
37 Il gesto
38 Dov’eri tu quando...?
39 Se l’avessi saputo, se solo l’avessi saputo
40 Mani
41 Le cose pesanti
42 Il rumore della penna che si muove sulla carta
43 Correre
44 Camminare per mano
45 Pioggia
46 Magari un’altra volta
47 Pescando a caso una carta dal mazzo
48 Un colore
49 Quella stretta allo stomaco
50 Errori
51 Quello che avrei voluto essere
52 L’anno è stato come...


Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…