Passa ai contenuti principali

2/52 E questo te lo sputo in faccia


Nina adorava studiare il latino. Già  da quando, alle medie, aveva iniziato a seguire un corso fuori dall'orario scolastico. Un corso che non era obbligatorio e che era solo "consigliato" a quegli studenti che avrebbero frequentato il liceo l'anno dopo. Lei e pochi altri si fermavano un'ora in più con il prof di italiano e imparavano le prime declinazioni e le prime delizie (o gli orrori, dipende dai punti di vista) di quella lingua che tutti chiamavano morta. 
Nina ora non era più alle medie, ma sedeva su uno dei tre scalini che dividevano il piano della sua aula dal corridoio che portava al Lazzaretto, come veniva chiamato il corridoio dei secchioni, quello su cui si affacciavano le classi che facevano un'ora in più, una lingua in più... tutto in più.
Le piaceva sedere lì perché, con gli intervalli alternati, mentre lei ripassava il De bello gallico gli altri erano ancora in classe a fare lezione.
Nina, con il suo mozzicone di matita in mano e le scritte fitte fitte sopra i testi in latino di Cesare si sentiva in un altro posto e in un altro tempo. Come se fosse là, con Cesare, a conoscere i popoli della Germania e quel capellone di Vercingetorige.
Ed era felice. E pensava a tutti quelli che la denigravano. A quelli che "Poi con chi lo parli, che è una lingua morta". "Smettila di stare sempre sui libri, aiuta piuttosto tua madre in casa". "Studia, studia, e poi non sa nemmeno stirare una camicia".
Nina non si lasciava scalfire da quei commenti. Nemmeno da quelli del padre, che non capiva e diceva "Ma a che cosa ti serve?"
Quando al liceo un prof aveva detto che studiare il latino sarebbe comunque servito a imparare un metodo, a imparare a tradurre, a capire come funzionano anche le altre lingue, era stata contenta ma anche un po' dispiaciuta. Quell'inutilità che la faceva sentire quasi ribelle le era venuta a mancare. Adesso avrebbe avuto una risposta sensata, che tanto sarebbe stata accolta con qualcosa di simile a un "Pfui".
Aveva immaginato, quella volta, di strappare ogni singola pagina del quaderno di latino, dove con tanta attenzione e pazienza aveva vergato le sue versioni, ma di strapparle con cura e delicatezza,  farle a pezzi più piccoli, appallottolarli uno a uno e infilarseli in bocca, e poi andare in giro a sputarli in faccia a ognuno di loro.
Al prof delle medie che sosteneva che in gita i mancini dovevano mangiare con la destra perché era più educato.
A quello del liceo, che non era nemmeno della sua classe, che diceva che non si combatte contro i mulini a vento.
A suo padre, che non capiva perché arrovellarsi sulle cose che non producevano nulla.
Ai produttori di camicie e di ferri da stiro.
Una pagina dopo l'altra avrebbe distrutto il suo quaderno di latino per sputarlo in faccia a tutti quanti.
Fatto questo, si sarebbe sentita in pace.
Ora Nina è in pace e va avanti per la sua strada. Le camicie non le sa stirare tanto bene, ma si arrangia. Le è avanzata ancora qualche pagina da sputare, ma ormai non le importa nemmeno più.

Commenti

MikiMoz ha detto…
E' una storia amara, ma anche dolce.
La felicità prima di tutto, però :)

Moz-
bob ha detto…
Bel racconto, mi ci sono rivisto. Conoscere il latino e' importantissimo, molto piu' importante del sapersi stirare le camicie, che comunque non porto.
Miky ha detto…
@Miki sì, dai alla fin fine più dolce che amara... :)
@bob le camicie mi ha insegnato mio marito a stirarle, lui deve usarle per lavoro e se le stira, ma in caso di emergenza almeno posso dargli una mano ;)
bob ha detto…
che uomo ;)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…