Passa ai contenuti principali

1/52 L'anno nuovo è come... un pugno nello stomaco


L'anno nuovo è come un foglio bianco in cui tutto è da scrivere. Che cazzata. L'anno nuovo è una convenzione, ma noi siamo umani e ne abbiamo bisogno, come dei minuti, delle ore, dei giorni della settimana, di una parola per descrivere un sentimento. E va bene così, ci organizziamo, speriamo che dopo Capodanno ci possa essere una rinascita e ci sentiamo meglio. Come se potessimo ripartire da zero, dimenticare gli errori, le delusioni e portarci solo gli insegnamenti. Be', certo è anche così, a volte. O in parte.
L'anno nuovo è una serie di mesi che uno dopo l'altro ci immaginiamo già in un certo modo: starà poi a quel che accade disilluderci o premiarci, sorprenderci, in positivo o in negativo, confermarci. Insomma, è come sempre, solo un altro numero sul calendario.
Ma va bene, siamo umani, abbiamo bisogno di queste cose.
L'anno nuovo è speranza. Di un anno migliore, di sogni realizzati, di sogni da inventare ancora. Non toglieteci almeno i sogni e la speranza, suvvia.
Noi non abbiamo nemmeno comprato un calendario, ancora, quest'anno, prima perché ci siamo dimenticati e poi perché quando ci abbiamo provato quel che ci è capitato in mano non ci piaceva. Quanti "ci". L'anno nuovo è ancora noi, quindi tanto male non sarà di certo.
L'anno nuovo è un pugno nello stomaco, quello che il 7 gennaio è arrivato così, inaspettato, basso e preciso. Io adoro le matite, le adoro per il loro odore innanzi tutto, ma anche per tutto quello che può uscire da dentro una matita, come e in modo così diverso dalle parole, immediato come un pensiero. Io non so disegnare, invidio (un'invidia sana) e ammiro chi sa farlo, chi ti colpisce con i suoi tratti, due movimenti e quattro scarabocchi, mi piace dire, come se fosse un gesto semplicissimo che però non è. 
L'anno nuovo è #jesuischarlie Be', no, io non suis charlie proprio per niente, perché se lo fossi ne sarei più che orgogliosa e so che è bello e ci sentiamo tutti uniti a dire #jesuis, e probabilmente va benissimo, ma non va abbastanza bene perché fra tanti di quelli che lo dicono, lo scrivono, e lo postano, mi chiedo quanti siano quelli che non inneggeranno alla violenza contro l'Islam, i musulmani, gli arabi, i clandestini. Noi contro loro. Mi chiedo quanti, e io lo so perché fra gli amici FB che postano jesuischarlie ci sono anche quelli che due giorni fa dicevano #stranierituttiacasa e quelli che con #jesuischarlie stanno già proclamando guerra ai musulmani. Non ce la faccio a mettere nella mia immagine di copertina #jesuischarlie perché io non penso sia una cosa brutta farlo, anzi, sono certa che il proposito sia ottimo, non ho dubbi, e mi auguro che la maggior parte delle persone lo faccia pensandolo nel modo più limpido e cristallino, per difendere la libertà di parola, di stampa, di opinione, e anche la libertà di prendere per il culo chi e che cosa cazzo mi pare, ma non ce la faccio perché mi sembra davvero che sia fin troppo facile stravolgere quello che a tutti gli effetti rischia di diventare uno slogan sbagliato, purtroppo (e lo slogan è fascista di natura, come canta Silvestri? me lo sono chiesta spesso...). Anche se nato in nome della libertà. Io però #vorreiesserecharlie 
Allora se mai dovessi fare un proposito per l'anno nuovo, sarà quello di cercare di essere un po' più Charlie, al di là della mia immagine di copertina o di profilo su FB, anche fra qualche mese (o basterà meno?) quando Parigi tornerà a essere lontana, laggiù con la sua tour Eiffel spocchiosa e i francesi cugini antipatici e tutto il resto.


Commenti

bob ha detto…
Questa storia ha scoperchiato tutta l'ipocrisia che esiste fra l'opinione pubblica e fra le autorita', soprattutto giornalistiche, del nostro paese. In questi giorni non riesco ad aprire facebook o anche leggere le notizie, mi viene il voltastomaco.
Miky ha detto…
sì, e nessuno che si fermi a riflettere un momento, se non due, prima di dire o scrivere qualcosa. Poi lasciamo perdere i giornalisti e politici italiani, che per la maggior parte non sanno nemmeno di cosa parlano...
MyP ha detto…
Diciamo che dobbiamo impegnarci affinchè l'anno continui e finisca un po' meglio di così.
Miky ha detto…
oh sì, senza dubbio MyP.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…