Passa ai contenuti principali

Gli orchi e la paura del buio

Ci sono, sono pronta, credo.
Stephen King, gli incubi, la fantascienza, pensa uno.
Stephen King e l'infanzia, penso io.
Ecco, quando si avvicina l'estate, quando leggo dei racconti per ragazzi, quelli con il target d'età 11-13 anni, quando penso alle avventure di Tom Sawyer e Huck Finn, e quando penso a molte delle storie di Stephen King trovo che siano tutti accomunati da questo: l'infanzia, ragazzini che crescono, le loro paure e le loro avventure. Ma soprattutto, la profonda amicizia che li lega e che li aiuta a superare le difficoltà.
Io trovo che non si parli mai abbastanza della dolcezza e della delicatezza con cui Stephen King racconta l'infanzia: certo, dolcezza e delicatezza non sembrano le parole giuste quando si parla del Re del Brivido, eppure lo sono. Ed è proprio qui che sta il trucco: tanta è l'innocenza dei suoi piccoli o giovani protagonisti, tanto grande è l'incubo che devono affrontare. Il fatto è che quando si è bambini si rischia di essere sopraffatti dalle paure, e gli adulti, mi dispiace tanto, ma gli adulti non sono sempre (a volte mai) capaci di rassicurarli. Questo è quello che succede nei suoi libri, a volte è questo che succede nella realtà. Quando un bambino viene da noi e ci dice che ha paura del buio, noi non riusciamo a capire l'incubo che sta vivendo dentro, perché non ci ricordiamo più cosa significa avere paura del buio. Minimizziamo, pensiamo "passerà" e non siamo capaci di empatizzare con la paura del bambino. Quante volte succede?
E Stephen, ragazzi miei, lo sa benissimo, e infatti chi è che aiuta il protagonista di un suo racconto ad affrontare un incubo orribile? Non certo un adulto, la maggior parte delle volte, ma sono loro, gli altri, gli amici: i compagni di avventura, quelli che capiscono e che vedono quello che un adulto troppo razionale non riesce a vedere più.
Stand By Me-Racconto di un'estate, un film che conoscono in molti, è un bellissimo racconto contenuto nella raccolta Stagioni diverse e credo sia uno di quelli che più mi sono piaciuti, e quel tipo di amicizia è proprio quello che l'amicizia dovrebbe essere.
It, chi ha visto il film, chi ha letto il libro: sono sempre i ragazzi i protagonisti, non il mostro. Gli amici che, uniti, trovano i mezzi e il coraggio per vincere i propri mostri.
L'acchiappasogni, anche qui i protagonisti sono dei ragazzi, poi diventati adulti: la trama principale certo è splatter ed è ambientata a quando sono adulti, ma tutto il racconto della loro amicizia da ragazzini ha sempre quella stessa caratteristica.

Poi ci sono i ragazzi soli, quelli che soccombono perché i loro mostri devono combatterli da soli... come Carrie, per esempio. O sconfiggi l'orco o diventi tu l'orco.

Commenti

bob ha detto…
bravissima, hai colto nel segno. spesso Stephen King e' ridotto a scrittore horror, ma la sua poetica e' invece notevole. ci sono altri esempi, come Christine (anche se qui sono adolescenti), la raccolta A Volte Ritornano, Pet Sematary, ecc. ma il mio preferito e' sicuramente It.

Post popolari in questo blog

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…