Passa ai contenuti principali

Gli orchi e la paura del buio

Ci sono, sono pronta, credo.
Stephen King, gli incubi, la fantascienza, pensa uno.
Stephen King e l'infanzia, penso io.
Ecco, quando si avvicina l'estate, quando leggo dei racconti per ragazzi, quelli con il target d'età 11-13 anni, quando penso alle avventure di Tom Sawyer e Huck Finn, e quando penso a molte delle storie di Stephen King trovo che siano tutti accomunati da questo: l'infanzia, ragazzini che crescono, le loro paure e le loro avventure. Ma soprattutto, la profonda amicizia che li lega e che li aiuta a superare le difficoltà.
Io trovo che non si parli mai abbastanza della dolcezza e della delicatezza con cui Stephen King racconta l'infanzia: certo, dolcezza e delicatezza non sembrano le parole giuste quando si parla del Re del Brivido, eppure lo sono. Ed è proprio qui che sta il trucco: tanta è l'innocenza dei suoi piccoli o giovani protagonisti, tanto grande è l'incubo che devono affrontare. Il fatto è che quando si è bambini si rischia di essere sopraffatti dalle paure, e gli adulti, mi dispiace tanto, ma gli adulti non sono sempre (a volte mai) capaci di rassicurarli. Questo è quello che succede nei suoi libri, a volte è questo che succede nella realtà. Quando un bambino viene da noi e ci dice che ha paura del buio, noi non riusciamo a capire l'incubo che sta vivendo dentro, perché non ci ricordiamo più cosa significa avere paura del buio. Minimizziamo, pensiamo "passerà" e non siamo capaci di empatizzare con la paura del bambino. Quante volte succede?
E Stephen, ragazzi miei, lo sa benissimo, e infatti chi è che aiuta il protagonista di un suo racconto ad affrontare un incubo orribile? Non certo un adulto, la maggior parte delle volte, ma sono loro, gli altri, gli amici: i compagni di avventura, quelli che capiscono e che vedono quello che un adulto troppo razionale non riesce a vedere più.
Stand By Me-Racconto di un'estate, un film che conoscono in molti, è un bellissimo racconto contenuto nella raccolta Stagioni diverse e credo sia uno di quelli che più mi sono piaciuti, e quel tipo di amicizia è proprio quello che l'amicizia dovrebbe essere.
It, chi ha visto il film, chi ha letto il libro: sono sempre i ragazzi i protagonisti, non il mostro. Gli amici che, uniti, trovano i mezzi e il coraggio per vincere i propri mostri.
L'acchiappasogni, anche qui i protagonisti sono dei ragazzi, poi diventati adulti: la trama principale certo è splatter ed è ambientata a quando sono adulti, ma tutto il racconto della loro amicizia da ragazzini ha sempre quella stessa caratteristica.

Poi ci sono i ragazzi soli, quelli che soccombono perché i loro mostri devono combatterli da soli... come Carrie, per esempio. O sconfiggi l'orco o diventi tu l'orco.

Commenti

bob ha detto…
bravissima, hai colto nel segno. spesso Stephen King e' ridotto a scrittore horror, ma la sua poetica e' invece notevole. ci sono altri esempi, come Christine (anche se qui sono adolescenti), la raccolta A Volte Ritornano, Pet Sematary, ecc. ma il mio preferito e' sicuramente It.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…