Passa ai contenuti principali

Storie e testi e cose varie

Con settembre ricomincia tutto: è più o meno come quando andavi a scuola, senza però la scuola. Pure se hai lavorato anche ad agosto, settembre è sempre settembre. Mi piacerebbe, ogni tanto, dover tornare a scuola, ma con la consapevolezza di ora.
Ho ricominciato la palestra, ho ricominciato con la quotidianità, lui non è più in ferie quindi tutto quello che gli facevo fare ora tocca di nuovo farlo a me... più o meno.
Ricominciamo a coprirci, ad aggiungere coperte al letto e ad accendere le luci un po' prima. Le ore sono le stesse, ma sembrano di meno. Abbiamo più cose da fare, o semplicemente il buio ci fa venire sonno prima.
E poi si avvicina il mio compleanno, e io sono felice. Anche se il regalo mi è già arrivato ieri (perché ordinato via internet troppo presto per paura che qualche intoppo lo facesse ritardare!) io sono felicissima. Intanto perché il regalo, espressamente richiesto da me, è il Kindle Paperwhite! E sono già in fase "adesso smanetto finché non mi stanco". Giocattolino nuovo per una bambina di – quasi – 31 anni.
Non vedo l'ora di acquistare o scaricare gratis tutti quei tomi noiosi ed enormi che non compro mai (cose dai titoli tipo: Storia della letteratura italiana, storia della letteratura inglese, storia della letteratura americana e via dicendo). E così d'ora in poi quando andrò in libreria e comprerò solo un libro di tre, perché se ne compro 3 alla volta poi mi ritrovo povera in canna, so che andrò a cercare gli altri due titoli fra gli ebook, che si risparmia e probabilmente anche gli alberi ringraziano.
No, non mi mancherà la "poesia" del libro di carta: certo, sono due cose diverse, ma in fondo, quando andavo in biblioteca e leggevo libri bellissimi che poi restituivo, il libro fisico non ce l'avevo più in mano ma il testo rimaneva comunque. Un po' è la stessa cosa, in fondo. E poi la poesia del libro nel formato classico ho iniziato a perderla 7 anni fa, quando ho iniziato a leggere i libri per lavoro. Stampati su normali fogli A4 o addirittura interi romanzi letti – e editati – in word o sfogliati in pdf. Per non parlare del fatto di scoprire che alcuni autori vengono pubblicati anche se scrivono malissimo e siamo noi a dover rimediare ai loro strafalcioni... insomma, il mio è un rapporto diretto con il testo e con la storia che ha da raccontare, non con il supporto.
E poi amo troppo la tecnologia, i cambiamenti, le nuove idee e sperimentare.

Oggi ho letto invece, e questo non c'entra nulla (be', non proprio), di un film in uscita, Boyhood e sono molto curiosa di vederlo. Innanzi tutto c'è Ethan Hawke, che è sempre un buon motivo per vedere un film :) ma soprattutto perché il regista ha fatto il film in 12 anni. Ogni anno, per 12 anni, ha riunito la troupe di attori facendo recitare loro alcune scene. In questo film ci sono i cambiamenti reali - subìti dagli attori ma anche dal mondo circostante – di 12 anni interi di vita, dal 2002 al 2014. E protagonista è un bambino, che quando ha iniziato di anni ne aveva 8. La trovo un'idea fantastica. Immagino che nel 2002 per esempio, avessero dei cellulari formato telecomando TV, mentre ora avranno degli smartphone e saranno iscritti a Facebook, per esempio. Facebook nel 2002 non esisteva, per fare un esempio.
Io nel 2002 ero al primo anno di università, per esempio. È davvero un sacco di tempo fa, e quante cose sono cambiate da allora! Avevo sì e no un indirizzo email!

Non so se la storia che racconta il film sia bella o banale (il bambino è figlio di due genitori divorziati, e la storia credo ruoti intorno al suo rapporto con loro), ma voglio proprio vedere cosa, rispetto a un film normale, girato in pochi mesi, questo film ci rivela dei cambiamenti della società. Sono supercuriosa.
Ogni tanto si vede che certi film sono girati in modo poco verosimile: per esempio quando ci sono gli adolescenti che girano senza un cellulare. Succede qualcosa e i genitori non sanno come rintracciarli. E tu dici (almeno, io lo dico sempre): ma scusa, di che anno è 'sto film, non poteva chiamarla al cellulare (poi se è spento fine, al via le preoccupazioni del caso...). Ma non la trova mai a casa, perché non la chiama sul cellulare, se gli ha dato il numero di casa perché non dargli quello del cell? Io nemmeno ce l'ho un numero fisso a casa!
Difficoltà di comunicazione necessarie ai fini narrativi, improbabili però al giorno d'oggi.

Tornando a noi, l'altro giorno, mentre modificavo la veste grafica del blog, ho visto che anche lui compie gli anni questo mese, due giorni prima di me: il 24 settembre sono sei anni che ho aperto questo blog! Sei anni, e ho scritto praticamente SEMPRE, voglio dire, forse ho saltato un mese in tutti questi anni, 6 ANNI, suona tantissimissimo, tante parole, tante cose, tante storie... lo trovo molto molto bello. Evviva.


Commenti

MyP ha detto…
Allora, prima di tutto il film di cui parla mi ha incuriosito parecchio e credo proprio che ora andrò a vedermi il trailer. Insomma che figata! E' un'idea fighissima no?
Secondo: il tuo regalo è stato il mio regalo ai 30 anni (a proposito, abbiamo la stessa età) e devo dire che da quando ce l'ho a parte il risparmio economico, ambientale ecc. Vogliamo parlare dello spazio in casa e, soprattutto, in valigia??? :-D
Buona lettura tecnologica, quindi.
PS: io sono piena di ebook. Se hai qualche autore in particolare che ti interessa dimmelo che se vuoi te li giro. Baci!
Miky ha detto…
d'accordo, grazie!
credo che il film esca fra un mese circa in Italia... anch'io trovo l'idea fighissima, anche perché se l'ha voluta fare il regista avrà sicuramente sfruttato la cosa in modo che "si capisca" che una scena è stata girata sul serio nel 2002 o nel 2005. E poi niente trucco per invecchiare gli attori! nell'originale sentirai la vera voce del ragazzo dopo la muta vocale, per dirne una... mi piace questa cosa!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…