Passa ai contenuti principali

Piante grasse

Se dovessi raccontare la mia storia d'amore, allora dovrei iniziare con una pianta grassa. Proprio così, niente rose rosse né fiori di campo, ma una pianta grassa. A essere sincera l'immagine non mi dispiace, perché le piante grasse durano nel tempo, senza troppi sacrifici ma con una cura costante. Così voglio la mia storia d'amore, senza sacrifici ma con una cura costante, forte, resistente, che anche se non la guardi per un po' di tempo perché sei preso da tutti gli impegni della vita, poi quando ti giri, la sera, è ancora lì. C'è.
E così ci siamo conosciuti, a una festa di carnevale, io con la mia amica lui con i suoi amici. La cosa buffa è che non l'avevo notato. Non l'avevo proprio visto. Lui però aveva visto me.
Ero fuori con la mia amica  a fumare l'ultima sigaretta prima di andare, e lui si è seduto con noi... e abbiamo parlato di quella pianta grassa in centro al tavolino. E poi di qualcos'altro che non ricordo.
I suoi occhi, questo ricordo: che diventavano una fessura quando rideva.
E lui che il giorno dopo quando finalmente mi ha trovata su Facebook, mi ha detto: Eccolo qui, il tuo sorriso inconfondibile.
Quindi finora gli elementi della mia storia d'amore sono tre: occhi, sorriso e una pianta grassa.
Al che io ho pensato che strano, di solito la gente nota gli occhi perché sono grandi e perché sono verde-grigio, in più ho sempre pensato che il mio sorriso non fosse un granché, mi sembra che mi trasfiguri la faccia facendomi somigliare in tutto e per tutto a mio papà. E invece lui ha notato quello.

Se dovessi riassumere tutto il resto in poche parole, lo farei così:

La festa della donna: perché era l'8 marzo quando ci siamo dati il primo bacio, e l'imbarazzo per avergli praticamente detto di baciarmi. (:))

La musica e i libri: c'è tanta musica e ci sono tanti libri qui dentro da perdercisi una vita. E con qui dentro, intendo nei nostri cuori, non solo nella nostra casa.

Risate: descriverei la nostra storia con tante risate. Nei momenti belli, ma soprattutto in quelli brutti o difficili. Non posso pensare a una vita senza ironia, senza un tocco di demenza, anche. E "ridere nel pianto".

I sapori: la sua pasta all'amatriciana. Ma tutto quello che mi cucinava quando andavo a casa sua, e tutto quello che prepara ora che viviamo insieme. E poi, lui mi ha insegnato a cucinare, facendomi sentire più ricca. Ricchissima. E poi il vino: avere qualcuno che sa scegliere il vino giusto al momento giusto...

Le nostre lacrime: le prime, quando ci chiedevamo se davvero ci meritavamo tutta questa felicità, poi tutte quelle che sono sgorgate per le tante emozioni vissute insieme.

Il momento, l'esatto momento in cui ho capito. E il momento in cui ho pensato, "non ho nessun dubbio".

La Toscana, Berlino, Graz, le montagne, il mare, la Provenza, il Portogallo, la Scozia, la Liguria, il Collio... i  viaggi: andare insieme a scoprire quanto bello è il mondo. La scusa migliore per fotografarci da un'altra parte, per dire siamo noi, anche laggiù, dove forse non torneremo mai, anche là eravamo noi.

Il rituale prima di dormire: il tè, o le tisane, sul divano prima di andare a letto, durante l'inverno. Il whisky da meditazione, quando hai bisogno di qualcosa di più forte, prima di coricarti. Andare a letto, e andarci insieme, e vedere i suoi occhi prima di spegnere la luce.

Restare uguali a noi stessi anche ora che siamo in due: l'unica vera promessa che ci possiamo fare, è quella di non diventare altro da quello che siamo, perché quello che siamo è quello con cui abbiamo scelto di convivere.



Commenti

MyP ha detto…
Che belloooooooo.
Sentiti fortunatissima, .. lo sei.
E anche lui, devo dire!!! :-)
Patalice ha detto…
Amore è una parola che diventa bella se possiamo darle un volto...
Uno con le spine, magari sgraziato, non profumato, fa strano ma non per questo non è decisamente meraviglioso...
Le piante grasse sono le mie preferite per altro!
Miky ha detto…
sempre evviva le piante grasse!:)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…