Passa ai contenuti principali

Vittoria

Nike di Samotracia
Museo del Louvre, Parigi
Quello che ereditiamo dalle persone, a volte, forse dipende un po' da noi. Io so di avere tratti simili a mia mamma, ma so anche che ci sono cose che sono solo del papà. E ci sono cose, credo, che forse sono solo mie. Magari con l'esempio, buono o cattivo degli altri, uno può cercare di diventare migliore, di non commettere gli stessi errori e di essere la persona che vuole essere.
In passato mi sono sforzata di essere quello che volevo e ci sono riuscita, superando miei limiti personali che ora non fanno più parte di me. Voglio dire, con l'impegno si può fare tutto, ne sono assolutamente convinta. Tranne quando stanno per venirti le mestruazioni, quello è un periodo in cui non si può pretendere di evitare l'acidità :)
Scherzi a parte, se c'è una cosa che vorrei aver ereditato, e non so se è così, è la forza di mia nonna. Mia nonna non è un buon esempio in tante cose: una di quelle donne che litigano con le sorelle e poi passano mesi senza parlarsi (cosa che a me non è mai successa con nessuno, per esempio) per poi riallacciare i rapporti e tornare culo e camicia; tendenzialmente pettegola e che dà giudizi, spesso sbagliati, sia positivi (troppo indulgente con certi parenti) che negativi (troppo tagliente con parenti più lontani o persone al di fuori della famiglia). Ma insomma, è una nonna, ha una mentalità vecchiotta, anche se non in tutto e per tutto.
Però mia nonna ha due coglioni grandi così. Non c'è modo migliore di dirlo, per quanto maschilista sia l'espressione.
Mio nonno, invece, è l'uomo più buono del mondo. La cosa divertente è che è lei a dire di lui che deve sopportarlo, quando suppongo invece sia vero il contrario, ma lui è troppo cavaliere per dire una cosa simile.
Il fatto è che quando li vedo, ora che sono più vecchi di quanto non lo siano nei miei pensieri, penso che a un certo punto li perderò, e mi chiedo cosa faranno uno senza l'altra? Mio nonno sarebbe davvero perso, mentre mia nonna so che sarebbe capace di ridere anche al proprio funerale. Rimane sempre quella che, al rosario per suo figlio nonché mio papà, ha detto ad Ale di sedersi vicino a lei sorridendo a me e dicendo: "Stai tranquilla, te lo tengo d'occhio io". Ecco, forse io le somiglio in questo, perché di solito mi accorgo che in qualunque situazione riesco a sorridere, a sdrammatizzare e perfino a ridere della vita così assurda, a volte, a volte crudele, ma mica gliela lasciamo vinta, noi. O almeno ci proviamo. E sono davvero grata a mia nonna per esserci stata in tanti momenti difficili, perché mio nonno senza di lei probabilmente sarebbe un uomo smarrito.
E ho pensato a tutto questo ed è venuto fuori questo post non solo perché li ho visti il giorno di Pasqua, ma anche perché ogni volta che si avvicina l'estate e si ricomincia a mangiare cetrioli io sento di nuovo il sapore di quando ero piccola e io sono di nuovo là da loro, e mi chiedo se il fatto che l'abbiano chiamata Vittoria non fosse un po' anche un presagio, dopotutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…