Passa ai contenuti principali

Anomalie

C'è un certo genere di "cautele" che tradiscono una discriminazione mascherata da "tolleranza" (parola che odio, perché presuppone che io, che sono nel giusto, tollero te, che sei nell'errore o nel non-giusto, perché sono dotato di un'infinita magnanimità, non merito anche un applauso?), da attenzione alle esigenze dell'altro, "diverso" da noi, eccetera eccetera.
Come quando uno dice che "tal dei tali  mi fa anche pena poverino, e allora..." ma pena di che? Voglio dire, a me non fa pena praticamente niente e nessuno, perché voglio dire, dall'alto di quale piedistallo mi dovrei ergere per provare pena per una persona che si trova in difficoltà, o che si trova addirittura soltanto in una condizione diversa dalla mia, che forse potrebbe provocargli delle difficoltà nella vita, ma forse anche no? Io sotto i miei piedi non vedo piedistalli. Non perdo tempo a provare pena, piuttosto se mi è possibile mi prodigo per aiutare quella persona perché lo trovo semplicemente giusto, non perché sono meglio. Insomma, quando si prova pena non sembra un po' di togliere a quella persona ogni dignità, ogni possibilità di miglioramento, come se si trovasse in una condizione definitiva, come se non potesse trovare forza e mezzi, da solo o aiutato da qualcuno, per tirarsi fuori dal fango?
C'è del grottesco in tutto ciò.
Come c'è del grottesco a chiamare "neretto" uno che suona il campanello, è di colore e chiede soldi o vuole vendere qualcosa. (Conoscevo chi diceva così: ha suonato un neretto, e io pensavo fosse un bambino nero, invece era un adulto.)
Un po' come quando la zia del mio moroso chiama "omenèt" (omino, ometto) quello che vende alimentari e altro a domicilio. Mi ricorda "l'omino dell'acqua" nel film di Ale e Franz, dove Franz si incavola (perché a insaputa della moglie, dopo aver perso il lavoro è lui che consegna l'acqua) perché non è che l'uomo in questione sia un piccolo omettino di dimensioni inferiori.. insomma, avete capito di cosa sto parlando, no? Di come certo linguaggio e certi atteggiamenti siano già un giudizio su una persona.
O come, successo ieri, una persona sconsiglia a un'altra persona di andare a vedere un film con un'altra persona affetta da un "difetto", un'anomali fisica, perché in quel film si prende in giro, in una scena, quel difetto fisico. Non è una presunzione pensare di sapere cosa è meglio per gli altri? Pensare che una persona non si possa difendere da sola da questo genere di cose, e poi andiamo, è un film, non l'ho fatto io e non l'ha fatto il suo amico, l'ha fatto il regista, dovrebbe forse prendersela con me, la persona affetta da quel difetto, perché rido di una scena che fa ridere, punto? Perché poi non fa ridere il difetto in sé, ma il modo in cui i personaggi del film, gli altri, quelli "normali", ne parlano e cioè, alla fine, sto ridendo di loro, dei "normali" e di come si rapportano con quel difetto.
Io ho avuto a che fare per un certo tempo con disabili di vario tipo, e li ho visti felici perché gli operatori che vivono con loro e li aiutano non sono santi pietosi che provano pena per loro, sono soltanto loro amici, con loro si divertono, fanno notte e festeggiano, lavorano e cucinano, e se serve con loro si incazzano pure e di certo a volte sbagliano e li fanno incazzare loro, insomma, non vi sembra la stessa vita che facciamo tutti quanti?

Commenti

bob ha detto…
Un po' come quando qualcuno pensa che io mi senta "a disagio" per via della mia statura, pensa di potermi intimorire perche' piu' grosso di me, pensa che sia in qualche modo svantaggiato solo perche' sono piu' basso di molti altri. Di solito mi basta tirare fuori il mio sarcasmo per farlo sentire un perfetto idiota.
Miky ha detto…
esattamente l'atteggiamento di cui parlavo, bob
MyP ha detto…
La tolleranza è una bella parola, invece, se presa per il giusto senso.
Purtroppo c'è gente che si sente tollerante pur non essendolo ed è questo che più mi fa arrabbiare.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…