Passa ai contenuti principali

Il mistero dei segnaposto

Come tutte le cose che si sono impregnate del consumismo, quando organizzi il tuo matrimonio ti rendi conto di quante assurdità siano state inventate per far sì che la gente spenda un patrimonio, naturalmente. Mi auguro che la cosa per cui spenderemo di più sia soltanto il ricevimento, cioè il cibo che offriremo agli invitati, perché alla fine è questo quello che dovrebbe essere, una volta nella vita ci troviamo tutti insieme, parenti e amici, facciamo un festòn e ognuno per la sua strada.
Sì, il matrimonio dei miei sogni sarebbe: io, lui, i testimoni e che so, i genitori ecco. Poi però se penso all'espressione felice di mia nonna, 91 anni, quando le ho detto che ci sposiamo, be', mi ha fatto tanta tenerezza che non potrei certo non invitarla. Anche perché non credo che mia nonna riceva molte soddisfazioni da parte mia, ecco. Poi anche quando ti accorgi dell'affetto che gli amici provano per te, per noi come coppia, quanto ti mostrano la loro felicità pure loro, dico ok, facciamola questa festa tutti quanti e non se ne parli più. Però non voglio perdere di vista l'essenziale.
Messa così sembra che non sia contenta, ma invece sono davvero felice!
Sono felice di non avere un anello di fidanzamento, ma di aver deciso insieme, di fare insieme, una cosa insieme che volevamo insieme e di cui abbiamo parlato insieme. Perché direi che "insieme" dovrebbe essere la parola chiave. Soprattutto sono molto felice che non mi abbia messa in imbarazzo chiedendomi in ginocchio in pubblico o davanti a qualche parente di sposarlo, perché (sarei stata felice, eh, mica dico di no) ma non sono molto fatta per questo genere di cose.
Alcune cose, invece, mi piacciono già: la fotografa sarà una donna, e questo è un di più al fatto che sia pure brava (almeno, per quel che capisco io).
Il vestito me lo farò fare, almeno credo, e non in atelier, ma dalla futura suocera. Se non cambiamo idea per qualche motivo. E magari ci scappa che lo riuso, invece di comprare una cosa costosa che non rimetterò mai. (Questo l'ho detto anche per i vestiti che ho comprato per andare ai matrimoni degli altri, poi in genere non li ho riusati mai, sia chiaro. Ma questo perché sono più tipo da jeans e converse.)
La cosa che mi spaventa di più, invece, sono i segnaposto. È da quando mi informo sulle cose da fare per organizzare un matrimonio che mi chiedo: ma chi li ha inventati i segnaposto? Ora, non dico che scriverò una cosa del tipo: "siete adulti, sedetevi dove vi pare", ma non ho certo intenzione di "fronzolare" tanto... insomma, come al solito mi trovo a dover conciliare la mia natura "contro" con l'accondiscendenza verso i vecchiacci (detto con dolcezza e un buffetto sulla guancia, sia chiaro, un irriverente e fastidioso buffetto sulla guancia :D). D'altra parte sono una bilancia, io, e non ho mai vita facile con questa storia dell'equilibrio...

Commenti

MyP ha detto…
Se io potessi sposarmi, credo che non lo farei comunque. E se decidessi di farlo, se si potesse ma non si può, credo che farei quello che è necessario, con pochissime persone e niente cose troppo vistose. Io mi sposerei in Jeans e Converse in comune davanti ai miei genitori. Li porterei fuori a cena / pranzo. E la sera andrei a ubriacarmi con i miei amici.
Stop. :-)
Miky ha detto…
:)
un amico ci fa: al matrimonio di pinco pallino avevano fatto le lanterne cinesi volanti, voi cosa fate?
risposta: è un matrimonio, mica Carnevale. :D

bob ha detto…
Tanti auguri Miky. Vorrei dire la mia sull'argomento ma il matrimonio non mi ha mai interessato.
Skitch ha detto…
Il mio matrimonio ideale e' questo qui:

http://www.express.co.uk/news/uk/426641/The-lavish-wedding-for-just-a-pound

Tradizionale e completo, ma senza esagerazioni.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…