Passa ai contenuti principali

Piccole cose

Quando ero piccola c'era una cosa che mi piaceva fare tantissimo: sfogliare i nostri album di fotografie insieme a mia mamma e mio fratello, la sera, seduti sul divano. L'altro giorno stavamo parlando proprio di questo e ho avuto, è il caso di dirlo, un flash. Le foto di quando eravamo piccoli, di quando i miei erano giovani, dei nonni e tutti i parenti in grava a fare la grigliata, tutti i parenti, gli stessi tra l'altro, fra le vigne a vendemmiare, i nostri compleanni... una sfilza di foto, la maggioranza delle quali, se non tutte, scattate con questo aggeggino qui:

aggeggino al quale non ho più pensato da tantissimi anni, ma che ora sono contenta di avere fra le mani, perché questa macchina ha una sua storia, ed è quella dei miei, ma un po' anche mia. Soprattutto, è la storia di mio papà che, ventenne e da pochi mesi papà di mio fratello, ha venduto la sua bici da corsa (a quel tempo era magro e correva in bici, ha specificato mia mamma) per comprare la macchina fotografica, con la quale fotografava mio fratello più o meno in continuazione. Una macchina che ha girato con lui, che è stata in Tanzania e probabilmente anche in Iraq e forse in Russia, in vacanza con noi in Spagna e a Santo Domingo. Dopo di che, non ricordo più di averla vista, ma chissà in quali altre parti del mondo è stata, insieme a lui... insomma, ne ha viste e ritratte parecchie, di cose. E poi mi ricorda tanti momenti di un periodo felice che forse è finito proprio dopo una di quelle vacanze, tanti anni fa.
Così vorrei imparare, umilmente da zero perché non so nulla di fotografia analogica, ma sono una persona determinata quando mi ci metto. Anche se ci vorrà tempo, non importa. In fondo funziona, e il fascino della pellicola è innegabile, anche per un'inesperta come me.
Poi sono ritornata con un bottino di altre macchinette: una era in regalo con il Dash probabilmente vent'anni fa, se non di più, mentre di un'altra non ricordo assolutamente i retroscena, ma credo di ricordare alcune delle foto che sono state scattate con essa: in particolare una di me e mio fratello in costume in giardino sopra il suo Ciao, per qualche motivo a me sconosciuto senza ruote... se non ricordo male...
Infine una Olympus abbastanza nuova, credo inizi 2000, che è stata di mio papà e che poi ha lasciato a me, l'ultima che ho usato prima della prima digitale, e che ha scattato qualche bella foto in Irlanda. Insomma, hanno tutte la loro storia, anche se ad ogni buon conto alcune non valgono proprio nulla.

Commenti

Skitch ha detto…
Io ho iniziato proprio cosi', 7 anni fa, con la macchinetta analogica di mio papa', comprata 15 giorni dopo la mia venuta e del tutto simile a questa qui... ormai la macchina fotografica e' andata, ha sbattuto il suo ciglio metallico per l'ultima volta un anno fa a Praga (ancora non sappiamo se sia stato il freddo o semplicemente la vecchiaia), ed e' stata inesorabilmente sostituita... da un'altra analogica, regalo del mio moroso. Perche' il fascino del rullino non ha eguali, poiche' non vuoi sprecare neppure un fotogramma riguardi il soggetto cento volte prima di scattare, perche' mica e' come la digitale, che se viene male la rifai dieci volte, con l'analogica scatti e speri, e se hai mancato lo scatto non lo puoi certo rifare quando vedi il risultato la settimana dopo... Vuoi mettere quanto sentimento c'e' in una foto analogica?

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…