Passa ai contenuti principali

Rimandare non fa bene

Procrastinare, procrastinare, procrastinare.
Come si diventa dei perfetti procrastinatori? Non lo so, ma certo è che faccio ampiamente parte della categoria: soprattutto se so di avere tempo per fare qualcosa, non sono in grado di farla subito e togliermela dalle scatole. Così tergiverso, mi distraggo, passo ad altro e lascio per ultimo. E anche quando il tempo si è ridotto drasticamente, continuo a rimandare e tergiversare... (non lo faccio mica sempre, non sono così patologica, però mi capita, ecco).
Mi viene in mente il racconto di Edgar Allan Poe, "Il capriccio del perverso". Ecco cos'è:

«Ci troviamo sull'orlo di un precipizio, ci sporgiamo sull'abisso: la vista ci si annebbia, abbiamo il capogiro; il nostro primo impulso è di ritrarci dal pericolo, ma inspiegabilmente restiamo. A poco a poco il nostro stordimento, il nostro orrore si fondono in una nube di sensazioni indefinibili; per gradi, sempre più impercettibilmente, questa nube acquista forma, come il vapore uscente dalla bottiglia e dal quale prese corpo il genio delle Mille e una notte. Ma la nostra nube, laggiù, sull'orlo del precipizio, sale e assume palpabilità e una corposità infinitamente più terribile di quella di qualsiasi genio o démone favoloso, eppure non è che un pensiero, anche se pauroso e tale da farci agghiacciare sino alle midolla con la forza fascinatrice e tremenda del suo orrore. È semplicemente l'idea di quelle che sarebbero le nostre sensazioni durante l'impeto precipitoso di una caduta da tanta altezza; e questa caduta - questo travolgente annichilimento - per il motivo stesso ch'esso comporta la più orribile, la più ripugnante di tutte le orribili e ripugnanti immagini di morte e di sofferenza che ci si sono presentate all'immaginazione, proprio per questa ragione stessa ora la desideriamo tanto ardentemente».

Ovviamente al posto di "precipizio" sostituiamo con "scadenza di una consegna", "ritrarci dal pericolo" con "approfittare del tempo precedente alla suddetta scadenza" e "morte" con "sgridata, rottura di scatole, lavorare fino a notte fonda, saltare l'aperitivo l'unico giorno libero della settimana ecc...".
Però ho reso l'idea.
Grazie, Edgar Allan Poe, anche per le tinte fosche con cui hai non-colorato la mia adolescenza :)
Sarà che avevo bisogno di una pausa e di un po' di riposo, ma oggi è il tipico esempio di giornata in cui procrastinare sembra la parola d'ordine. Però, guarda caso, quando si avvicina la sera finisco per trovare le energie per fare tutto quello che avrei voluto fare prima... e anche di più. Possibile che ci metta tutta la giornata prima di carburare veramente? Forse soffro di uno strano tipo di jet-lag...

Commenti

Skitch ha detto…
Non e' un jet lag... io iniziavo a studiare alle 6 di sera quand'ero all'universita', e finivo alle 4 di notte... e adesso che lavoro in ufficio, se la pausa pranzo inizia alle 13.00, io inizio a lavorare seriamente alle 12.00, dalle 9 alle 12 faccio un decimo di quello che dovrei...
Secondo me e' una vera e propria patologia...

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…