Passa ai contenuti principali

Autunno in arrivo

Fra 9 giorni compio gli anni. Io adoro settembre, e adoro il mio compleanno. La cosa divertente è che credo di non aver mai fatto una vera festa di compleanno in vita mia, a parte a casa con la famiglia quand'ero piccola e di tanto in tanto un'uscita con un po' di amici, ma senza pretese. Da un po' di anni a questa parte, poi, in genere dico: se quando usciamo incontriamo "i soliti" offrirò loro da bere, ma poi va sempre a finire che, per qualche motivo, proprio quel giorno (o il fine settimana più vicino al compleanno) non incontro nessuno. Ma non mi interessa, sono solo contenta che sia il mio compleanno, non so perché. La maggior parte della gente che conosco, soprattutto andando avanti con gli anni, odia quel giorno perché "invecchia". Mah, invecchiamo tutti i giorni comunque, quindi, cambia nulla.
Un po' come a Natale, ma con meno fronzoli, sono come una bambina che aspetta impaziente di scartare il suo regalo, che poi è quello più importante, cioè quello che mi fa lui :) I nonni che telefonano per farmi gli auguri, la nonna che mi racconta per l'ennesima volta della notte in cui sono nata (che doveva essere l'ultimo giorno di vendemmia), la mamma che mi dice di comprarmi quello che voglio che me lo regala lei eccetera. E in genere io e la Francy riusciamo a organizzarci un aperitivo, nonostante i reciproci impegni, e sfruttiamo l'occasione per vederci. Insomma, un rituale tipico, rassicurante. Quest'anno non ho voglia del tiramisù, invece, e se ho tempo farò la mia buonissima torta al cioccolato, oppure la torta al formaggio che tanto era piaciuta ad Ale (colesterolo alle stelle, immagino...), o magari qualcos'altro (anche se dubito che avrò tempo di sperimentare, ma vedremo).
E poi arriva l'autunno.
E io lo so che in fondo, da qualche parte, mi dispiace vedere le giornate che si accorciano, sapere di avere meno luce a disposizione e che il tempo sembra ridursi al lavoro e agli impegni, ma in realtà, ci sono momenti in cui aspetto con ansia di godermi il freddo che arriva, godermelo avvolta nei maglioncini e nei cappotti, sotto la coperta sul divano con in mano la tazza fumante di un tè bollente, con i colori caldi dell'autunno che riempiono tutto, le passeggiate nei campi e l'odore umido dopo la pioggia, le foglie sotto i piedi e il cane che annusa l'aria in cerca di chissà cosa, così buffo quando cerca di non mettere le zampine sul bagnato (un po' schizzinoso, il ragazzo), il naso che "frizza" e la pelle d'oca, gli abbracci, diversi da quelli estivi, più goffi per colpa degli strati di vestiti, ma caldi comunque. E poi, quando rientri a casa e ti accoglie il caldo che fuori non c'è più, e magari lui sta cucinando e c'è un profumo buono e il vapore sui vetri, e ti togli le scarpe e giri in calzetti perché ormai le infradito sono un ricordo. Come potrei non amare tutto questo? In fondo, è ed è sempre stata la mia stagione.

Commenti

bob ha detto…
Io detesto autunno ed inverno perche' fondamentalmente odio il freddo e non sopporto la neve, pero' settembre ha un fascino particolare, mi porta alla mente ricordi di infanzia ed adolescenza che spesso mi davano sensazioni molto piacevoli: la soddisfazione di essermi divertito e non aver sprecato l'estate, l'avvicinarsi del ritorno a scuola (a me e' sempre piaciuto andare a scuola), il ritorno di tutti i ragazzini e ragazzine dalle vacanze e la citta' che si riempiva di nuovo, ecc. Settembre e' un gran bel mese.
Michela Gregoris ha detto…
ciao bob! sì, settembre è quella via di mezzo là...
come ti vanno le cose, a parte l'odore di minestrone di cui già so?

comunque direi... buon settembre!
bob ha detto…
hey! tutto bene, come al solito direi, soggetto all'entropia ed al decadimento, ma il minestrone aiuta. buon settembre a te.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…