Passa ai contenuti principali

Evernote

Ecco qui, adesso vi racconto di Evernote.

Mi sono ritrovata di punto in bianco a dover scrivere dieci articoli per un sito in partenza, e volevo cercare di ottimizzare i tempi meglio che potevo visto che non sono molto esperta e che da un momento all'altro poteva arrivarmi una bozza da correggere. E così, spulciando fra i siti di webwriting&co. ho casualmente letto un articolo che parlava di questo programma.

Si tratta di una specie di raccoglitore di taccuini (io finora ne ho creati tre) dove si può annotare quello che passa per la testa, memorizzare pagine web o solo ritagli, foto ecc. grazie al "web clipper": in pratica quando ti trovi in una pagina che ti interessa conservare per un uso specifico in futuro non fai altro che cliccare sull'elefantino (l'icona di Evernote) sulla tua barra delle applicazioni e questo va in memoria sul tuo taccuino.
Come dicevo dovevo scrivere dieci articoli e per ognuno di essi avevo bisogno di fare un po' di ricerca in internet, quindi ho dedicato una parte del tempo alla sola ricerca, memorizzato tutte le pagine che mi potevano servire e poi in un secondo momento le ho rilette, ed erano tutte lì a portata di mano, catalogate con i tag in base all'argomento e se fossi stata in giro potevo rileggermele anche sullo smartphone (ho scaricato Evernote anche da lì, e grazie alla sincronizzazione dei contenuti posso averli dove voglio).
È stato utile visto che avevo molte cose e abbastanza tempo per organizzarmi, invece di dover fare tutto di corsa (trovare un po' di fonti utili, scrivere subito il pezzo ecc. ecc.) ho potuto lasciar "marinare" un po' gli articoli, magari rileggere le fonti per essere sicura di non aver sbagliato nulla senza andare alla disperata ricerca di pagine che avevo letto ma magari dimenticato di mettere fra i segnalibri.
I titoli dei miei tre taccuni?
Uno è "taccuino di ", l'altro si chiama "scritti sparsi" e il terzo "articoli sito". Il primo è quello creato di default e l'ho usato quasi solo all'inizio per sperimentare il programma, il terzo ovviamente solo per quello che mi serviva per lavoro mentre alla fine sarà "scritti sparsi" il mio vero bloc notes digitale per tutta l'accozzaglia di roba che mi viene da scrivere ma non per forza da pubblicare. é anche un po' una brutta copia per qualche post del blog, visto che a volte mi metto a scrivere e finisco per non terminare il post perché perdo ispirazione o succede qualcosa nel mezzo. Poi va a finire anche che non continuo più né pubblico più quello che stavo scrivendo. Così sono più sicura di non perdere niente. E non serve nemmeno schiacciare tasti di salvataggio, perché una volta scritto qui hai scritto e basta.

Il mio enorme raccoglitore di Post-It digitale, credo di non poterne più fare a meno! :)

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…