Passa ai contenuti principali

Tè (anche se alle 4, ma io c'ho freddo)

Piccola pausa dal lavoro.
Mi piace correggere direttamente in Indesign, anche se so che il processo che mi porterà alla cecità sarà più veloce.
Oggi avrei voluto dormire fino a tanto tardi, ma c'erano troppe cose da fare stamattina e quindi sono stanca e credo che fra poco mi godrò la mia pausa tè, altrimenti non connetto più. Oh, ragazzi, non posso specificare per ovvi motivi, ma dopo la sottospecie di roba che ho corretto stamattina posso serenemante affermare che chiunque può pubblicare un libro, della peggior fatta. Davvero. E non con l'autopublishing, proprio attraverso il canale tradizionale.
Boccaccia mia statte zitta, è una frase che ultimamente mi ritrovo a ripetere spesso.
Vi ho detto che abbiamo rilitigato coi vicini? Meno male che siamo pantofolai e non torniamo mai a casa tanto tardi, quindi nessuno può lamentarsi che il cane non li fa dormire. Devo trovare il modo per assicurarmi che impari a stare buono, ma non posso portarlo a addestrare o correggere il comportamento, al momento non è il caso di spendere soldi extra. Però mi sto impegnando per fare un pochino di addestramento casalingo, dieci minuti due o tre volte al giorno quando riesco, e poi a non cagarlo troppo durante il giorno e limitare le coccole a quando è tranquillo, altrimenti si esalta e non si finisce più. Ma è così carino, come si fa a resistergli. Però davvero, mi impegno più che posso. Tanto più che il cane se è dentro casa e fa casino nessuno può darti multe o robe simili, ma mi interessa più che altro che il biribullo stia bene. Sì, e anche che ai vicini non venga in mente di rigarci la macchina o fare altro. Rosa e Olindo li ho soprannominati. Per fortuna il mio moroso non si fa intimidire da niente (no perché dovete capire, il cane resta a casa da solo una volta ogni morto di papa, io lavoro qui e lui dormicchia, poi lo porto a passeggio un'infinità di tempo, faccio del mio meglio sul serio, e poi ce lo portiamo dietro quasi sempre, solo perché non vogliamo che i due rompano il cazzo, il problema è che così lui non si abitua e insomma, è come il cane che si morde la coda, per usare un cliché appropriato). Tanto più che sono un po' di giorni che mi accoccolo accanto al mio moroso e gli dico che mi deve difendere dai vicini che ho paura (per fare la cretina, ovvio).
Finché non arriva l'esercito credo di essere abbastanza tranquilla e a posto con la coscienza.
Dunque diciamo che qui è la solita vitaccia, e adesso devo ritornare al libro che sto correggendo, che per fortuna, al contrario di quell'altro, non è niente male.

A presto!

Commenti

bob ha detto…
i problemi con i vicini sono universali. quando ero in Italia e vivevo ancora con i miei qualcuno taglio' un albero nel nostro giardino. cosi', a sfreggio, perche' mio padre litigava spesso con i vicini, tutti, per via dei parcheggi. invece qui in piena campagna elettorale ho messo un bell'adesivo di Obama sul paraurti e il giorno dopo ho trovato un foglietto minatorio sul parabrezza. di conseguenza ho messo un altro adesivo di Obama sull'altro lato del paraurti. quella notte mi hanno rigato la macchina.
Miky ha detto…
ah, che stronzi. però hai fatto bene a mettere un altro adesivo, è uno dei motivi per cui non mi dispiace avere la macchina vecchia. che la righino pure, sai che mi frega :)

Post popolari in questo blog

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

La ciliegina sulla torta

Esco da un weekend bello. Bello davvero, pur nella sua semplicità. Intanto venerdì sera io e la mia amica storica (che vive a Parigi) siamo uscite per aperitivo e cena, solo noi due come ai vecchi tempi. Se è difficile farlo in generale perché gli impegni, il lavoro, la bimba eccetera, figuriamoci con una persona che torna in Italia solo di tanto in tanto! Ma questa volta ce l'abbiamo fatta, e non poteva essere diversamente perché lei ne aveva senz'altro più bisogno di me, dato che ha appena attraversato uno di quegli scossoni della vita che la vita per come l'avevi pensata fino a poco prima te la cambiano.  E dopo un sabato in famiglia per compleanni vari, domenica gita a Venezia! L'anno scorso ci abbiamo portato una piccola Dafne che già camminava ma dormiva nel marsupio. Ma quest'anno ci siamo andati in treno, abbiamo camminato tutti e molto (Dafne non usa il passeggino da quando ha un anno e mezzo, quindi ci si arrangia così: camminare o in braccio – la schiena…

Puzzle

So che mi riprenderò, ma mi sembra che quest'anno sia cominciato in salita. Non riesco a togliermi questa immagine dalla testa. E non c'è un motivo particolare, una causa negativa scatenante che abbia reso le cose difficili, o tristi, ma semplicemente una concatenazione di eventi normali, una quotidianità a cui non riesco ancora a dare una forma, che non riesco a plasmare a mia immagine e somiglianza. È un problema, perché nel frattempo i giorni si susseguono e in un modo o nell'altro li devi portare in fondo, ma mi sembra che se ogni giorno lo porto in fondo con fatica, quello successivo inizierà con ancora più fatica. È un circolo vizioso, lo so, e so anche che probabilmente basta girare una chiave nel punto giusto e comincerà pian piano a ritrovare tutto il suo giusto posto. È che quella chiave mi sembrava di averla trovata, ma forse, per come arrivo sfinita alla fine della giornata, non era la chiave giusta. Comunque la sensazione predominante è che ci sia qualcosa ch…